Camminare è un potente antistress: i consigli per ottenere il massimo dei benefici

camminare-antistress-benefici-consigli

Camminare è proprio una filosofia di vita e non a caso una delle più grandi scuole filosofiche dell’antica Grecia, fondata da Aristotele,  era quella peripatetica dove peripatetikos si riferisce all’atto di camminare. Camminare per riflettere, per trovare in se stesso le giuste risposte. Anche Socrate amava camminare e dialogare con i propri discepoli. Camminare apre la mente e permette di farsi abbracciare dal mondo che ci circonda e anche se lo si fa individualmente, non si è mai da soli.

Camminare mette in moto i nostri muscoli e scioglie possibili tensioni,  è provato che scarichi una bella dose di endorfine, una scossa benefica che fa stare bene con se stessi. Camminare diventa così, oltre che un sano esercizio fisico, anche un potente strumento per combattere stati d’ansia e depressione, ma anche quel ‘malessere interiore’ che qualche volta ci assale e non sappiamo neppure perché.

>>Leggi anche Giornata Nazionale del Camminare: 10 motivi per cui camminare ti fa dimagrire e vivere più a lungo

camminare_2Camminare, un’ abitudine che deve diventare quotidiana

Spesso non è facile, ma è fondamentale riuscire a ritagliarsi un momento da dedicare ad una bella camminata, che nel tempo, oltre a funzionare come antistress e tempo per riflettere, diventa anche un esercizio fisico che porta benefici .

Perché la camminata quotidiana produca i giusti effetti benefici, dobbiamo però fare in modo che in quel momento “tutto il mondo resti fuori”. Coccolarsi significa anche dedicare quel tempo a noi stessi e cercare quelle giuste connessioni con ciò che ci circonda e per farlo non dobbiamo avere distrazioni. Il cellulare se proprio non è possibile lasciarlo a casa, fate finta di non averlo portato.

>>Leggi anche Camminare per dimagrire e stare in forma: i 10 consigli

camminare_1L’ideale è immergersi nella natura

Camminando il più possibile dove ci sono aree verdi il nostro cervello e il nostro corpo ne beneficiano. Molte ricerche hanno evidenziato come la natura sia un potente antistress e poter camminare facendosi abbracciare da essa diventa un’esperienza emozionale molto intensa. Se non abbiamo un parco vicino anche scoprire angoli magari sconosciuti della nostra città o del nostro quartiere sono ugualmente un momento di meditazione importante.

>>Leggi anche Camminare nella natura fa bene anche alla mente

Camminare, qual è il momento migliore per farlo

Verrebbe da dire sempre, ma effettivamente la tarda mattinata è quella nella quale la luce solare è più ricca e aiuta la produzione di vitamina D. Non sempre è possibile, allora cerchiamo di trovare il tempo per staccare da ciò che si sta facendo per dedicarlo ad una bella camminata. Bastano 10 minuti per ricaricare le pile. E’ anche importante bere, acqua magari sostenuta da un po’ di magnesio che aiuta. Fondamentale un abbigliamento comodo, così come comode devono essere le scarpe che indossiamo.

 

camminare-antistress-benefici-consigli

 

 

Camminare porta solo benefici

E’ sacrosanto che camminare migliora la circolazione, abbassa la pressione arteriosa e di conseguenza riduce i fattori di rischio d’infarto e di malattie cardiovascolari. Tiene in forma, fa dimagrire. Altro dettaglio, è gratis e lo si fa in ogni luogo e non bisogna prenotare!.  Rilassa, ci mette di buon umore e se fatto in mezzo alla natura infonde un’energia  speciale. Tutto deve avere la giusta misura e il giusto limite, ma come hanno scritto diversi ricercatori, camminare, specie in mezzo alla natura, aiuta a superare depressione e stati emotivi negativi come malattie e lutti.

>>Leggi anche Walking Day, a Milano la camminata antistress senza il traffico

©RIPRODUZIONE RISERVATA

2 responses to “Camminare è un potente antistress: i consigli per ottenere il massimo dei benefici

  1. Che camminare faccia bene è fuori discussione. Oltre a tutti i benefici elencati ne aggiungo due conosco chi ne ha tratto beneficio per tenere sotto controllo il diabete e sempre, con ogni tempo la sua corsetta di qualche chilometro se la fa sempre anche ora che ha superati gli ottanta. Sembra banale ma lo sembra soltanto la sua importanza nel regolare le funzioni intestinali se si cammina anche senza strafare si mette a punto il nostro orologio biologico ed è tanto poter eliminare regolarmente i rifiuti che altrimenti dentro di noi fanno solo danni. In un’unica cosa non concordo a pieno ed è quella di correre da soli nei boschi. Li magari sarebbe preferibile una compagnia. non si sa mai una storta, un malessere un anche banale incidente da soli……..meglio evitare.

Comments are closed.