Vorresti allenarti al mattino ma non ci riesci? Ecco perché e cosa puoi fare

Vorresti allenarti al mattino ma non ci riesci? Ecco perché e cosa puoi fare

Anche tu vorresti allenarti al mattino. Perché li vedi quelli che corrono all’alba mentre tu scosti le tende preparando il caffè ancora con gli occhi semichiusi. E li senti quelli che raccontano di allenamenti mattutini all’ora in cui tu cercavi ancora di staccare la testa dal cuscino. E però appunto, di allenarsi al mattino proprio non se ne parla. O ti mancano le motivazioni, per cui preferisci stare a letto, oppure non riesci assolutamente a carburare. E anche un workout da 20′ che dovrebbe darti energia, buonumore, carica e sprint per tutta la giornata, diventa una tortura. A volte anche peggio perché ti resta un mal di testa o un senso di nausea che dura tutta la giornata, fino al momento in cui, finalmente, vai a dormire.

Pubblicità

Perché non riesci ad allenarti al mattino

I motivi per cui non riesci ad allenarti al mattino sono molteplici, e spesso non è solo uno a influire sulle tue difficoltà ma un insieme di cause. Che proviamo a mettere in fila.

1. Dormi poco
Banale ma nemmeno così tanto. Se la tua vita ti porta ad andare a letto tardi, scordati di poterti alzare all’alba e fare sport. Anche se sei tra i fortunati che hanno bisogno di (relativamente) poche ore di sonno. Il nostro corpo ha comunque e sempre bisogno di ricaricarsi, e questo avviene solo con un sonno regolare e sufficiente. Se puoi andare a letto presto, questa è la prima cosa da fare per riuscire ad alzarti al mattino in tempo utile e con le giuste energie per fare almeno un po’ di esercizio fisico prima di cominciare la giornata.

2. Sei disidratato
C’è chi beve anche di notte, durante i risvegli, e chi si addormenta come un sasso e non beve per molte ore. Se a questo si aggiunge anche il bere poco nelle ore precedenti l’addormentamento ecco che la condizione di disidratazione al mattino è spiegata. La controprova potrebbe essere il colore delle urine, di un giallo più scuro, o il fatto di avere sete. Ed essere ben idratati è fondamentale per fare sport, a qualunque ora. La disidratazione infatti ha come conseguenze la riduzione del volume plasmatico, dell’attività cardiaca, della sudorazione, del flusso ematico cutaneo e della capacità di resistenza. La soluzione è imparare a bere di più durante il giorno per affrontare la notte con la giusta scorta di liquidi. PS: no, bere un caffè al risveglio prima di fare sport non è idratarsi, e anzi la caffeina, ancor più se accompagnata da zucchero, può aumentare la condizione di disidratazione.

3. Hai problemi di pressione bassa al mattino
La pressione bassa al mattino è una condizione molto comune e spesso è asintomatica. Almeno fino a quando non provi a fare sport. Un controllo dal proprio medico, e un monitoraggio costante con un misuratore di pressione da braccio, possono certificare questo problema. Bisogna quindi arrendersi all’evidenza dei fatti? Non necessariamente: ci sono alcuni accorgimenti, dal dormire con la testa rialzata alla dieta fino ai sali minerali e alla dieta che possono aiutarti a stabilizzare la pressione mattutina. Ma parlane appunto al tuo medico di fiducia.

4. Hai la glicemia bassa al mattino
L’ipoglicemia indica livelli bassi di glucosio nel sangue (normalmente dovrebbero essere tra i 70 e i 100 milligrammi/decilitro dopo 8 ore di digiuno). Se i livelli di glicemia sono troppo bassi le cellule non sono in grado di produrre energia per le normali funzioni, e a maggior ragione per fare sport. Generalmente i problemi di glicemia sono associati alla malattia diabetica, e raramente si riscontrano in persone non diabetiche. Ma l’uso di determinati farmaci, il consumo eccessivo di alcool o una dieta squilibrata potrebbero causare le stesse conseguenze.

5. Hai fatto colazione
Un errore comune: ti alzi, pensi a fare allenamento e che quindi hai bisogno di energie, e fai colazione. Ma così riempi lo stomaco, con alcune conseguenze spiacevoli. La prima è che lo stomaco richiama sangue per la digestione dei nutrienti, sottraendolo ai muscoli, con la conseguente sensazione di sentirti un po’ svuotato/a di energie. La seconda è la sensazione di nausea data da quell’accumulo di cibo non ancora digerito che ballonzola (se corri o fai molto dinamiche) o viene compresso se fai attività come yoga, pilates o semplicemente gli addominali. Per molti, moltissimi, è davvero difficile fare sport a stomaco vuoto al mattino, ma è l’unica cosa da fare (al massimo puoi bere un bicchiere di succo, come spiegato dalla nostra nutrizionista qui).

6. Sei un gufo (e non un allodola)
Gufi e allodole, tiratardi e mattinieri: è un modo simpatico per individuare persone con cronotipi diversi. Ci sono quelli che aprono gli occhi e sono subito attivi e pimpanti, e ci sono quelli che invece danno il meglio di sé la sera, al termine della giornata. Il tutto dipende dall’orologio interno del corpo, dai ritmi circadiani individuali. E la brutta notizia è che si tratta principalmente di una predisposizione genetica. Cioè se nasci gufo non muori allodola (e viceversa). in questo caso mettiti il cuore in pace e fai sport la sera.

7. Sbagli allenamento
Per esempio pretendi di fare un allenamento di forza o potenza al mattino, pensando che i livelli di testosterone più alti al mattino (sia per gli uomini che per le donne) possano essere d’aiuto, e invece al mattino la temperatura corporea è più bassa e ti rema contro. Oppure vuoi fare un’attività di resistenza come la corsa ma il tuo organismo non è abituato a reclutare subito le riserve lipidiche di grasso come energia e cerca quelle glucidiche, che però sono vuote a causa delle lunghe ore di digiuno date dal sonno. Tutte difficoltà che si possono superare ma che richiedono impegno, costanza e tenacia prima di raggiungere la giusta routine.

8. Non fai un adeguato riscaldamento
Sarebbe importante sempre, per innalzare la temperatura corporea, migliorare l’elasticità muscolare, preparare le articolazioni al movimento, ossigenare i tessuti e tutto il resto. Ma sì, in molti spesso saltano il riscaldamento, soprattutto quando si tratta di corsa o attività cardio all’aperto. Però al mattino è ancora più importante, perché il corpo si deve mettere in moto, i sistemi energetici attivarsi, la temperatura innalzarsi di un poco e così via. E non fare un adeguato riscaldamento è il modo migliore per bloccarsi dopo poco, con i muscoli contratti, il fiato corto, le energie al minimo e la motivazione sotto i tacchi.

Se stai cercando di allenarti al mattino puoi trovare tanti consigli su come organizzarti, sui benefici e sulle attività migliori da fare in questi nostri approfondimenti.

Credits photo: it.depositphotos.com

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità