Elettrostimolazione: quali risultati si ottengono?

L'elettrostimolazione è una terapia fisioterapica sicuramente utile ma che non serve per dimagrire o per ingrossare i muscoli

Elettrostimolazione

L’elettrostimolazione è sempre più diffusa, anche grazie a dispositivi più semplici, più piccoli e anche più economici. C’è stato un vero e proprio boom nelle vendite degli elettrostimolatori, e insieme a questo si è scatenata un po’ di confusione sui reali risultati che si possono ottenere con questi dispositivi. Che – è bene dirlo – fanno parte di una pratica fisioterapica, che attraverso i sensori, invia degli impulsi elettrici a basso voltaggio per stimolare la contrazione muscolare.

Pubblicità

Elettrostimolazione: quali risultati si ottengono?

Prima di vedere cosa può realmente fare un elettrostimolatore, occorre dire che esistono diversi tipi di elettrostimolazione – TENS, EMS, interferenziale – e che nonostante gli indubbi benefici non bisogna aspettarsi miracoli.

L’elettrostimolazione serve per dimagrire?

No, l’elettrostimolatore non serve per dimagrire nel modo più assoluto. Per due ordini di motivi. Il primo è che la contrazione muscolare indotta dagli impulsi elettrici non ha nessuna conseguenza a livello metabolico, cioè di consumo di calorie. E dovrebbe essere chiaro per chiunque che per dimagrire è il saldo tra le calorie assunte e quelle consumate con l’attività a contare. Quindi anche se, per ipotesi, si utilizzasse un elettrostimolatore sempre, h24, per giorni, non ci sarebbe nessun effetto di dimagrimento. Questo vale in generale, ma anche a livello topico, e questo è il secondo motivo: anche qualora si volesse “dimagrire” in qualche punto e ridurre il grasso in eccesso a livello topico (esempio classico a livello addominale) la contrazione muscolare indotta dall’elettrostimolatore non ha nessun effetto lipolitico nemmeno a livello topico.

L’elettrostimolatore rende più forti?

In qualche modo sì. Ma appunto in qualche modo. Lo sviluppo della forza a livello muscolare dipende da determinati criteri di stimolazione e gli impulsi elettrici emessi da un elettrostimolatore possono generare contrazioni muscolari in qualche modo simili a quelli di un programma di sviluppo della forza. Simili ma non uguali per 2 motivi: il primo è che la contrazione indotta dagli elettrodi è molto localizzata, mentre qualunque esercizio di incremento della forza coinvolge i muscoli nella quasi loro totalità (spiegato più semplice: pensare di avere gli stessi risultati applicando gli elettrodi sulla cosce e facendo uno squat con bilanciere è impossibile); il secondo è che qualunque esercizio di incremento della forza ha una fase concentrica e una eccentrica (nel caso dei bicipiti con il manubrio: quando si solleva il manubrio ma anche quando lo si abbassa) praticamente impossibili da replicare con un elettrostimolatore. Detto tutto ciò, come compendio e complemento di un programma di allenamento, l’elettrostimolatore può aiutare ad aumentare la forza, soprattutto nel caso di muscoli che nel proprio sport vengono usati meno o più difficili da allenare, o nel caso di muscoli atrofizzati causa infortunio (l’esempio classico è l’ingessatura).

L’elettrostimolatore funziona contro la cellulite?

Sì, ma non bisogna aspettarsi miracoli. La cellulite è un inestetismo della pelle causato dall’accumulo di adipe nel tessuto sottocutaneo, soprattutto in particolari aree del corpo. Le cause della cellulite sono molte e diverse (genetiche, legate allo stile di vita, ormonali, dovute a cattiva circolazione del sangue e altre ancora). Agendo sulla muscolatura sottostante l’elettrostimolazione può ridurre l’incidenza di alcune di essere, come il tono muscolare, la circolazione sanguigna, in parte la presenza di adipe, ma francamente non è lo strumento che risolve tutti i problemi.

L’elettrostimolatore fa venire gli addominali?

No. Quelli che si vedono in Tv con la fascia addominale gli addominali li avevano già. È bene essere chiari su questo. Avere un addome tonico, fianchi snelli e in generale un core forte è qualcosa che va oltre le possibilità di uno strumento che genera impulsi elettrici che provocano contrazioni muscolari locali. Detto ciò usarlo in alternanza con i normali allenamenti può essere utile, tanto per gli addominali quanto per altri gruppi muscolari.

L’elettrostimolatore ingrossa i muscoli?

No, se per ingrossare i muscoli si intende l’effetto body building no, l’elettrostimolatore non serve a questo. Sicuramente è in grado di tonificare la muscolatura, sicuramente è in grado di aiutare la ricostruzione muscolare in determinati casi (per esempio dopo un lungo periodo di immobilizzazione di un arto a causa di un infortunio) ma da qui a causare trofismo muscolare ce ne passa e no, l’elettrostimolatore non è in grado di ingrossare i muscoli. Vale per le braccia, vale per le gambe, per gli addominali, le spalle e ogni altro distretto muscolare.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche...