Coronavirus, scoperto un anticorpo che blocca il Covid-19 nelle cellule

coronavirus-scoperto-un-anticorpo-che-blocca-il-covid-19-nelle-cellule

La ricerca scientifica per affrontare il problema del nuovo Coronavirus corre spedita in tutto il mondo: la buona notizia di oggi è che è stato scoperto un anticorpo che blocca il SARS-CoV-2 nelle cellule.
I ricercatori dell’Università di Utrecht, Erasmus Medical Center e Harbour BioMed (HBM) hanno riferito di aver identificato un anticorpo monoclonale completamente umano che impedisce al virus SARS-CoV-2 (COVID-19) di infettare le cellule in coltura. La scoperta, pubblicata su Nature Communications, è un primo passo verso lo sviluppo di un anticorpo completamente umano per il trattamento o la prevenzione della malattia respiratoria COVID-19 causata dal nuovo coronavirus SARS-CoV-2, che ha finora colpito oltre 3,3 milioni di persone e ne ha uccise più di 235.000.

Coronavirus, l’anticorpo che blocca il Covid-19 nelle cellule

I ricercatori della Utrecht University hanno lavorato su studi del passato sugli anticorpi destinati alla SARS-CoV emersa nel 2002/2003. Hanno così identificato un anticorpo che neutralizza anche l’infezione di SARS-CoV-2 nelle cellule in coltura. “Questo anticorpo neutralizzante ha il potenziale per alterare il decorso dell’infezione nell’ospite infetto e proteggere un individuo non infetto che è esposto al virus“, spiegano gli accademici, “Questa caratteristica di neutralizzazione incrociata dell’anticorpo è molto interessante e suggerisce che potrebbe avere un potenziale di mitigazione delle malattie causate da coronavirus correlati ai futuri emergenti”.
>> LEGGI ANCHE: Coronavirus e ricerca: il più grande problem solving della storia, che sta cambiando la scienza

 

Dopo gli anticorpi dei lama, abbiamo scoperto un anticorpo di tipo umano, che consente di procedere più rapidamente nella ricerca di un trattamento anti Covid-19 riducendo il potenziale di effetti collaterali.
“Questa è una ricerca rivoluzionaria”, ha affermato il dottor Jingsong Wang, fondatore, presidente e amministratore delegato di HBM, “È necessario molto più lavoro per valutare se questo anticorpo può proteggere o ridurre la gravità della malattia nell’uomo. Ci aspettiamo di far progredire lo sviluppo dell’anticorpo con i partner. Crediamo che la nostra tecnologia possa contribuire a rispondere a questo bisogno urgente di salute pubblica e siamo perseguire diverse altre strade di ricerca”.
(foto TheDigitalArtist pixabay)

> se hai trovato interessante questo articolo, iscriviti alla nostra newsletter compilando il form qui sotto!

LEGGI ANCHE

©RIPRODUZIONE RISERVATA