Ed Whitlock, più che un runner, una leggenda

Ed Whitlock

Mai visto un highlander? Basta andare in Canada e chiedere di Ed Whitlock, che nel mese di ottobre, alla bellezza di 85 anni, ha polverizzato il record del mondo di maratona, categoria 85-90 anni, chiudendo i 42km e 195 metri con il tempo di 3 ore e 56 minuti netti, scendendo sotto le 4 ore e abbassando il record precedente di 38 minuti. Se non credevate agli highlander, beh adesso cosa ne pensate ?

Pubblicità

Un runner da record

Classe 1931, ogni giorno si allena e non ha intenzione di rallentare questa sua stupenda voglia di correre. Questo ‘mito’ dello sport master è nato a Londra, per poi trasferirsi in Canada, dove vive a Milton nell’Ontario. Nel 2000 è stata la persona più anziana a correre una maratona in meno di tre ore e da allora non si è più fermato, raccogliendo risultati sempre più esaltanti.

E pensare che dopo l’attività sportiva praticata in gioventù, Whitlock per problemi di lavoro aveva smesso, ma stimolato della moglie, all’età di 41 anni, ha rimesso le scarpe da runner e ha ripreso a correre e non si è più fermato. A 73 anni ha fatto stoppare il cronometro sul tempo di 2 ore, 54 minuti e 48 secondi, suo miglior risultato in assoluto. Nel 2006 quest’ asciutto signore in perfetta forma, ha preso parte alla Toronto Waterfront Marathon, nel gruppo dai 75 ai 79 anni, finendo la gara in 3:08:35.

> Leggi anche: Le 15 maratone più strane del mondo

“Io corro per correre”

L’anno successivo, a Rotterdam, Whitlock si è addirittura migliorato chiudendo con il crono di 3:04:54. Nella città olandese è tornato nel 2011, dopo aver spento un mese prima 80 candeline, arrivando al traguardo, dopo i canonici 42,195 chilometri, nel tempo di 3:25:43. Quattro anni fa, a 81 anni, indossando il pettorale n°1, ha battuto il record canadese di mezza maratona prendendo parte alla prima edizione della Milton Half-Marathon, che si è corsa proprio nella città in cui risiede. Ed ha raccontato che nella sua famiglia uno zio ha vissuto fino a 106 anni, come si dice ‘buon sangue non mente’ e quello del sistema cardiovascolare di Whitlock gira che è una meraviglia. In una recente intervista ha dichiarato: “Io non lo faccio solo e principalmente per la mia salute o per qualche altro motivo. Io corro per correre e lo farò per tutto il tempo che potrò farlo”.

> Leggi anche: Stare nella natura è il segreto della longevità

Scarpe, oggetto sacro per un runner

A proposito di scarpe, pare che che quelle che Whitlock indossa per gareggiare siano un modello di circa venti anni fa, anche perché le considera ideali per correre e a chi gli ricorda che oggi ci sono modelli tecnologicamente avanzati, Ed mostra il suo paio di scarpe, delle quali ha una buona scorta, e corre via. Provate a stargli dietro.

> Leggi anche: Come scegliere le scarpe da running

Credits photo: discovermilton.com

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità