Gli sport per tenersi in forma in gravidanza

bar refaeli fitness gravidanza

La gravidanza non è una malattia e, escludendo le gravidanze a rischio, non c’è motivo per non fare sport. Anzi, fare attività fisica durante i nove mesi della gestazione può anche essere benefico. Il tutto a patto di farsi consigliare e controllare dal proprio ginecologo e scegliendo le attività sportive più adatte al proprio stile di vita precedente la gravidanza e alla condizione in cui ci si trova durante la stessa.

I benefici del fare sport in gravidanza

Ci sono almeno 3 benefici derivanti dal fare sport durante la gravidanza. Il primo è che l’attività fisica mantiene il tono muscolare, necessario per sostenere il peso del pancione. In particolare i muscoli della schiena sono quelli più sollecitati durante i nove mesi della gestazione e mantenerli tonici aiuta a scongiurare mal di schiena e altri problemi. Il secondo è che lo sport migliora la circolazione del sangue, prevenendo o attenuando gonfiori e pesantezza, in particolare delle gambe. Il terzo è che l’attività fisica aiuta a mantenere sotto controllo il peso, e anche durante i 9 mesi successivi alla fecondazione non avere chili in eccesso e non derivanti dallo stato interessante è senza dubbio un vantaggio, anche in ottica della remise en forme post parto. Last but not least, un fisico tonico e allenato, compatibilmente con lo stato di gravidanza, è senza dubbio di aiuto per affrontare le fatiche del travaglio oltre al fatto che una moderata attività fisica aiuta a contrastare la stipsi e ha un benefico effetto sul sistema nervoso.

> Leggi anche: Camminare per dimagrire: i 10 consigli

Quali sport praticare in gravidanza

Sostanzialmente non ci sono sport preclusi durante il periodo della gravidanza, a parte quelli che comportano un elevato rischio di caduta, quelli di contatto che potrebbero portare dei colpi al pancione e quindi al feto, e quelli che prevedono un elevato aumento della frequenza cardiaca: durante la gravidanza infatti le donne subiscono già un naturale aumento del battito cardiaco, dovendo provvedere alla circolazione del sangue e all’ossigenazione per sé e per il feto, e in linea di massima sarebbe bene non superare mai i 130/150 battiti al minuto mentre si pratica sport.

Ribadito che è sempre necessario il parere del proprio ginecologo, dopo il terzo mese sono quindi banditi tutti gli sport di cui sopra ma si possono praticare regolarmente gli sport che già si praticavano prima della fecondazione. Diverso invece il discorso se si decide di cominciare da zero proprio durante la gravidanza: in questo caso è bene dedicarsi ad attività soft come il walking, l’acquagym, il nuoto, lo yoga, il pilates, o qualche routine di fitness moderato (come fa la modella Bar Refaeli nella foto postata sul suo account Instagram) meglio se a partire dal secondo trimestre.

> Leggi anche: Come allenarsi con gli esercizi isometrici

No excuses, no filter, no abs ??

A photo posted by Bar Refaeli (@barrefaeli) on

Gli sport da evitare durante la gravidanza

Oltre agli sport che comportano il rischio di caduta o di colpi accidentali al feto, sono generalmente da sospendere o evitare gli sport che prevedono salti o movimenti sussultori che potrebbero aumentare la contrattilità uterina: non al running quindi, ma nemmeno salto della corda, equitazione, sci e ovviamente le competizioni in generale dove è alto il rischio di contatto o caduta.

> Leggi anche: Le fitness model da seguire su Instagram

Il parere del ginecologo

Occorre ribadirlo: queste sono considerazioni di tipo generale e relative a donne in buono stato di salute e con una gravidanza senza complicazioni. Ma in generale è sempre necessario il parere del proprio ginecologo.

> Leggi anche: Fitwalking, la camminata per il benessere

©RIPRODUZIONE RISERVATA