Usare la mountain bike su strada? Certo che si può (ma attento a queste cose)

Usare la mountain bike su strada

Non c’è nessun divieto a usare la mountain bike su strada, ovviamente. Ma la domanda è lecita, soprattutto tra chi ha una sola bicicletta, o ha intenzione di acquistarne una, e ha il dubbio se andare in MTB su asfalto sia una buona idea. Ovviamente non è la stessa cosa: non è la stessa cosa che usare la MTB su sterrato o terreni ancora più tecnici, e non è la stessa cosa che usare una bici da strada. Ma poi la risposta vera è “dipende”. Cioè dipende dai motivi per cui vai in bicicletta, dal budget che hai a disposizione per la bici, dai tragitti che fai, da quante volte usi la bici durante la settimana, il mese e l’anno, e da tanti altri aspetti. Ma andiamo per ordine.

Pubblicità

A cosa serve la mountain bike?
La risposta è facile: la mountain bike è progettata per procedere più o meno agevolmente e velocemente su fondi sconnessi, fangosi, sterrati, accidentati e ogni altro aggettivo ci venga in mente intorno all’idea di fuori strada. Cioè per geometria del telaio, posizione in sella, tipologia di ruote e pneumatici e rapporti di trasmissione una mountain bike dà il meglio di sé in fuori strada. Questo non significa che non si possa usare anche in strada ma è chiaro che non sarà la stessa cosa che usare una bici da corsa. La geometria del telaio e la posizione in sella di una mountain bike non sono pensate per essere così aerodinamiche e così efficienti dal punto di vista biomeccanico come quelle di una bici da strada. E così sezione (cioè larghezza), mescola e disegno degli pneumatici di una mountain bike non sono così scorrevoli su strada come quelli di una bici da corsa, che sono più stretti, leggeri, lisci e scorrevoli (il motivo è la forza d’attrito volvente, su cui incide anche la pressione di gonfiaggio degli pneumatici). Oltre al fatto che i rapporti della trasmissione di una MTB (cioè l’insieme di corona e pignoni) ha uno sviluppo metrico diverso e generalmente inferiore rispetto a quello di una BDC.

Perché andare su strada con la mountain bike?
Viste le differenze c’è ora da chiedersi perché andare su strada con la mountain bike. Se la questione è sentirsi più sicuri nelle strade urbane ha senso, e basta guardare i rider che fanno le consegne: quanti usano una bici da corsa o da strada e quanti una mountain bike? Sì, la maggioranza usa MTB. E il motivo è che la posizione in sella è più comoda e meno estrema, tombini, dossi, cordoli, buche, rotaie e pavé non sono un problema e non lo sono generalmente nemmeno le strade bagnate. Certo in città andrebbe bene anche una city bike, ma la trasmissione è decisamente meno performante di quella di una MTB.
Se invece il motivo è tenersi in forma facendo una generica attività aerobica in bicicletta, ha comunque senso. Cioè non batterai i record di Strava, andrai sicuramente più piano che con una bici da corsa, farai ragionevolmente un po’ più di fatica, sia sul pianeggiante che in salita (e i motivi sono appunto l’attrito volvente ma anche il coefficiente aerodinamico e il peso, la cui resistenza è direttamente proporzionale alla pendenza percentuale del percorso ed è chiaro che una MTB pesa generalmente più di una bici da corsa) ma se vuoi usare la mountain bike in strada lo puoi fare tranquillamente fare.

In MTB su strada: i consigli per andare meglio
Detto quindi che nulla sconsiglia di andare in MTB su strada, ci sono poi un po’ di cose per girare meglio. La prima sarebbe di cambiare pneumatici e mettere quelli “slick”. Sì, esistono pneumatici stradali da MTB, che sono meno tassellati (quindi scorrono meglio, riducendo l’impatto dell’attrito volvente) e hanno una mescola più resistente all’abrasione (quindi durano di più e si consumano meno rispetto a quelli da fuori strada). Ovviamente non è che puoi cambiare solo lo pneumatico ogni volta che decidi di andare in strada anziché in fuori strada con la tua mountain bike, per cui la cosa ideale sarebbe avere un doppio treno di cerchi e pneumatici, uno per la strada e uno per il fuori strada. Cambiare l’intera ruota è molto più semplice e veloce, bastano 5′ al massimo.
Se non puoi o non vuoi avere due treni di ruote diverse allora ti conviene sicuramente gonfiare a una pressione maggiore gli pneumatici. Una maggior pressione di gonfiaggio significa una minor superficie di contatto con la strada, cioè un minor attrito volvente. Quindi più velocità e meno fatica (è un po’ come la questione dei consumi in auto, per cui prima dell’esodo estivo tutti consigliano sempre di controllare la pressione di gonfiaggio degli pneumatici).
Altra cosa utile da fare è alzare un po’ il sellino. La geometria del telaio quella è e non la puoi cambiare, ma alzando un po’ il sellino rispetto a quando vai in fuori strada avrai una posizione più raccolta e allungata in avanti. Non è come con la piega su una bici da corsa ma è decisamente più aerodinamica che la tradizionale posizione in sella sulla MTB.
Poi, se hai intenzione di prendere una MTB per andare anche su strada allora punta a una Front, che sono quelle ammortizzate solo davanti (le Full invece sono ammortizzate anche dietro, il che comporta una dispersione maggiore dell’energia, cioè fatica in più). Con una MTB Front da XC in strada un altro buon consiglio è quello di bloccare la forcella: non che avrai magicamente tra le mani la forcella di una bici da strada ma sarà decisamente più guidabile e meno faticosa che con la forcella sbloccata.
Infine se hai comprato una Front ragionevolmente avrai montati i pedali Flat (son quelli tradizionali): se vuoi spingere davvero e fare un vero allenamento può essere utile montare gli SPD a sgancio rapido, per cui servono anche delle scarpe apposite.

Foto di MaBraS da Pixabay

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità