Come prepararsi alla Sellaronda Hero con i consigli di chi l’ha vinta

“La prima volta che ho testato il tracciato non sono nemmeno arrivato al traguardo, e ho pensato: sono matti a organizzare un percorso come questo”. Parole di Klaus Fontana, primo vincitore della Sellaronda Hero, gara ciclistica in MTB che in 82km di tracciato affronta 4.200 metri di dislivello e ben 4 passi dolomitici (i mitici Gardena, Campolongo, Pordoi e Sella, oltre al Passo Duron). E noi proprio all’atleta di Brunico abbiamo chiesto i consigli per preparare e affrontare una delle più toste marathon-bike al mondo.

1. Comincia con le lunghe distanze in pianura: è il modo migliore per allenare la resistenza soprattutto se riesci a tenere costantemente la frequenza cardiaca tra i 120 e i 140 battiti al minuto.

2. Alterna un giorno di allenamento e uno di riposo, con almeno 3 uscite settimanali in bicicletta.

3. Quando riesci tranquillamente a stare in sella per almeno due ore lanciati nei terreni off-road, con salite, discese e cambi di ritmo: più aumenti i chilometri che percorri e il dislivello che affronti e più migliorerai resistenza e prestazioni in sella.

4. Durante la corsa non lasciarti influenzare dalla velocità degli altri concorrenti ma cerca subito il tuo ritmo ideale: è l’unico modo per ridurre il rischio di una crisi lungo il percorso e puntare a tagliare il traguardo.

5. Fissa delle tappe intermedie: il traguardo finale è sempre troppo lontano, e pensare da subito a quello può mandarti fuori giri. Studia il percorso prima di partire, in gara come allenamento, e stabilisci delle tappe intermedie: ti aiuterà a rimanere mentalmente concentrato.

6. Mangia e bevi a intervalli regolari: quando senti la fame o la sete è ormai troppo tardi per scongiurare disidratazione e cali glicemici, per cui stabilisci dei brevi intervalli di tempo al termine dei quali sorseggiare piccole quantità di acqua o bevande isotoniche e mangiare qualcosa come un integratore energetico o delle maltodestrine.

7. Sciogli i muscoli: per non rimanere bloccato dall’acido lattico, una volta terminato lo sforzo in sella non ti fermare di colpo ma continua a pedalare a ritmo blando e il recupero dalla fatica sarà più veloce.

Leggi anche i consigli del tre volte vincitore Leo Pez: come allenarsi per vincere la Sellaronda Hero

©RIPRODUZIONE RISERVATA