Sulle piste da sci senza rischi: i consigli di Giorgio Rocca

Giorgio Rocca Ski Academy

Giorgio Rocca, tra i più grandi sciatori alpini azzurri di ogni tempo (lo dimostra il suo palmarès: una Coppa del mondo di slalom speciale nel 2006, 22 podi complessivi in Coppa del mondo, tra cui 11 vittorie, tutte in slalom speciale, tre medaglie ai mondiali e il record di cinque vittorie consecutive nella magica stagione 2006, come solo Ingemar Stenmark e Marc Girardelli) oggi conduce la sua Giorgio Rocca Ski Academy mettendo a disposizione l’esperienza accumulata nel circo bianco per quanti vogliono imparare a divertirsi sulla neve in tutta sicurezza. E proprio a lui abbiamo chiesto i 4 consigli per andare sulle piste in tutta sicurezza.

Non dimenticare i dispositivi di sicurezza
Il casco prima di tutto: sembra una indicazione banale ma secondo recenti studi di alcuni ricercatori del Dipartimento di scienze motorie dell’Università di Innsbruck e pubblicati sul British Medical Journal, l’uso dell’elmetto riduce i traumi alla testa del 35% negli adulti e del 59% nei bambini sotto i 13 anni. E se vuoi investire davvero nella sicurezza procurati anche un paraschiena: ci sono anche alcune giacche che l’hanno già incorporato ed è senza dubbio utile in caso di cadute.

Guardati dagli altri sciatori
Sulle piste da sci è come in strada: oltre alla giusta prudenza dei tuoi comportamenti devi stare attento anche a ciò che fanno gli altri, soprattutto quando la situazione è molto affollata. Quindi getta sempre un occhio ai tuoi lati, da dove potrebbero sopraggiungere altri sciatori, e se c’è molto traffico, soprattutto nella ‘corsia centrale’ della pista, spostati sui lati: c’è meno gente e troverai anche anche la neve più morbida e bella da sciare.

Fatti vedere
Se riesci, fai una discesa completa senza soste, ma se vuoi riposare o ammirare il panorama quello che non devi mai fare è fermarti dietro ai dossi, dove sei praticamente invisibile e metti in pericolo l’incolumità tua e di chi sopraggiunge, magari ad alta velocità. Fermati sempre sulla vetta di un dosso, da dove sei visibile e hai il controllo della situazione, e ovviamente sempre sui lati della pista.

Quando scii con tuo figlio
Prima di tutto state sui lati della pista: c’è meno gente e anche il bambino ha meno distrazioni. Poi probabilmente il bambino chiederà di stare dietro all’adulto, per avere una guida e sentirsi più sicuro. Questo è un errore: nell’immediato perché lo costringe a voltarci continuamente per controllarlo; a tendere perché non stimola la sua autonomia. Lasciamo che sia il bambino a sciare davanti a noi: capiremo come si comporta, vedremo le scelte che affronta sulla neve, lo potremo guidare con la voce e contemporaneamente stimoleremo la sua autonomia. I bambini capiscono se ci fidiamo di loro, e lasciarlo davanti è un modo per responsabilizzarli e farli crescere.

©RIPRODUZIONE RISERVATA