Come dormire in una favela durante i Mondiali di calcio

I grandi eventi attirano sempre un sacco di turisti e spettatori. Come i tifosi che si recheranno in Brasile per assistere alla Fifa World Cup 2014, alcuni dei quali non seguiranno altro che l’evento, mentre altri coglieranno l’occasione per conoscere meglio il paese.

Pubblicità

E se si parla di Brasile, una realtà sempre difficile da affrontare e conoscere è quella delle favelas, le baraccopoli costruite nelle periferie delle metropoli in cui povertà, degrado e criminalità la fanno da padroni. Non sempre però la storia non ha un lieto fine. E anzi proprio i Mondiali di calcio possono essere l’inizio di un lieto fine.

Favela Experience è un’organizzazione che lavora per promuovere il turismo sostenibile, e in occasione della Coppa del mondo ha stretto un accordo con Airbnb per affittare appartamenti privati nelle favelas di Rocinha e Vidigal a costi davvero contenuti (dai 20 ai 50 dollari a notte, quando il Best Western vicino a Copacabana costa 350 dollari a una notte).

“Favela Experience vuole rompere gli stereotipi negativi circa la vita nelle favelas, generare uno scambio culturale tra i residenti e i turisti stranieri e contemporaneamente provvedere un gettito di denaro da attività lecite per le famiglie che aderiscono al nostro progetto” ha detto l’americano Elliot Rosenberg, fondatore di Favela Experience.

Gli appartamenti messi a disposizione per l’affitto sono ovviamente vagliati dal team di Favela Experience e soddisfano anche rigorosi requisiti circa la sicurezza degli ospiti.

Clicca ‘Mi Piace‘ e segui anche la nostra pagina Facebook Sportoutdoor24

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità