Perché per resistere al Covid la vitamina D è così importante

covid-vitamina-d

Nella lotta al Covid, la vitamina D è molto importante, o meglio lo è la sua carenza: un nuovo studio condotto da un team dell’Università della Cantabria a Santander, in Spagna, e spiega che oltre l’80% dei 200 pazienti COVID-19 in un ospedale in Spagna ha una carenza di vitamina D.
La ricerca, pubblicata sul Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, conferma altri studi recenti, come quello italiano di cui abbiamo parlato a marzo 2020. Sappiamo che la vitamina D è un ormone prodotto dai reni che controlla la concentrazione di calcio nel sangue e influisce sul sistema immunitario.
La vitamina D viene ha bisogno del sole per essere sintetizzata, per questo si raccomanda di esporsi con regolarità alla luce solare per 15 minuti quattro volte a settimana: serve a favorirne la produzione. Ma la vitamina D si può incamerare anche attraverso l’alimentazione: si trova in uova, latticini, olio di fegato di merluzzo, pesci grassi come aringa, tonno e salmone.
Molti studi sottolineano l’effetto benefico della vitamina D sul sistema immunitario, soprattutto per quanto riguarda la protezione contro le infezioni. E la sua carenza è stata collegata a una serie di problemi di salute, sebbene la ricerca sia ancora in corso su come e perché l’ormone influisce su altri sistemi del corpo.

Pubblicità

Covid e vitamina D

Secondo gli autori del paper, “Il trattamento con vitamina D dovrebbe essere raccomandato nei pazienti COVID-19 con bassi livelli di vitamina D circolanti nel sangue poiché questo approccio potrebbe avere effetti benefici sia sul sistema muscolo-scheletrico che sul sistema immunitario”.
Gli individui ad alto rischio come gli anziani, i pazienti con diverse patologie e i residenti delle case di cura, la principale popolazione target per il COVID-19, dovrebbero ricevere trattamenti a base di vitamina D. Soprattutto gli uomini: i ricercatori hanno scoperto che l’80% dei 216 pazienti COVID-19 presso l’Hospital Universitario Marqués de Valdecilla aveva una carenza di vitamina D e gli uomini avevano livelli di vitamina D inferiori rispetto alle donne.

Clicca qui per scoprire la dieta che aumenta le difese contro il Covid-19.


[photo Foto di Shutterbug75 da Pixabay]

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità