Quanto sport devono fare i bambini?

Quanto sport devono fare i bambini?

Quanto sport devono fare i bambini è la classica domanda che si fanno i genitori, soprattutto i neogenitori, in dubbio tra il troppo e il troppo poco. La risposta cercano di darla le nuove Linee guida 2020 OMS su attività fisica e sedentarietà emanate a fine novembre 2020. Un documento che recepisce le ultime evidenze scientifiche in tema di promozione dell’attività fisica e contrasto alla sedentarietà e che aggiorna le precedenti linee guida emanate nel 2010. Un documento che ribadisce anche in questo frangente di pandemia, lockdown e distanziamento sociale quanto sia importante permettere a bambini e ragazzi di tornare a fare sport. La risposta più semplice e sensata alla domanda su wuanto sport devono fare i bambini è quella di Fiona Bull, responsabile della Physical Activity Unit che ha coordinato il lavoro: «Essere fisicamente attivi è essenziale per cuore, mente e corpo, a ogni età e con ogni abilità». In 3 parole: Every Move Counts. Ogni movimento è importante. O per dirla con le raccomandazioni del 2010 e confermate anche in questo nuovo programma dell’OMS:

Pubblicità

fare un po’ di attività fisica è meglio di niente
aumentarne la quantità permette di ottenere ulteriori benefici per la salute
“every move counts”, ossia qualsiasi tipo di movimento conta.

Già qui serve una precisazione: l’OMS e l’ISS parlano di attività fisica e di movimento, e per i bambini ma anche per i ragazzi si intende anche il gioco. Non necessariamente lo sport come ormai lo si intende comunemente: un’attività guidata e strutturata da un istruttore / allenatore che si tiene in orari e luoghi precisi.
Poi nelle stesse Linee Guida ci sono anche alcuni elementi di novità. In particolare “aggiornamenti delle raccomandazioni riguardanti la quantità (frequenza, intensità e durata) e il tipo di attività fisica che bambini e adolescenti (5-17 anni), adulti (18+) e anziani (65+) dovrebbero svolgere per ottenere benefici significativi e ridurre i rischi per la salute“. Nel dettaglio per bambini e adolescenti (da 5 a 17 anni):

– dovrebbero svolgere, giornalmente, una media di 60 minuti di attività fisica principalmente aerobica di intensità variabile fra moderata e vigorosa. Si riafferma, inoltre, che è importante che svolgano, almeno 3 volte a settimana, attività fisica di intensità vigorosa e esercizi per rafforzare muscoli e ossa.

Quindi non “almeno un’ora al giorno” come nella versione precedente delle Linee Guida (che lasciava pensare alla classica ora di attività sportiva) ma una “media di 60 minuti di attività fisica”, che può essere anche raggiunta in più momenti nel corso della giornata e in diversi modi, dal gioco allo sport vero e proprio. Ci sono altri due aspetti da considerare. Il primo che l’attività sia aerobica tra moderata e vigorosa (correre e giocare al parco è attività aerobica moderata, una partitella di calcio o basket tra amici può essere vigorosa, come lo può essere qualunque allenamento sportivo). Il secondo è che almeno 3 volte a settimana bambini e adolescenti dovrebbero svolgere attività aerobica intensa e (quindi inoltre) “esercizi per rafforzare muscoli e ossa”. Ma cosa si intende per “esercizi per rafforzare muscoli e ossa”. No, non i pesi, è bene specificarlo in modo chiaro e netto. Ma qualunque esercizio di “muscolazione” a corpo libero (per esempio come questi) va proprio in questa direzione.

Credits photo: it.depositphotos.com

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità