Manutenzione della e-bike, come farla

Manutenzione della e-bike

La manutenzione della e-bike è ancora più importante di quella di una normale bici muscolare. Oltre infatti a pulirla e oliare la catena, come è necessario fare con qualunque bicicletta, con una bici a pedalata assistita è necessario prendersi cura anche della batteria e del motore, con un occhio di riguardo alla trasmissione. Se stai pensando di acquistare una e-bike, prima puoi leggere come funziona e come si guida una bici elettrica e i 6 consigli per comprare una MTB elettrica (che puoi applicare anche alle bici road con pedalata assistita) e poi approfondire cosa è necessario fare per la sua manutenzione.

Come fare la manutenzione della e-bike

Come fare la manutenzione della e-bike quindi? Fondamentalmente prevedendo questi 6 passaggi:

  • Pulizia da sporco e fango
  • Manutenzione trasmissione (catena, pignoni)
  • Cura della batteria
  • Cura del motore
  • Controlli di routine (freni, pneumatici)
  • Aggiornamento software

Manutenzione della e-bike: lavaggio e pulizia

Il lavaggio e la pulizia sono due aspetti fondamentali della manutenzione della e-bike. Sostanzialmente si tratta di eliminare sporco e fango ogni volta che è necessario (per esempio dopo un’uscita off-road, oppure in inverno se ha nevicato e c’è sale per le strade, o ancora se la si è usata in una zona di mare e la bici ha accumulato sabbia fine e salsedine) con una particolare attenzione per la batteria e il display: per questo potete leggere il nostro articolo su come pulire la bici.

Manutenzione della e-bike: trasmissione, catena e pignoni

Benché una bici a pedalata assistita sia stata progettata all’origine per gestire le forze generate dal motore, è buona norma avere un occhio di riguardo per la trasmissione, ovvero catena e pignoni. L’assistenza del motore aumenta infatti la potenza impressa dai pedali sulla catena e di conseguenza su tutto il sistema di trasmissione, motivo per cui è ancor più fondamentale che la catena e i pignoni siano puliti e ben oliati, soprattutto prima e dopo una gita in off-road. Dal punto di vista pratico si può procedere come per la normale manutenzione della trasmissione di una bici muscolare, come abbiamo descritto in questo articolo su pulizia e manutenzione di catena e cambio di qualunque bicicletta. Cambia ovviamente la frequenza e vale soprattutto il consiglio di non lasciar gocciolare dell’olio sul motore: è sempre consigliato applicarlo laddove la catena scorre libera, dall’alto verso il basso (prevedendo un telo di plastica per non disperderlo nell’ambiente) e asciugando con un panno pulito quello in eccesso.

Manutenzione e-bike: cura della batteria e del motore

La cura della batteria e del motore è ciò che fa la differenza nella manutenzione della e-bike. La batteria non teme l’acqua, e infatti si può usare la bici a pedalata assistita anche sotto la pioggia, ma è bene staccarla quando si lava la bici, non dirigere mai un getto d’acqua ad alta pressione su di essa o sui connettori, e pulirla semplicemente con un panno umido e, se necessario, con del detergente specifico non sgrassant. Di tanto in tanto è bene pulire, sempre con un panno umido e pulito e senza detergenti, anche i connettori della batteria al motore. I pin della batteria sono anche normalmente trattati con procedimenti anticorrosione, tuttavia se si usa spesso e molto la e-bike in ambienti fangosi o sabbiosi può essere utile, dopo la loro pulizia, applicare del grasso per poli o vaselina tecnica. Nel caso di prolungato non utilizzo – per esempio in inverno o se ci si allontana da casa per le vacanze senza portare con sé la e-bike – è bene staccare la batteria e conservarla in luogo asciutto e a temperatura ambiente (quella di casa, tra i 15 e i 20 gradi centigradi) con una carica tra il 30% e il 60% della sua capacità. È bene anche staccare la batteria quando si trasporta la bici, per esempio sul portabici da auto (su cui puoi trovare i nostri consigli qui). Nel caso di malfunzionamento della batteria e/o del motore invece è bene rivolgersi a un centro di assistenza della marca specifica: le batterie agli ioni di litio e i motori per e-bike sono infatti dispositivi tecnologicamente molto avanzati che richiedono sistemi di diagnostica specifici: fare da soli significa prima di tutto perdere l’eventuale garanzia sulla difettosità e incorrere in spese anche notevoli.

Manutenzione della e-bike: i controlli di routine a freni e pneumatici

Freni e pneumatici di una bicicletta a pedalata assistita sono ancor più sollecitati rispetto al normale e i controlli di routine a freni e pneumatici fanno parte della normale manutenzione della e-bike. Le e-bike montano per lo più freni a disco idraulici per i quali è importante controllare che la leva del freno abbia ancora pressione, eventuali corrosioni dei dischi dei freni e l’usura delle pastiglie dei freni. In caso invece di freni tradizionali è facile riconoscere se i pattini adempiono ancora al loro compito. La differenza tra le diverse tipologie di freni per la bici la puoi approfondire in questo articolo.

Poi c’è da considerare che la pressione degli pneumatici, come avviene per le automobili, incide fortemente sui consumi, nel caso di una e-bike quindi sulla durata della batteria. Tendenzialmente una ruota di una bicicletta perde 1 bar al mese, con un normale utilizzo, ed è quindi bene ricordarsi di controllare con un manometro leggendo la pressione di gonfiaggio consigliata che si trova sul bordo dello pneumatico e gonfiare le gomme della bici alla pressione giusta. Pneumatici gonfiati alla giusta pressione fanno scorrere meglio la bici e si deteriorano meno, durando più a lungo.

Manutenzione della e-bike: l’aggiornamento del software

Le e-bike sono sostanzialmente dispositivi tecnologici digitali, e funzionano grazie a un software. Ora, come avviene per gli smartphone, i computer e le smart Tv, anche per le e-bike le case produttrici rilasciano frequentemente aggiornamenti del software che ottimizzano l’utilizzo della bicicletta a pedalata assistita. Per questo motivo, almeno 1 volta l’anno, meglio se a inizio della stagione di maggior utilizzo, è bene recarsi in un centro assistenza della propria marca di motore e batteria per un check-up completo e l’eventuale aggiornamento del software.

©RIPRODUZIONE RISERVATA