Dalla scrivania alle ultra-trail: la storia di Lara Crivelli

Lara Civelli Trail Running Vibram

Lara Crivelli è un membro del Vibram Trailrunning Team: non aveva mai corso prima di poco più di un anno fa, ha cominciato per sfogare le tensioni e lo stress di una vita da ufficio, e da quel momento non si è più fermata. Una vera storia di gente normale che fa cose straordinarie: eccola.

Pubblicità

> Leggi anche: 8 scarpe da trail running per correre sul bagnato

La storia di Lara Crivelli, ultra runner per gioco

Non avevo mai corso prima. Da piccolina ho fatto giusto un paio di anni di nuoto a livello agonistico, ma niente più. Poi ho iniziato a correre per gioco e per beneficenza: era una garetta serale nel centro storico del mio paese e da lì pian piano ho iniziato a correre aumentando sempre di più il chilometraggio. Inizialmente però partecipavo solo a gare su strada organizzate dalla mia società, la Fidal Avis Marathon Verbania.

Anche se ho uno spirito decisamente selvaggio e la passione per la montagna e la natura è sempre stata insita in me non pensavo di correre in montagna fino a quando non ho provato a buttarmi nel mio primo mini trail all’Alpe Vercio, vicino a casa, ed è stato amore a prima vista.

> Leggi anche: Tre cime di Lavaredo, dove si impara a fare i trail

Da quel giorno ho iniziato a inserire uscite in solitaria, immersa nella natura, appassionandomi sempre più.

Corro ancora su strada perché ritengo che sia comunque molto allenante per lavorare sul ritmo e talvolta anche per allenamenti veloci prima di andare al lavoro, perché sono gli unici tragitti che posso fare in meno tempo: sui sentieri, talvolta, spinta dalla curiosità e dalla voglia di esplorare, rischio di prolungare i tempi di allenamento, ma lavoro come impiegata amministrativa presso una software house, e il dovere mi chiama.

> Leggi anche: L’equipaggiamento che serve per una gara di trail running

Dopo 8 ore seduta a una scrivania la voglia di fare girare le gambe è inevitabile!

Starei in giro ore ore e ore e per quello mi sono appassionata in breve tempo alle lunghe distanze ultra trail. In nove mesi ho già partecipato a 4 gare sopra i 60 km, calcolando che ad aprile purtroppo ho avuto un infortunio che ha rallentato la mia sete di ultra.

A livello di allenamenti indoor e outdoor per ora mi autogestisco, vado molto a sensazioni, ma prima o poi mi piacerebbe farmi seguire da un professionista per vedere fino a che punto riesco ad arrivare (A proposito, io lancio l’appello… 🙂 ) perché sono convinta più di tutto che con passione e costanza tutte le fatiche vengano ripagate.

> Leggi anche: Le gare di trail running da correre in Italia

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche...