Cammino Portoghese, da Porto a Santiago in bici

Credit: Unsplash.com

 

Il Cammino Portoghese, che va da Porto a Santiago de Compostela, si può fare anche in bici, ed è un’esperienza unica, con un ritmo molto diverso rispetto a quello del cammino a piedi. Tutti conoscono il cammino francese per Santiago, ma forse non tutti sanno che esistono  varianti che partono da altre zone dell’Europa. Fra gli itinerari più belli c’è quello portoghese, praticato fin dal XII secolo, che inizia da Lisbona e arriva a Santiago dopo aver attraversato Santarém, Coimbra, Porto e Pontevedra. Il cammino è lungo circa 630 km  ed è percorribile in una decina di giorni. La variabilità temporale dipende dalle scelte delle tappe, dalle capacità fisiche del pellegrino e, soprattutto, dal tempo a sua disposizione. Noi vi proponiamo di praticare il percorso in bici, partendo da Porto con direzione Santiago. Qui i consigli su percorso, tappe, info utili su dove dormire e come arrivare al punto di partenza.

 

 

Da Porto a Santiago de Compostela lungo il  Cammino Portoghese

Qui vogliamo proporre il percorso in bicicletta, che va da Porto a Santiago, perché riteniamo che costituisca un’interessante alternativa  alla classica camminata, anche se richiede più attenzione e cautela soprattutto nella prima parte che è scarsamente contrassegnata e poco battuta. Per questo motivo oltre che per il fascino che l’oceano non manca mai di esercitare sui viandanti, consigliamo la variante che dopo Porto risale la costa atlantica fino a Vigo, riprendendo poi il cammino centrale fino a Santiago. Un’ottima occasione per scoprire un angolo aplendido e poco battuto del’Europa con il cicloturismo.

 

Prima di proseguire puoi consultare altri articoli sul Cammino di Santiago

Ora andiamo a vadere come fare il Cammino Portoghese in bicicletta.

 

In bici da Porto a Santiago: info principali

Andare in bici da Porto a Santiago è senz’altro un tour adatto a persone allenate a pedalare. Il percorso è pianeggiante nella prima parte e, poi, presenta continui saliscendi. Il tragitto si svolge in buona parte su passerelle lungo mare, sentieri sterrati o sabbiosi e stradine secondarie; solo in minima parte segue strade asfaltate.

L’unico albergo del pellegrino ”ufficiale” è quello di São Pedro de Rates. È possibile soggiornare, comunque, nei vari ostelli e B&B presenti lungo il tragitto o fare campeggio.
La stagione migliore è quella estiva, per le temperature calde e il minor rischio di incorrere in temporali, ma prestare attenzione alle ore centrali della giornata, quando il sole è a picco.

 

>> LEGGI ANCHE: Isole Cies, una vacanza ai Caraibi d’Europa

 

In bici da Porto a Santiago: le tappe del percorso

Le tappe normalmente del percorso in bici da Porto a Santiago proposte sono le seguenti e la distanza da coprire giornalmente può variare a discrezione del pellegrino:

  • Porto – Povoa de Varzim (42 km);
  • Povoa de Varzim – Viana do Castelo (50 km);
  • Viana do Castelo – Baiona (68 km);
  • Baiona – Pontevedra (62 km);
  • Pontevedra – Padrón (48 km);
  • Padrón – Santiago (25 km).

 

 

>> LEGGI ANCHE: 5 libri da leggere prima di fare il Cammino di Santiago

 

Porto – Povoa de Varzim

Lunghezza: 42 km

La tappa da Porto a Povoa de Varzim è prevalentemente pianeggiante. Si costeggia il fiume Douro e si arriva sull’oceano Atlantico, dove si incontrano le prime” passerelle”.
Alcune sono percorribili in bici, altre solo a piedi, per cui si devono necessariamente seguire stradine alternative.

 

Povoa de Varzim – Viana do Castelo

Lunghezza: 50 km

Con l’oceano alla sinistra si riparte verso nord. Anche questa tappa è pianeggiante. A Ofir si incontra una laguna, che offre la possibilità di avvistare  numerosi uccelli.
Il percorso si fa più selvaggio con lunghe spiagge libere, dune altissime e strade sabbiose fino ad arrivare al porto di Viana do Castelo.

 

>> LEGGI ANCHE: Come si prepara lo zaino

 

Viana do Castelo – Baiona

Lunghezza: 68 km

È la tappa più lunga del viaggio, ancora con spiagge estese nella prima parte. A Caminha ci si imbarca per attraversare il fiume Minho (Miño) e sbarcare in Galizia. Il paesaggio cambia totalmente: è più collinare e con piccole baie scogliose che sostituiscono le lunghe spiagge sabbiose.
Si giunge a Baiona (fu il primo attracco europeo della Pinta, una delle tre caravelle di Cristoforo Colombo). Gli abitanti di Baiona furono i primi a venire a conoscenza della scoperta dell’America.

 

 

Baiona – Pontevedra

Lunghezza: 62 km

Si parte su ciclabili e passerelle costeggiando le ultime spiagge di sabbia fine. A Vigo si può visitare il grazioso centro storico. Lasciata la città, si scende a Redondela per ricongiungersi con il cammino centrale, che attraversa l’interno.
Il percorso galiziano presenta salite brevi alternate da belle discese, tutte su stradine sterrate e immerse nel verde. La tappa si conclude a Pontevedra.

 

>> LEGGI ANCHE: I primi 10 passi del Cammino di Santiago

 

Pontevedra – Padrón

Lunghezza: 48 km

Nel corso della penultima tappa si percorre l’emozionante variante Espirtual con i suoi saliscendi, i campi di grano, le verdi vallate, il grazioso borgo di pescatori di Combarro e il Mosteiro de Santa María da Armenteira. A Vilanova de Arousa si sale sulla barca del pellegrino e si segue quello che, secondo la tradizione, è il percorso fatto dalla barca che trasportava il corpo di San Giacomo. Si percorre la via de Arousa con i suoi allevamenti di cozze, si risale il fiume Ulla fino a Pontecesures e si arriva a Padrón.

 

Padrón – Santiago de Compostela

Lunghezza: 25 km

La cittadina di Padrón deve il suo nome a “pedron”(pietrona), la pietra dove sarebbe attraccata la barca che trasportava il corpo di San Giacomo e ancora oggi conservata sotto l’altare della chiesa di Santiago Apostolo. Obbligatorio assaggiare i famosissimi e buonissimi Pimientos de Padròn, i peperoncini spedellati con il sale grosso: creano dipendenza. 

Quando finalmente giungono in Plaza do Obradoiro a Santiago, davanti alla facciata della cattedrale, i pellegrini – con la bella visione di due antichi edifici in pietra, il Parador de los Reyes Católicos e il municipio – possono celebrare ufficialmente il loro arrivo.

 

>> LEGGI ANCHE La Rota Vicentina, le tappe del cammino più bello del Portogallo

 

 

L’attestato di percorrenza

Quale attestazione del cammino percorso i pellegrini possono ritirare presso l’Ufficio del Pellegrino il certificato ufficiale, la “Compostela”.

 

 

Come arrivare a Porto

Se hai pochi giorni a disposizione, il modo migliore per raggiungere il punto di partenza del Cammino Portoghese è l’aereo. Puoi prendere un volo andata e ritorno proprio per Porto: Tap, Ryanair e Alitalia hanno voli diretti e scegliendo le tariffe migliori si può partire tutti i giorni.
Da Santiago si può tornare a Porto con l’autobus quotidiano.

 

 

 

Quanto costa fare il Cammino Portoghese in 8 giorni

Oltre al volo o al mezzo che usi per arrivare a destinazione, e alla bicicletta (che eventualmente noleggi) devi tenere conto di una media di 40-60 euro al giorno per vitto e alloggio, pernottando negli alberghi del pellegrino. Fare il Cammino di Santiago in 8 giorni può dunque venire a costare una media di 320-480 euro, che sarà più vicina alla cifra più bassa se ti accontenti di pasti leggeri e al sacco, con ingredienti da acquistare nei supermercatini.

 

 

>> LEGGI ANCHE: I trekking più emozionanti delle Dolomiti

 

 

I trekking più interessanti da fare in Europa

 

 

 

I nostri consigli sulla bici elettrica:

 

 

 

Se ti interessa il ciclismo puoi leggere anche gli altri nostri contenuti su:

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA