Austria, quattro incantevoli itinerari lungo le ciclabili del Salisburghese

ciclabili_austria_0

La regione di Salisburgo in Austria offre moltissime piste ciclabili che permettono di scoprire tutta la varietà infinita del Land, dai ghiacciai alle cascate degli Alti Tauri fino ai laghi del Salzkammergut. La bicicletta è uno strumento perfetto per andare alla scoperta di questo stupendo angolo d’Austria.  Le ciclabili che si snodano per centinaia di chilometri e partendo dal Salisburghese si spingono fino in Italia, in Baviera e anche in Slovenia.

>>Leggi anche: Alpe Adria Trail, il trekking tra Austria, Slovenia e Italia

Mozart-Radweg, la ciclabile di Mozart

La ciclabile di Mozart è un itinerario ad anello che segue i luoghi legati alla vita del grande compositore nato a Salisburgo il 27 gennaio 1756, e si snoda fra Salisburgo e Rosenheim, fra i fiumi Salzach e Inn, toccando i laghi bavaresi del Chiemgau e quelli austriaci del Salisburghese. Si tratta di un percorso che richiede un buon allenamento, soprattutto nel tratto alpino che serpeggia con salite impegnative fra paesini, fattorie, boschi silenziosi e pascoli. A Lofer troviamo le tracce di Mozart all’hotel “Zur Post” dove il giovane Wolfgang Amadeus fece tappa nel 1769, sulla via per l’Italia. Da Salisburgo, il percorso compie una puntata a est tra i laghi del Salzkammergut spingendosi fino a St. Gilgen, sul lago Wolfgangsee, dove nacque la madre di Mozart.
Lunghezza: 450 chilometri
Dislivello: 2000 m

>>Leggi anche: A Vienna per Mozart? No grazie, sono qui per fare climbing e bouldering

ciclabili_austria_1Murradweg, la ciclabile della Mur

La ciclabile “Murradweg” inizia all’ombra degli Alti Tauri e attraversa tutta la Stiria e il suo capoluogo, Graz, seguendo il ritmo tranquillo del fiume Mur fino al confine con la Slovenia. La prima parte ha il sapore forte delle montagne e l’aria fresca del bosco. Il punto di partenza è il rifugio Stickler (1.752 m), da dove in un’ora di cammino si raggiungono le sorgenti della Mur. Ma la gran parte dei cicloturisti preferisce evitare la salita e partire da Muhr per pedalare in scioltezza, godendosi il delizioso paesaggio del Lungau costellato da antichi castelli e paesi suggestivi come St. Michael e Tamsweg.  In Stiria, il percorso tocca la cittadina medievale di Murau, Judenburg, Zeltweg (con l’ex circuito di Formula 1), Leoben e Bruck an der Mur da dove il paesaggio si fa dolce e ondulato. Dal centro storico di Graz, Patrimonio Mondiale Unesco, si prosegue attraverso i colli dei vini stiriani per la stazione termale di Bad Radkersburg, e da qui oltre il confine austriaco, fino in Slovenia.
Lunghezza: 345 km (fino a Bad Radkersburg)
Dislivello: 910 m (da Muhr)

>>Leggi anche: La ciclovia del Danubio: da Hoflein a Vienna in bici

Salz & Seen Tour, il Giro del sale e dei laghi

Un facile quanto incantevole itinerario è adatto anche ai bambini, e si può comodamente percorrere con biciclette elettriche, grazie a una buona rete di punti noleggio e ricarica batterie.  Il percorso parte da Salisburgo e si suddivide in due anelli: l’anello nord è lungo 101 km e tocca i 4 laghi prealpini del distretto del Flachgau, adagiati in un dolce paesaggio di colli, boschi e fattorie.  Passando per i paesi di Schleedorf, Mattsee e Lamprechtshausen, si raggiunge Oberndorf, sul fiume Salzach, dove nacque il canto natalizio “Stille Nacht” (Astro del ciel). Ritornati a Salisburgo, si affronta l’anello sud (61 km) che risale il fiume, raggiunge Hallein con le famose miniere di sale e il museo dei Celti, e si spinge fino a Golling. Da non perdere: la facile deviazione nell’idillica valle Bluntautal. Da Golling si ritorna a Salisburgo passando per Puch e le terme di Bad Vigaun.
Lunghezza: 162 km
Dislivello: 620 m

>>Leggi anche: Le più belle borracce in acciaio inossidabile

ciclabili_austria_2Tauernradweg, la ciclabile dei Tauri

Dai ghiacciai del Parco Nazionale Alti Tauri ai palazzi barocchi di Salisburgo, la ciclabile dei  Tauri è un viaggio dalla natura alla civiltà, attraverso tutto il Salisburghese. Quasi senza salite e adatta anche ai ragazzi, questo classico percorso cicloturistico segue il corso del Salzach, il “fiume del sale”, fino alla sua confluenza nell’Inn e quindi lungo quest’ultimo fino a Passau, sul Danubio. In alternativa da Salisburgo per Bad Reichenhall si raggiunge il fiume Saalach e lo si risale con un percorso ad anello che si chiude a Zell am See. Tre imponenti salti d’acqua, per un totale di 380 m, segnano il punto di partenza: sono le cascate di Krimml, fra le più alte d’Europa. Ma i deliziosi paesi che si attraversano riservano altre sorprese come gli orridi Kitzlochklamm e Liechtensteinklamm, o la fortezza di Hohenwerfen, dove furono girate varie scene del famoso film “Dove osano le aquile”. Da qui in bus e per una ripida funivia si sale all’Eisriesenwelt, un vasto complesso di grotte invase da sorprendenti e suggestive colate di ghiaccio. Più a valle meritano una visita le miniere di sale del Dürrnberg, già sfruttate dai Celti, a cui è dedicato un museo nel centro di Hallein.
Lunghezza: 270 km (anello Tauernradweg) oppure 310 km (da Krimml a Passau)
Dislivello: 600 m (anello Tauernradweg) oppure 750 m (da Krimml a Passau)

>>Leggi anche: 7 fantastici castelli che sembrano usciti da una fiaba di Natale

 

[photo credits: salzburgerland.com]

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *