5 sentieri per passeggiare sulla neve in Valle Isarco

5 sentieri per passeggiare sulla neve in Valle Isarco, panoramici, ben segnalati e con rifugi e baite dove fare una sosta

5 sentieri per passeggiare sulla neve in Valle Isarco

Accanto alle classiche discipline della neve, come lo sci e lo snowboard, nelle valli alpine sta prendendo sempre più piede il trekking invernale su sentieri innevati. Per esempio la Valle Isarco, tra Vipiteno, Bressanone e le valli adiacenti, ha attrezzato una decina di percorsi su neve predisposta, di impegno variabile tra quelli adatti alle famiglie con bambini a quelli per camminatori incalliti o più esigenti, sempre chiusi al traffico, raggiungibili con i mezzi pubblici, spesso ad anello così da poter tornare facilmente al punto di partenza, panoramici, ben segnalati e con rifugi e baite a intervalli regolari in modo da permettere soste e pause per rifocillarsi e riscaldarsi.

Pubblicità

5 sentieri per passeggiare sulla neve in Valle Isarco

Sull’Alpe di Luson (Durata: 3:45 h. Distanza: 14.1 km. Dislivello: 450 hm). Il premio è la vista sulle Dolomiti e le Vedrette di Ries, dopo aver attraversato boschi e prati innevati. Si parte dal ristoro Herol e si segue il sentiero 3 fino alla baita Starkenfeldhütte (1.889 m). Da qui si segue la marcatura 2 e si torna al punto di partenza.

Da Valcroce a Malga Rossalm. (Durata: 2:45 h. Distanza: 5.3 km. Dislivello: 170 hm). Una facile passeggiata, corta e senza strappi, ideale per tutta la famiglia, con partenza e arrivo a Kreuztal, appena sotto la stazione della cabinovia, e seguendo la stradina per Rossalm.

Flaner Jöchl – Monte Cavallo. (Durata: 1:30 h. Distanza: 5.4 km. Dislivello: 160 hm). Giro ad anello panoramico sulla conca di Vipiteno, con partenza e arrivo alla stazione a monte della cabinovia Rosskopf, sul sentiero circolare per Kastellack. Il percorso non è lungo, ma se si vuole fare una sosta vi si trovano il rifugio Furlhütte, il rifugio Sterzingerhaus ed il rifugio Sternhütte.

Dall’Alpe di Villandro al Corno di Renon. (Durata: 6:30 h. Distanza: 18,5 km. Dislivello: 570 m). Escursione non banale ma che premia con un panorama a 360° dal Corno del Renon e con alcuni ristori di campagna come la “Mair in Plun Alm”, il rifugio “Oberes Horn” e il rifugio Gasser. Si parte dalla Baita Gasser, raggiungibile in 50′ dal maso Samerberghof, dove arriva l’autobus che raggiunge Villandro.

Val di Fleres. (Durata: 2:30 h. Distanza: 11,4 km. Dislivello: 110 hm). Escursione di media intensità, che conduce alla riva del rio di Fleres, con partenza e arrivo da Piazza Ibsen a Colle Isarco, facilmente raggiungibile in treno. Il percorso segue la pista ciclabile estiva, circondata dalle alte cime che chiudono la valle, e sale fino a 1145 metri fino a Fleres di Fuori, al residence Reisenschuh e all’Hotel Alpin, che sono anche ottimi punti di ristoro lungo il cammino. Per il ritorno si passa da Fleres di Fuori e al sottopassaggio del treno si prende a destra seguendo la riva del Rio di Fleres fino al punto di partenza.

Per maggiori informazioni: www.valleisarco.info

Clicca ‘Mi Piace‘ e segui anche la nostra pagina Facebook Sportoutdoor24

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche...