Calisthenics, l’allenamento funzionale a corpo libero ideale per l’outdoor

Calisthenics Outdoor

Buono per lo sviluppo di forza fisica, agilità e resistenza, divertente da fare anche all’aperto, il Calisthenics sta diventando uno dei metodi di allenamento più trendy  del momento. Si tratta di una serie di esercizi a corpo libero (trazioni, piegamenti, parallele e così via) senza l’uso dei pesi o delle macchine che si trovano nelle palestre. Questa disciplina fitness è strettamente connessa al mondo dello street workout, dato che ha iniziato a diventare virale sulle sbarre delle spiagge australiane, della California e della Florida per poi espandersi a macchia d’olio in tutta Europa. In Italia, in particolare nelle grandi città, i ‘percorsi vita’ presenti nei parchi sono sempre pieni di appassionati, talvolta ex palestrati, che hanno deciso di scolpire il proprio corpo in maniera alternativa. Non solo per una questione economica, ma anche per i risultati che si possono ottenere a lungo termine.

> Leggi anche: 17 modi diversi di fare i piegamenti sulle braccia

Qualità meglio della quantità

Allenarsi con i metodi del Calisthenics non necessita di molti attrezzi. È uno sport che si può praticare in palestra e all’aperto: bastano una sbarra per le trazioni, delle parallele, degli anelli e un bel po’ di spazio. Stiamo parlando di una disciplina che coinvolge le principali masse muscolari, in cui (soprattutto all’inizio) è molto più importante l’esecuzione rispetto al numero di ripetizioni. La regola è: qualità meglio della quantità. E la consapevoilezza che iniziare con programmi di allenamento massacranti può provocare infortuni molto seri e dolorosi, anche perché i tendini e i muscoli dorsali, addominali e delle spalle sono sempre sollecitati. Fondamentale, prima di mettersi all’opera, il riscaldamento con una corda o una sana corsetta. Sono vivamente consigliati dei guantini rinforzati.

> Leggi anche: 5 consigli per recuperare più in fretta dopo un allenamento

Tanti tipi di esercizi

Alla base del Calisthenics ci sono le buone vecchie trazioni, probabilmente l’esercizio più completo ed efficace che ci sia. I must, in questo caso, sono due: distendere completamente le braccia quando si scende e superare la sbarra con il mento. Il primo approccio con i pull-up non è facile. È fondamentale, quindi, iniziare con poche ripetizioni, essere costanti e fare attenzione alla tecnica. In questo sport sono essenziali anche le Dip in mezzo alle parallele (perfette per pettorali e tricipiti), i piegamenti sulle braccia, gli addominali con la tecnica del plank (gomiti a terra) e della barchetta (schiena a terra e gambe verso l’alto).
Difficilmente ci si annoia praticando il Calisthenics, proprio per l’infinità di esercizi da provare una volta che si prende confidenza con quelli principali. I preferiti dagli appassionati sono le planche alle parallele (il corpo deve essere parallelo al terreno) e il front lever agli anelli o alla sbarra, ideale per migliorare la propria resistenza.

> Leggi anche: I parchi di Milano in cui fare sport: Parco Sempione

Allenamento funzionale

Chi pratica Calisthenics mira principalmente ad allargare la schiena e le spalle, a lavorare sul core (addominali, glutei, obliqui, adduttori, lombari e flessori dell’anca) e a ingrossare e poi definire tutta la parte superiore del corpo (braccia comprese). Trazioni, parallele e via dicendo fanno parte, non a caso, del gruppo di esercizi di un allenamento funzionale. Questa attività fisica è dedicata a tutto il corpo e non si concentra su un singolo gruppo muscolare; migliora coordinazione, velocità, forza e resistenza, non è monotona e permette di raggiungere risultati destinati a durare nel tempo. Un corpo forte e agile allo stesso tempo.

> Leggi anche: Le differenze tra esercizi a catena cinetica aperta e chiusa

©RIPRODUZIONE RISERVATA