La dieta di Okinawa ovvero cosa mangiare per vivere a lungo

dieta_mediterranea_0

È stato dimostrato che l’isola giapponese di Okinawa è probabilmente la regione del nostro pianeta dove vivono più centenari che in qualsiasi altra parte e uno dei motivi della presenza di tanti arzilli vecchietti in ottima salute è anche quello di una dieta e di uno stile di vita sani. Oltre ad essere il luogo dove è nata una delle arti marziali per eccellenza, il karate, ed essere stato teatro di una delle più sanguinose battaglie della Seconda Guerra Mondiale, questo arcipelago nell’oceano Pacifico sembra possedere la ricetta dell’elisir di lunga vita.

Pubblicità

Il segreto dell’elisir di lunga vita

La maggior parte degli abitanti di Okinawa ha una dieta che si basa sul consumo di vegetali a foglia verde, pesce, cereali e riso integrali,  maiale selvatico e prodotti di soia. Bevono molto tè al quale aggiungono curcuma. Nella loro dieta non c’è posto per zucchero, carni rosse e farine raffinate.  Quotidianamente consumano intorno alle 1500 calorie.

>Leggi anche Quale attività sportiva allunga di più la vita?

Nel mare Egeo un’isola di highlanders

Un altro luogo è conosciuto per la longevità dei suoi abitanti, si tratta dell’isola greca di Symi, nel mare Egeo a  41 km a nord dalle coste dell’isola di Rodi. Il pesce è un alimento base nella loro dieta ed è presente nei piatti almeno tre volte alla settimana, cibo che viene accompagnato da aglio e pane con semi di sesamo. La carne è quella di coniglio o agnello e non mancano la feta, formaggio tipico greco, così come lo yogurt e un buon bicchiere di vino bianco.

>Leggi anche Stare nella natura è il segreto della longevità

Frutta, verdura e pesce e campi cent’anni

Il Centro di ricerca per la nutrizione umana e l’invecchiamento dell’Università di Boston ha effettuato diversi studi sul tipo di alimentazione che devono avere le persone che hanno superato i 65 anni e le indicazioni e raccomandazioni di base sono: aumentare il consumo di frutta, verdure e cereali, diminuire il sale e i grassi saturi; ridurre i grassi di origine animale presenti nel latte intero, carni grasse, salumi, burro e insaccati; pesce, olio d’oliva e frutta secca sono invece alimenti da non dimenticare mai nella propria dieta.

Insomma, se non siete fortunati da essere nati a Okinawa o Symi, potete comunque prendere nota e organizzare una dieta, sicuramente sana e salutare, e cercare di avere uno stile di vita meno stressante perché non è mica da buttare l’idea di vivere bene e a lungo.

>Leggi anche Chi mangia secondo la dieta mediterranea vive più a lungo

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche...