Jabra Elite Active 75t: la nostra recensione degli auricolari true wireless per lo sport

Jabra Elite Active 75t test recensione - hp

I Jabra Elite Active 75t sono gli auricolari true wireless presentati al recente CES 2020 di Las Vegas e già disponibili anche sul mercato italiano. Abbiamo avuto modo di provarli per un paio di settimane consecutivamente, dando particolare attenzione all’uso durante l’attività sportiva sia all’aperto che indoor, e al termine del periodo di test ecco la nostra recensione delle Jabra Elite Active 75t.

Pubblicità

Jabra Elite Active 75t: la recensione

La nostra recensione degli auricolari true wireless Jabra Elite Active 75t ha tenuto conto dei seguenti aspetti:

  • Comodità
  • Qualità audio
  • Durata batteria e tempo di ricarica
  • Ergonomia
  • Qualità dei materiali
  • App e compatibilità

Jabra Elite Active 75t: come stanno nelle orecchie

La prima caratteristica importante per un paio di auricolari true wireless come i Jabra Elite Active 75t è che siano comodi e saldi nelle orecchie. Cioè non devono dar fastidio e contemporaneamente non devono sfilarsi, anche in attività ad alto movimento come il fitness o la corsa. Da questo punto di vista ci sono degli aspetti oggetti e altri soggettivi. Quelli oggettivi sono dimensioni e peso, e da questo punto di vista questi Jabra Elite Active 75t sono ottimi: pesano 5,5 grammi ciascuno (e a un rapido confronto con modelli concorrenti sono tra i più leggeri), sono piccoli e compatti, e spuntano pochissimo dal padiglione auricolare, il che li rende stabili e saldi. Poi c’è l’aspetto soggettivo che riguarda le dimensioni dei gommini: i Jabra Elite Active 75t ne hanno in dotazione 3, altri modelli 4 o 5, noi abbiamo trovato quelli giusti per noi ma ovviamente questo non è sempre scontato. Di fatto comunque li abbiamo usati due volte per correre in strada una decina di km ciascuna, li abbiamo indossati anche durante un paio di uscite in bicicletta da un paio d’ore (rigorosamente senza musica, come da codice della strada) e anche per un allenamento fitness in palestra di 45′ circa, e le volte in cui abbiamo dovuto sistemarli perché sentivamo che stavano scivolando si contano sulle dita di una mano. Quindi, da questo punto di vista, i Jabra Elite Active 75 t sono promossi.

Jabra Elite Active 75t: la qualità audio

La seconda caratteristica che si valuta in un paio di auricolari per un uso anche sportivo è la qualità audio (che in altri casi diventa la prima, chiaramente). Ora, qui non ci avventuriamo in considerazioni da audiofili, che non è il nostro campo. A noi è bastato poter smanettare un po’ con l’equalizzatore dell’App per trovare la giusta configurazione in base al tipo di musica ascoltata, e questo ci è bastato e avanzato. Detto questo ci sono un paio di aspetti da considerare in un paio di auricolari true wireless anche per fare sport come i Jabra Elite Active 75t. Il primo è che a volte si ha voglia di isolarsi completamente, per esempio se ci si allena in un centro fitness (o se semplicemente si ascolta della musica in casa o viaggiando sui mezzo pubblici) e qui bisogna dire che i Jabra Elite Active 75t non hanno accorgimenti di riduzione attiva del rumore ambientale, per cui detto che già il fatto di averli nelle orecchie riduce di molto i suoni ambientali, se la situazione è molto rumorosa un po’ inevitabilmente si sente. Ma l’aspetto fondamentale per il nostro punto di vista è esattamente il contrario, e cioè la possibilità di percepire i rumori ambientali, per esempio quando si corre e si ascolta la musica, per una evidente ragione di sicurezza. E qui c’è la funzione di ascolto rumori ambientali (basta premere l’auricolare sinistro) che è davvero ottima e ben calibrata, perché permette di sentire i rumori al punto giusto e senza disturbare troppo la musica.

Jabra Elite Active 75t: la durata della batteria e i tempi di ricarica

Tema sempre delicato nei dispositivi wireless: la durata della batteria. Ora, come detto noi li abbiamo usati per un paio di corse da una decina di km ciascuna, quindi un paio d’ore complessive, una uscita in bicicletta ma senza musica, un allenamento da 45′ in palestra, e poi ovviamente per rispondere alle chiamate e per le altre funzioni quotidiane, compresi un paio di viaggi in treno da 1 ora abbondante ascoltando la musica in streaming. Be’, in 2 settimane non abbiamo avuto bisogno di ricaricarle (se non rimettendole nella custodia la sera, ovviamente). La durata dichiarata della batteria è di 7,5 ore, e di 28 ore all’interno della custodia. La durata della batteria non dovrebbe essere un aspetto soggettivo ma poi come anche per gli smartphone un po’ lo è, comunque anche rispetto ad altri modelli Jabra è un notevole passo in avanti (e fatto un veloce confronto siamo anche tra i migliori auricolari true wireless da questo punto di vista). Poi c’è il case, o custodia: in teoria dovrebbe tenere la carica per 6 mesi (ma ovviamente non abbiamo avuto il tempo di verificarlo) mentre la cosa interessante è che con 15′ di carica tramite cavetto USB type C si ha un’ora circa di autonomia (e con 2 ore e 20 circa si ha una ricarica completa). Peraltro, son piccoli gli auricolari ed è piccolo il case, tanto che normalmente, andando in giro, l’abbiamo tenuto in tasca e non nello zaino.

Jabra Elite Active 75t test recensione - in

Jabra Elite Active 75t: funzioni ed ergonomia

Altro aspetto da considerare: degli auricolari senza fili devono essere facili da usare. Del tipo che li metti e funzionano, o poco più. Ora, detto che serve l’App per configurarli con lo smartphone (ma è tutto semplice e veloce, come si legge nel punto successivo) per il resto è tutto molto semplice. Suona il telefono? Li togli dal case, si attivano e rispondi. Stai ascoltando la musica mentre corri e suona il telefono? A parte ignorare la chiamata (che sarebbe la cosa da fare) si preme l’auricolare destro e si risponde. Peraltro, l’auricolare destro è anche quello che permette di usare Google Assistant (come abbiamo fatto) o Alexa (che però non abbiamo testato). Quello che può deludere qualcuno nell’uso quotidiano è che se si vuole utilizzare un solo auricolare (per esempio alla guida) funziona solo con il destro, e non con il sinistro (ma dovrebbe essere uno degli aggiornamenti che arriveranno entro l’anno).

Jabra Elite Active 75t: qualità dei materiali

La custodia è bella, un po’ gommosa al tatto, ma quello che conta sono gli auricolari, e dal punto di vista dei materiali soprattutto la protezione da acqua, sudore e polvere. Ora, i Jabra Elite Active 75t hanno un livello di protezione IP57 che significa: protezione dalla polvere (fino a particelle di diametro inferiore al millimetro che però non possono causare malfunzionamento) e protezione all’acqua fino a 1 metro di profondità. Attenzione però, perché questo è quello che dice lo standard ma non significa che possono essere immersi in acqua: resistono al sudore, resistono alla pioggia ma non sono fatti per essere usati per esempio in piscina (per questo ce ne sono di altri tipi). In ogni caso, sudore, pioggia e polvere non sono un problema.

Jabra Elite Active 75t: App e compatibilità

Come tutti questi dispositivi – e come tutte le altre cuffie Jabra che abbiamo provato – anche le Elite Active 75t richiedono di scaricare l’App dedicata. Da questo punto di vista ci sono 3 buone notizie: la prima è che l’App e gli auricolari sono compatibili anche con telefoni non propriamente mainstream come il nostro, e questo non era scontato; la seconda è che l’App Jabra Sound + non ti vincola per ascoltare musica o altre funzioni: serve solo per configurare gli auricolari e per impostare alcune funzioni (come l’equalizzatore in base alle proprie preferenze d’ascolto) e come annunciato servirà per alcuni aggiornamenti in arrivo nel terzo quarto 2020; la terza è che c’è dentro praticamente tutto il manuale, così puoi imparare le funzioni in modo interattivo.

Vale la pena comprare i Jabra Elite Active 75t?

Per rispondere alla domanda se valga la pena comprare le Jabra Elite active 75 t bisogna prima aggiungere alcune funzioni molto utili e interessanti (come il doppio collegamento Bluetooth, per esempio con PC e smartphone) e il fatto che i pulsanti sono fisici e non touch (ma per noi è un plus, visto che abbiamo usato gli auricolari sotto il buff, che si usa in inverno per correre o sotto il casco da ciclismo) e dire anche che in ambienti molto rumorosi (come una stazione ferroviaria) chi parlava con noi ha fatto fatica a percepire le nostre parole sovrastate dai rumori. Detto questo gli auricolari true wireless Jabra Elite Active 75t costano ufficialmente 199 euro, in linea con modelli affini di Sennheiser, Bose o Jaybird, e si possono già trovare online leggermente scontati.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità