Brooks Ghost 10, la prova delle scarpe da corsa ammortizzate ma leggere

brooks-ghost-10-la-prova-delle-scarpe-da-corsa-ammortizzate-e-leggere-adatte-a-piu-terreni-recensione-running--foto-demori

Ghost 10 è una delle scarpe da running più fortunate prodotte da Brooks. È arrivata all’edizione numero 10, testimonianza di un successo che dura nel tempo: la calzatura del marchio americano è un modello di riferimento nel settore delle scarpe ammortizzate e l’ultima versione ha visto ulteriori affinamenti nei particolari e nell’ammortizzazione.

 

>> Leggi anche: 8 banali errori da non commettere con le scarpe da running

La nostra prova delle Ghost 10 di Brooks

Sempre alla ricerca di una scarpa che ci soddisfacesse in più aspetti, abbiamo provato la Ghost 10 per oltre 3 mesi, strapazzandola in tutti i modi, dall’asfalto allo sterrato, al tapis roulant, correndo e facendo passeggiate a ritmo sostenuto, e percorrendo una media di 30 km a settimana (di cui circa la metà in sessioni di running).

 

brooks-ghost-10-la-prova-delle-scarpe-da-corsa-ammortizzate-

 

Comfort e sicurezza

Ci è piaciuta la nuova tomaia in rete, che avvolge il piede fin dalla prima calzata. L’Air Mesh la rende molto traspirante e la parte anteriore della suola è progettata con un disegno di scanalature che la rendono molto flessibile. Non senti addosso i 295 grammi (meno delle versioni precedenti) ma corri con una buona sensazione di sicurezza, i cambi di direzione filano lisci, lo sterrato non è un problema, anche se naturalmente non si tratta di una scarpa da trail impegnativi. Da segnalare: dopo un paio di mesi di utilizzo  una piccola parte della suola, sul lato esterno della scarpa destra si è scollata dall’intersuola.

 

>> Leggi anche: Com’è fatta una scarpa

 

Versatilità e ammortizzazione

Per chi è abituato a scarpe neutral ammortizzate, queste Ghost svolgono un ottimo lavoro sulla strada e sullo sterrato, grazie al lavoro sull’intersuola (con la tecnologia proprietaria BioMoGo DNA), che distribuisce bene l’impatto sul plantare.

 

brooks-ghost-10-la-prova-delle-scarpe-da-corsa-ammortizzate-tallone

 

Una delle novità rispetto alle Ghost precedenti è anche il rinforzo antirottura (Crash Pad) sul tallone, segmentato in modo da sostenere i cedimenti del piede e rendere meno traumatico ogni passo su ogni tipo di superficie. In questo senso la versatilità della Brooks ci ha convinto in pieno: è pensata per il runner che cambia più volte superficie durante un allenamento e riesce davvero ad adattarsi a terreni diversi facendoci sentire sempre a nostro agio.

 

>> Leggi anche: Come (e quanto) correre per dimagrire

 

Il drop da 12 mm è l’impostazione naturale di questo tipo di scarpa e le transizioni tacco punta sono più fluide e puoi spingere per 15 km su terreni misti (intendiamo asfalto e parchi cittadini) senza dolori. Ai piedi di un pronatore invece le Brooks funzionano per distanze più brevi, che si corra o si cammini velocemente.

 

brooks-ghost-10-la-prova-delle-scarpe-da-corsa-ammortizzate-e-adatte-a-piu-terreni-suola

 

 

In conclusione

Morbidezza e leggerezza rimangono il punto di forza della Ghost 10, non c’è dubbio. Brooks ha sfornato una versione migliore delle precedenti (che avevano sollevato qualche critica), giustamente premiata da pubblico e addetti ai lavori.
Sono scarpe adatte un po’ a tutti e in particolare a chi cerca ammortizzazione e versatilità: si sanno adattare velocemente al tipo di corsa e affrontano diversi tipi di terreni.

 

Il prezzo

Le Brooks Ghost 10 hanno prezzo ufficiale di 140 euro.
Ma qui le abbiamo trovate anche a 30-40 euro in meno.

©RIPRODUZIONE RISERVATA