Escursioni in Lombardia, trekking al Bivacco Valzaroten nella Val Canè

escursioni-in-lombardia-con-le-ciaspole-al-bivacco-valzaroten-nella-val-cane-sentiero

Amiamo le escursioni in Lombardia, come il trekking al Bivacco Valzaroten nella Val Canè: non è lo Wyoming ma per noi è anche meglio: vicino (2 ore e mezza da Milano), selvaggio, inesplorato, sorprendente. Qui puoi, come abbiamo fatto noi, camminare in tutte le stagioni, compreso l’inverno, con le ciaspole.
In Lombardia siamo circondati da montagne e valli nascoste che meritano di essere scoperte. La Val di Canè è una di queste, una valle selvaggia, la più piccola tra le quelle del Parco nazionale dello Stelvio all’interno della provincia di Brescia.
In Val Canè appaiono alcune delle vette più rappresentative del gruppo dell’Adamello, tra le quali il Corno di Lagoscuro, la Cima di Salimmo, il Corno Bianco e il Monte Adamello. Risalendo la valle si affacciano a destra il Monte Coleazzo e la Piramide di Somalbosco, e a sinistra il Tor di Pagà, un sito archeologico con resti di costruzioni murarie alto medievali, il Monte Bles e la Cima Mattaciul.
Ci siamo stati, è stata un’escursione fantastica. Un bel trekking a piedi ma, se il tempo lo permette, anche con le ciaspole, immersi nella natura per cancellare le ansie e le preoccupazioni quotidiane.
Stagione: Estate – Inverno (con le ciaspole)
Punto di partenza: Canè (1520 m)
Arrivo: Bivacco Valzaroten (2212 m)
Durata: 3h 30’ (in inverno 4h 30’)

Escursioni in Lombardia, al Bivacco Valzaroten nella Val Canè

Da Canè ci immettiamo a piedi sulla strada lastricata che sale con pendenza graduale. Dopo il tratto iniziale si raggiunge una baita a ridosso di una stretta curva dalla quale si procede avanzando nella direzione opposta. Il paesaggio che si apre è rilassante, con ampi prati e pascoli delimitati da larici.
Con moderato impegno raggiungiamo la località Cortebona e il punto informativo del Parco nazionale dello Stelvio. Oltre Cortebona saliamo mantenendoci in prossimità del torrente di fondovalle e lo scavalchiamo portandoci sul lato opposto. Il paesaggio è caratterizzato da larici, rododendri e ontani e, se si è fortunati, si possono scorgere anche stambecchi e camosci.escursioni-in-lombardia-con-le-ciaspole-al-bivacco-valzaroten-nella-val-cane-sentiero

Il sentiero sale in direzione della Cima di Monticello e dei laghi di Pietra Rossa, supera tratti erbosi e pietre con pendenze discontinue, fino a raggiungere il Bivacco Valzaroten, dove spesso sono visibili le marmotte.
Il bivacco Valzaroten è stato costruito non troppi anni fa, dispone di cinque posti letto e un tavolo, dello stretto necessario per preparare dei pasti caldi. Dal bivacco Valzaroten si può proseguire per il Passo di Val Canè o il Lago Pietrarossa.
Volgendo lo sguardo ad oriente possiamo osservare la Piramide di Somalbosco sul crinale che separa la Val Canè dalla Valle delle Messi, mentre a occidente le Cime di Glere sulla linea di spartiacque con la Val Grande di Vezza d’Oglio.
>> LEGGI ANCHE: Escursioni in Lombardia, due trekking in Alta Valtellina

Ritorno al punto di partenza

Per il ritorno seguiamo lo stesso tracciato percorso all’andata fino a Cortebona, dove si scavalca il torrente percorrendo la strada che conduce a una vicina struttura agrituristica. Ci passiamo davanti, scendiamo dolcemente e, dal piccolo nucleo di edifici di Casa del Ponte, usciamo a sinistra dalla strada imboccando il sentiero segnalato in bianco e rosso che conduce al ponticello sottostante, dove svoltiamo a destra. 

escursioni-in-lombardia-con-le-ciaspole-al-bivacco-valzaroten-nella-val-cane-itinerario

Superiamo le vicine baite di Vialazzo e poco oltre queste, in corrispondenza di una lapide in pietra, ci immettiamo a sinistra in discesa su una più stretta stradina. In breve, arriviamo ad un altro nucleo di baite in posizione panoramica e avanziamo in ripida discesa tra due muretti in pietra. Ci immettiamo quindi su una stretta curva che sale verso le Case Bles e Saline e svoltiamo a sinistra in discesa.
Appena più in basso raggiungiamo un altro bivio dove c’è una cappella con un altare. Seguiamo la stradina a sinistra in discesa che diventa asfaltata, scendiamo ancora per un breve tratto e poi svoltiamo a sinistra sulla strada che riporta al parcheggio del ponte della Valle.
>> LEGGI ANCHE: Escursioni in Lombardia, la Valle Adamè

Ciaspolata al Bivacco Valzaroten in Val Canè

Possiamo effettuare questa splendida escursione tra i boschi della Val Canè anche con le ciaspole seguendo il tracciato precedentemente descritto che conduce in località Cortebona.
L’itinerario è ben segnalato e la strada forestale da seguire è ampia. Se le condizioni della neve lo consentono possiamo raggiungere il Bivacco Valzaroten.
La ciaspolata segue il percorso estivo quindi, se non ci sono tracce, sarebbe meglio riservare la prosecuzione dell’escursione ai soli conoscitori della zona od alpinisti esperti. O farla con una guida.
L’ultima parte del percorso va effettuata però solo con condizioni di neve stabile e in giornate dove le temperature termiche non sono troppo alte. Bisogna sempre prestare attenzione perchè nel secondo tratto sono possibili problemi di orientamento e scariche spontanee di valanghe o slavine.
>> LEGGI ANCHE: Escursioni in Lombardia, la traversata del Monte Orfano, in Franciacorta

Come raggiungere Val Canè

Dalla strada per il Passo del Tonale si seguono le indicazioni per Vione e poi quelle per Canè.
Dopo avere attraversato tutto l’abitato si raggiunge un ampio parcheggio presso il ponte “della Valle” che scavalca il torrente Fiumeclo. Se il parcheggio è pieno, ci sono dei posti per lasciare l’auto anche nel tratto di strada precedente.
Per raggiungere il punto di partenza della nostra escursione ci vogliono circa 2 ore e mezza partendo dal centro di Milano.
[photo Davide Inverardi – Sportoutdoor24]

©RIPRODUZIONE RISERVATA