Le traversate a nuoto in acque libere più difficili (e belle) al mondo

Ice Swimming. Per questo cimento al limite della follia non ci sono location specifiche né gare organizzate. C'è però una federazione, la International Ice Swimming Association, di sede a Cape Town, e il modo di tesserarsi è tanto semplice quando duro: bisogna nuotare almeno 1 km in acque la cui temperatura sia inferiore ai 5°C, senza muta ovviamente, e producendo video e foto dell'impresa. Per capirci, il fondatore del movimento, Ram Barkai, ha nuotato 1 km in Antartide con una temperatura di 1°C.

C’è il nuoto in piscina, e c’è quello in acque aperte: mare, laghi e specchi d’acqua assortiti che in alcune occasioni possono diventare delle vere e proprie sfide da ironman. O da uomo che non deve chiedere mai, nemmeno se intorno a te, in acqua, ci sono correnti gelide, squali o ghiaccio. Alcune sono vere e proprie gare, altre semplici sfide individuali, alcune invece delle vere imprese da fuori di testa. Eccole.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA