Wwoof, vacanze nel verde

State già pensando alle prossime vacanze e siete in cerca di qualcosa di nuovo? Se siete amanti della natura e della vita outdoor, il Wwoof (World Wide Opportunities On Organic Farms) potrebbe essere l’alternativa che fa per voi.

Nato nel 1971 su iniziativa di Sue Coppard, londinese solita a trascorrere i weekend in campagna per sostenere le prime esperienze del bio, Wwoof è una rete internazionale di aziende agricole biologiche o biodinamiche, che mettono a disposizione vitto e alloggio ai volontari di tutto il mondo desiderosi di imparare i segreti dell’agricoltura. Africa, Asia, Europa, Americhe e Oceania: Wwoof è ovunque, e per questo si rivela una buona opportunità per chi desidera esplorare il globo sotto un’altra angolazione.

Diventare Wwoofer è facile: non serve essere contadini, ma avere voglia di imparare, di lavorare dalle 4 alle 6 ore al giorno e di mettere in campo un buono spirito di adattamento. Se avete tutte le carte in regola, siete allora pronti ad associarvi all’organizzazione del Paese in cui volete andare – per programmare un soggiorno presso fattorie di stati diversi, occorre iscriversi al relativo Wwoof. La registrazione garantisce anche la copertura assicurativa per gli infortuni.

Raccolta delle olive, vendemmia, mungitura, potatura di alberi da frutto e tante altre sono le attività che vi impegneranno per pochi giorni, settimane o anche mesi. Oltre al lavoro, l’esperienza Wwoof si fonda sui valori della condivisione e della circolazione libera di conoscenze e trova un suo momento fondamentale nei pasti, rigorosamente cucinati e consumati insieme. Solitamente gli host ospitano intorno ai tre volontari, quindi avrete modo anche di conoscere altri contadini in erba come voi, magari provenienti da luoghi lontani.

Il Wwoof è adatto anche alle famiglie? Certo, tutti possono diventare Wwoofer. E chi più dei bambini apprezzerà le lunghe giornate all’aria aperta tra campi, animali della fattoria e frutta da raccogliere direttamente dai rami?

Per maggiori informazioni consultate il sito wwoof.it (Wwoof Italia) o wwoof.net (Wwoof International).

©RIPRODUZIONE RISERVATA