Come farsi la casa in legno sull’albero spendendo poco, per avere un rifugio nella natura

casa-albero-natura-bosco

Farsi una casa, una casa vera, sull’albero non è così difficile. Oltre 100 metri quadrati, di spazio, comoda, ecologica, gran vista sulla foresta. Ci è riuscita una famiglia americana con un progetto del valore di 20 mila dollari. Lo ha messo a punto uno studio di architettura newyorkese, Jacobshang Architecture, mentre alla costruzione ha lavorato concretamente il proprietario.
È una cosa che volendo possiamo fare tutti.
Perchè? Avere un proprio spazio-rifugio nella natura non ha prezzo.

Pubblicità

Il bisogno: stare nella natura

Diverse ricerche scientifiche sostengono che stare nella natura è fondamentale per sentirsi bene, mettersi in armonia con il mondo e vivere una vita più lunga e felice. Non ci resta che cercarci un rifugio immerso nella natura, dove andare quando possiamo. Non è un caso che stanno crescendo le proposte di case, casotti, cubi in legno, capanne ecologiche. In genere si tratta di piccole abitazioni leggere, modulari, facili da costruire, a impatto vicino allo zero e che si possono spostare.

>> Leggi anche: 3 rifugi straordinari in Lombardia

casa-albero-natura-bosco-interno

 

La capanna nella foresta

Quella di Jacobshang Architecture è una moderna capanna off-grid da 109 metri quadrati. Un progetto che è stato realizzato da una famiglia newyorkese per avere un rifugio spartano in cui andare il weekend. Sta in una foresta di 60 acri nella contea di Sullivan, stato di New York. La Half-Treehouse è stata costruita con un budget limitato di 20.000 dollari, tutta in legno.
Ha pareti di pino orientale macinato e essiccato in forno dagli stessi costruttori, per poi essere trattato con catrame di pino scandinavo per resistere meglio alle intemperie. Ci sono 3 porte in vetro a doppio isolamento.

>> Leggi anche: I ponti sospesi più paurosi del mondo

 

Fra due alberi

La casa è sostenuta da piedini Sonotubo da una parte, mentre dall’altra la base è costituita da due alberi agganciati a due supporti Garnier. Per essere più ‘into the wild’ i proprietari non hanno voluto attaccarla alla rete energetica: niente acqua corrente o elettricità. L’interno viene riscaldato utilizzando una stufa a legna Jotul.

 

>> Leggi anche: Le migliori 7 baite gourmet del Trentino

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità