Come pulire lo zaino (prima e dopo il viaggio)

Come pulire lo zaino

Uno zaino capiente e resistente è l’alleato migliore per le tue attività outdoor. Tuttavia, durante una lunga scalata, una corsa in mezzo alla natura o una sessione di trekking, lo zaino può catturare polvere o sudore, e rischia di rovinarsi, anche se non si nota ad occhio nudo. Per questo motivo sapere come pulire lo zaino correttamente e farlo periodicamente diventa fondamentale per mantenerlo sempre in buono stato ed evitare che germi o batteri proliferino.

Come pulire lo zaino (prima e dopo il viaggio)

Scopri grazie ai consigli di Thule come pulire correttamente il tuo zaino da outdoor, per godere di tutte le tue avventure senza pensieri e assicurare una vita più longeva alla tua attrezzatura.

Sempre meglio lavare a mano

In caso di dubbi e per evitare ogni tipo di danno, la cosa migliore rimane lavare gli zaini a mano, un metodo sicuramente più delicato e in grado di rispettare le proprietà di ogni tipo di tessuto. Anche in questo caso, prima del lavaggio sarà necessario rimuovere tutti gli oggetti dallo zaino ed estrarre eventuali tasche separate o cinghie. Dopo aver eliminato lo sporco superficiale con un’aspirapolvere o una spazzola, sarà sufficiente immergere lo zaino in una bacinella con il detersivo e risciacquare. Per le macchie più complicate o resistenti, si possono utilizzare dei prodotti specifici, assieme ad una piccola spugna o uno spazzolino, lasciandoli agire per circa 30 minuti. Dopodiché, lo zaino può essere lasciato ad asciugare naturalmente, appeso sottosopra, preferibilmente in un luogo ombreggiato e con un buon ricambio d’aria: in questo modo la luce e il calore del sole non danneggeranno il tessuto scolorendolo.

Come pulire lo zaino

Ora che sai come lavare il tuo zaino, non dovrai più preoccuparti dello sporco o del tempo che passa: l’unica preoccupazione sarà quella di godersi le tue avventure con il massimo del divertimento. Se invece hai dubbi sul materiale e sul tessuto, qui trovi qualche tip ulteriore.

Zaini in nylon

Gli zaini in nylon, come il Thule Sapling, possono tranquillamente essere lavati in lavatrice, a patto di non superare una temperatura di 40°C, dato che il tessuto in cui sono realizzati rischia di deformarsi con il calore. Per lo stesso motivo, l’utilizzo in asciugatrice è sconsigliato. Inoltre, la candeggina e i detergenti aggressivi possono rovinare il nylon: per questo bisogna prediligere detergenti delicati. Thule Sapling è uno zaino portabimbo perfetto per far godere anche ai bambini più piccoli una giornata all’aria aperta. Il suo seggiolino ErgoRide è amovibile e lavabile in lavatrice, e dispone di un supporto anti-sbavatura per garantire una pulizia comoda e facile. Traspirante e fresco, Thule Sapling è dotato di un parasole con UPF 50.

Zaini in poliestere

Gli zaini in poliestere possono essere lavati in lavatrice a 40°C e si asciugano facilmente: per questo non è necessario asciugarli in asciugatrice, che al contrario potrebbe deteriorare i tessuti, le cerniere e le cinghie. Il poliestere può inoltre essere inserito in lavaggi misti, in quanto il colore non si trasferisce fra i capi.

Zaini in tela

La tela di alcuni zaini, come Thule Aion Travel Backpack 28L, può essere lavata in lavatrice, ma può scolorire se mescolata con altri tessuti. Bisogna evitare inoltre l’uso della candeggina, che può ingiallire il tessuto, e dell’acqua calda, che lo restringe. Sono da prediligere infine detergenti delicati. Lo zaino da viaggio Thule Aion da 28 litri è realizzato in materiale interamente riciclato e certificato bluesign. Il comodo divisorio interno in TPU separa gli oggetti sporchi o umidi da quelli puliti e mantiene organizzato lo spazio. Lo zaino dispone di numerose tasche interne e il pannello posteriore si apre completamente come fosse una valigia, per poter riporre con comodità tutto il necessario per un viaggio.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche...

Nessun Tag per questo post