Prova – Reebok Zig Sonic

Suola e intersuola Qui invece ci sono venuti i veri dubbi. Secondo Reebok la suola Zigtech dovrebbe resituire l'impatto del piede al suolo in forma di un'onda verticale capace di far risparmiare energia ai muscoli delle gambe. Sarà suggestione, sarà che ci siamo stati fin troppo attenti, ma in effetti la corsa ci è sembrata meno naturale, quasi più rimbalzata rispetto all'esperienza con le solite scarpe da running. Diverso invece il discorso quando abbiamo fatto un workout in palestra: per esempio facendo uno squat jump, o degli affondi avanti o laterali con i manubri, o stacco e slancio con i kettlebell la sensazione che abbiamo avuto ai piedi è stata ottima. Attenzione però: la suola è molto morbida e flessibile in senso longitudinale, ma è estremamente rigida in senso laterale, per cui per esempio non ci è sembrata superconfortevole a fare la classica serie di scatti con cambio di direzione tra i coni e i birilli.

Sì, si fanno notare. E come le abbiamo visto abbiamo pensato: Belle! Belle perché arroganti nel senso buono, non convenzionali, nei colori e nella forma della suola a zigzag (che infatti ha vinto il prestigioso Wallpaper Design Awards 2011). Poi le abbiamo provate e l’entusiasmo, come la suola, è stato ondivago.

Pubblicità

 

Marca: Reebok
Modello: Zig Sonic

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità