Contrordine: la carne rossa ora fa bene

Carne Rossa Bistecca

Potrebbe anche essere una nuova strategia di comunicazione: lanciare allarmi salutistici a giorni alterni per smentirlo il giorno dopo con una ricerca che afferma esattamente il contrario, inducendoci così a variare la nostra dieta. Di fatto, dopo il clamore successivo al documento dell’International Agency for Research on Cancer (Iarc) e dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) secondo cui le carni lavorate come wurstel, salsiccie e prosciutto sarebbero cancerogene quanto fumo, alcol, arsenico e benzene, ecco la smentita da parte di una ricerca della Oxford University (rilanciata dall’ADN Kronos) secondo la quale la carne rossa farebbe bene alla salute.

> Leggi anche: 5 fonti vegetariane di proteine

Eliminare la carne rossa dalla dieta ha più controindicazioni che benefici

Ora, i ricercatori inglesi non negano che la carne rossa aumenti del 20% la possibilità di sviluppare un tumore (ma poiché questa possibilità sarebbe del 6%, si salirebbe al massimo al 7%) ma affermano anche che eliminare totalmente la carne rossa dalla propria dieta avrebbe più controindicazioni che benefici assoluti.

> Leggi anche: 10 consigli per abbassare il colesterolo

La carne rossa è essenziale per le funzioni cognitive

In particolare, secondo Robert Pickard della Meat Advisory Panel (un’organizzazione scientifica indipendente che studia le conseguenze del consumo di carne da parte degli uomini) la carne rossa servirebbe a fornire energia al cervello (che da solo consuma il 20% dell’energia totale del nostro corpo) e DHA; un omega-3 essenziale per le nostre funzioni cognitive.

> Leggi anche: Le migliori fonti di Omega 3

La carne rossa contiene vitamina B12

Inoltre secondo uno studio pubblicato sul British Journal of Nutrition la carne rossa è una fonte essenziale di vitamina B12, essenziale per la capacità replicativa delle cellule e del DNA, e ovviamente la carne rossa fornisce carnosina, un dipeptide che contrasta l’invecchiamento. Infine la carne rossa apporterebbe benefiche dosi di selenio che, secondo uno studio pubblicato sul Journal of Trace Elements in Medicine and Biology, favorirebbe la fertilità maschile.

> Leggi anche: Dalla A alla K: cosa sono e a cosa servono le vitamine

©RIPRODUZIONE RISERVATA