Apple Watch con elettrocardiogramma e rilevamento del battito irregolare contro la fibrillazione atriale

apple-watch-ecg-fibrillazione

 

La tecnologia salva la vita, sempre di più: Apple Watch con l’elettrocardiogramma e il rilevamento del battito irregolare per segnalare l’arrivo di fibrillazione atriale è una importante novità nel campo degli smartwatch (qui le nostre prove dei prodotti). Apple ha annunciato l’arrivo in italia del nuovo aggiornamento iOS con la nuova funzione per la prevenzione degli attacchi cardiaci e ictus. Il sistema tecnologico rileva il battito anomalo e invita l’utente a attivare la funzione di ECG per il tracciato elettrocardiografico. Nel frattempo viene avvisato il medico o l’ospedale, che può intervenire in tempo per evitare danni.

 

Apple Watch per l’aritmia cardiaca e la fibrillazione

Apple, insieme alla facoltà di medicina della Stanford University, ha condotto uno studio per 8 mesi su 419.093 volontari che si sono sottoposti a un monitoraggio costante del battito cardiaco tramite Apple Watch, i modelli precedenti alla serie 4. Allo 0.5% di essi (più di 2.000 persone), è stata diagnosticata una aritmia cardiaca.

Apple Watch 4 invece, con l’aggiornamento WatchOS 5.2, è il primo orologio di Cupertino che incorpora un nuovo sensore per il rilevamento del battito, che associato a un elettrodo di titanio può funzionare da elettrocardiogramma e registrare il tracciato elettrocardiografico di chi lo indossa.

 

>> LEGGI ANCHE: I braccialetti fitness non servono davvero a dimagrire

 

Aritmia cardiaca e fibrillazione atriale e il caso Khedira

L’aritmia è un’a disfunzione cardiaca che colpisce l’8% della popolazione italiana sopra i 65 anni e il 15% sopra gli 80 anni. Può essere benigna, ma può anche diventare cronica e maligna e invalidare le persone fino a causare ictus. Si può intervenire con una operazione (ad esempio l’ablazione). Uno dei problemi collegati a questa patologia è che spesso le persone non sanno di averla, e non basta un esame all’anno per individuarla.

Così la tempestività diventa un fattore chiave. Come è capitato ad esempio al calciatore della Juventus Sami Khedira che, pur controllato regolarmente e senza problemi, a un certo punto ha sentito una palpitazione in allenamento e si è scoperta la fibrillazione atriale, poi curata con intervento di ablazione.

 

>> LEGGi ANCHE: I migliori smart tracker per il fitness e lo sport

 

L’aggiornamento di Apple Watch con la funzione per l’aritmia

Oltre all’ECG, Apple Watch ha la funzione di rilevamento del battito non regolare. L’aggiornamento a WatchOS 5.2 è disponibile da oggi anche in Italia e ha l’approvazione CE. Non solo per il modello 4 ma per tutti gli Apple Watch.

Apple vuole spingere il più possibile in là le funzioni del suo dispositivo indossabile, con il rilevamento della fibrillazione atriale, che è una forma molto comune di aritmia cardiaca. In questo modo il wearable Watch può diventare un piccolo ECG alla portata di tutti.
Pur non essendo un dispositivo medico, può essere uno strumento utile per diagnosticare aritmie e permettere di intervenire in tempo.

 

>> LEGGI ANCHE: FitBit Charge 3, va in acqua e monitora il sonno

 

Come funziona l’ECG di Apple Watch 4

Se lo smartwatch rileva un’anomalia cardiaca, avvisa l’utente invitandolo a attivare il tracciato elettrocardiografico e ad andare all’ospedale per l’analisi. Inoltre invia in formato .pdf l’ECG al medico curante.

Il sistema utilizza il sensore ottico che sta sotto l’Apple Watch per rilevare la variazione di volume del sangue che passa nel polso (fotopletismografia). Grazie a un algoritmo riesce a determinare il battito e la sua frequenza.

Ha quindi il vantaggio di essere uno strumento sempre indosso alle persone e in grado di avvisare istantaneamente.

Un dispositivo che rilevare le anomalie e elabora l’ECG per poi comunica con il medico e l’ospedale può essere un grande passo avanti dal punto di vista tecnologico

 

 

Qui puoi consultare le nostre sezioni dedicate agli sport aerobici più classici:

 

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Parliamone sulla nostra pagina Facebook

©RIPRODUZIONE RISERVATA