Il Labirinto di Dante a Alfonsine, camminare nei percorsi del Purgatorio

labirinto-di-dante-alfonsine

Il Labirinto di Dante a Alfonsine apre sabato 12 giugno e sarà visitabile fino a metà settembre: nell’anno delle celebrazioni per i 700 anni di Dante, è una bella occasione per provare cosa vuol dire immergersi nella cultura e nella natura divertendosi.
Cosa si fa? È un labirinto ispirato alla geografia del Purgatorio dantesco, solo che contiene 2 km di percorsi dentro 70 mila metri quadrati di verde; si passeggia, si gioca risolvendo enigmi, ci si perde e si ritrova la strada. Perfetto per I bambini ma anche per gli adulti, che possono divertirsi in un gioco a tema sui 7 vizi capitali..
Si trova ad Alfonsine, in provincia di Ravenna.

Pubblicità

Apre il Labirinto di Dante a Alfonsine, camminare nei percorsi del Purgatorio

Anticipato dalla mostra dell’artista internazionale Gunther Stilling e dall’apertura del Labirinto Sospeso, è giunto ora il tempo dell’inaugurazione dell’edizione 2021 del Labirinto Effimero di Alfonsine (RA), diventato negli anni un’attrazione unica e inimitabile a livello nazionale, e non solo, per tipologia e dimensioni.
Il Labirinto di Alfonsine, infatti, si estende su una superficie di 70.000 metri quadrati con oltre 2 km di percorsi (larghi più di 2 metri, quindi assolutamente sicuri per evitare assembramenti e rispettare tutte le disposizioni anti Covid-19) e, come avvenuto dal 2016, è anche dinamico, in quanto all’interno del percorso “disegnato” in un grande campo di mais sono presenti porte che possono essere chiuse da chi le attraversa, “costringendo” in tal modo a far cambiare sentiero a chi li segue.
Appuntamento dalle ore 16 del 12 giugno. Il Labirinto rimarrà aperto fino a metà settembre con i seguenti orari: 16 – mezzanotte, salvo diverse disposizioni (coprifuoco anticipato).

Cosa si fa nel Labirinto di Dante

Come detto, questo è+ l’anno di Dante, con grande risalto sul Cammino di dante, che va da Ravenna a Firenze. Come grande chiusura per le celebrazioni dantesche 2021, quest’anno il Labirinto sarà dedicato al Purgatorio e si intitolerà “Il viaggio dei Diòscuri”. Ma cosa lega il Sommo Poeta a Castore e Polluce? È a questa domanda che i visitatori dovranno dare una risposta.
Molte saranno le chiavi di lettura di questo nuovo labirinto, ma solo una sarà quella giusta per entrare e uscirne.
Lungo questo nuovo tracciato si dovranno affrontare non solo i 7 vizi capitali, ma si potremmo incontrare anche Teseo, Giasone e gli argonauti alla caccia del vello.

Il Labirinto Sospeso e la mostra

Al Labirinto Effimero anche quest’anno si affianca il “Labirinto Sospeso”, con un percorso di 2,5 km su una superficie di 4.000 mq realizzato con canne di bambù sospese e altro materiale di recupero. Una vera opera di “land-art”, sempre uguale ma sempre diversa, perché in continua interazione sia con gli elementi della natura sia con i viandanti che lo attraverseranno.

A completare il tutto, la mostra “Labyrinthus Hic Habitat Minotaurus” con opere in bronzo o alluminio, di cui una monumentale, dell’artista internazionale Gunther Stilling. Opere, una decina, nelle quali l’artista sembra lavorare con il mito, con il tempo e le sue stratificazioni, creando così un ponte immaginario tra l’antico e il contemporaneo.
Costo del biglietto: Labirinto Effimero + Labirinto Sospeso + Mostra € 9 (€ 5 per bambini dai 4/12 anni).

LEGGI ANCHE

In Val di Pejo spuntano grandi megafoni in legno per ascoltare gli animali del bosco

Il Gran Tour dei Laghi di Carinzia in bicicletta: tutto ciò che rende felice un cicloturista

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità