Chi mangia pasta integrale vive più a lungo

Mangiare pasta integrale, o riso integrale o cibi comunque derivati da cereali integrali significa allungarsi la vita. È il risultato di uno studio della Harvard T.H. Chan School of Public Health di Boston.

Pubblicità

Nella pasta integrale tanti elementi preziosi

La ricerca non rivoluziona il sapere ma conferma la qualità dei benefici delle farine integrali, consapevolezza che sta passando dal mondo dei nutrizionisti a quello dei cittadini comuni. Le farine integrali, rispetto a quelle trattate a cui siamo maggiormente abituati, contengono sostanze fondamentali per il benessere dell’organismo: le fibre, il ferro e la vitamina B. Elementi che regolano il grado di zuccheri nel sangue, abbassano il colesterolo e i rischi di patologie cardiache, ma che vanno persi nel momento della raffinazione delle farine integrali, quando vengono trasformate in farine bianche, ad esempio.

> Leggi anche: Life’s Simple 7: le abitudini per vivere bene e a lungo

Meno ictus e infarti

L’ateneo americano ha esaminato i dati di 800 mila persone fra 1971 e 2010 e hanno concluso che chi si è nutrito con almeno tre o più porzioni di farina integrale al giorno (16 grammi a porzione, per un totale di 48 g) ha avuto il 20% di possibilità in meno di morte prematura rispetto a chi non ha seguito questo regime alimentare.
Sembra che il rischio di morte per infarto e ictus (le maggiori causa di morte per gli uomini, strettamente collegate allo stile di vita e all’alimentazione) calano del 25% quando si riescono a consumare i 48 grami di cereali integrali al giorno, corrispondenti a circa tre fette di pane. Anche il rischio di morte per tumori si abbassa del 15%.

> Leggi anche: Semi e alimentazione: i benefici per la salute

Ricchi e completi

L’equazione è semplice: se sale il consumo di farine di grano integrale, scende il rischio di morte, “specie quelle collegate a patologie cardiovascolari”, spiega il dottor Qi Sun, che ha collaborato alla ricerca. I cereali integrali hanno la caratteristica di contenere tutta la gamma di semi, fra cui la crusca e i germi di grano; i cibi derivati da questi cereali non trattati (farina di grano integrale, di avena, di mais, il riso integrale) sono quindi più completi e ricchi dal punto di vista nutrizionale.

> Leggi anche: 6 cereali alternativi al grano

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità