Bike Polo, come e dove si gioca il polo in bicicletta in Italia

bike-polo-milano

 

Il Bike Polo, cioè il polo in bicicletta, è uno sport bizzarro quanto divertente; è sorprendentemente antico ma in Italia poco praticato: per provare devi sapere come e dove si gioca. Sta tra il polo, l’hockey, il calcetto e il ciclismo. Lo abbiamo visto in diversi eventi che hanno raccolto curiosità e nuovi adepti alla manifestazione Milano Bike Citycon le gare organizzate da Milano Bike Polo. Ecco un po’ di informazioni sul Bike Polo, dalle sue origini antiche, a come si gioca, a dove praticarlo in Italia. 

>> Leggi anche: Monopattino sportivo: come si usa la footbike

 

Che cos’è il Bike Polo

Chi non ha mai sentito parlare del Bike Polo potrebbe pensare che sia uno sport nuovo. In realtà è nato in Irlanda nel 1891 per merito di un certo Richard Mecredy, ed è stato sport dimostrativo alle Olimpiadi di Londra del 1908 (in finale l’Irlanda battè la Germania). Ha la stessa età del basket, per dire. Si diffuse inizialmente in Gran Bretagna, India, Francia, Stati Uniti e poi nel resto del mondo.
Nel 1996 venne disputato il primo campionato mondiale e nel 2001 venne il riconoscimento dell’UCI.
In Italia è arrivato tardi: il primo campionato Italiano di Bike Polo è stato quello di Roma nel 2010.
Per chi se lo stesse chiedendo: non è uno sport prettamente maschile: ad esempio a Miulano il Bike Polo è nato grazie a una ciclista svedese che lo ha fatto conoscere a amici e conoscenti.

 

>> Leggi anche: Dove andare in bici in Lombardia, le più belle piste ciclabili

Come si gioca a Bike Polo

Il principio del Bike Polo è lo stesso del polo, solo che al posto del cavallo si usa la bicicletta. Quello che si gioca oggi è il cosiddetto Hardcourt Bike Polo, con le stesse regole dello sport originario ma che non si pratica più sull’erba ma piuttosto su superfici lisce e piatte come cemento o sintetico.
Le regole del Bike Polo sono semplici: scopo del gioco è vincere facendo più gol nella porta avversaria.

 


Le due squadre sono formate da 3 giocatori.
Il match parte quando l’arbitro dice “3,2,1, Polo!”.
Non ci sono ‘bici da Bike Polo’: vanno bene tutte. Anche se le più usate sono quelle a scatto fisso.
Le mazze devono essere ricoperte di materiale morbido per non farsi male.
Mai mettere i piedi a terra, altrimenti c’è la penalità di non poter partecipare al gioco attivo e andare a metà del campo per battere il mallet (martello) sulla sponda del campo.

Qui tutte le altre regole, che sono in continua evoluzione

 

>> Leggi anche: Bici elettriche da corsa: a cosa servono

 

Dove giocare a Bike Polo in Italia

Una delle organizzazioni più attive in Italia è Milano Bike Polo, che da anni organizza incontri, eventi e dimostrazioni sullo sport (come ad esempio quelli di Milano Bike City). La sede si trova in via Watteau 13, al centro Leoncavallo.
Il Veneto è una regione dove il Bike Polo è popolare: ad esempio a Padova c’è il gruppo Rode Bike Polo, attivo dal 2009 nel diffondere il Bike Polo.
A Torino c’è Torino Bike Polo con sede nel Parco Dora.
A Roma c’è Bike Polo Roma

 

 

Per approfondire

 

 

(foto Bike Polo Milano / Facebook)

 

 

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA