Incidenti in montagna: è ora di far pagare integralmente i soccorsi?

Paolo De Luca Accompagnatore Media Montagna Maestro Sci

Purtroppo si parla sempre più spesso di incidenti in montagna. Un fenomeno in crescita perché è aumentato il numero di coloro che desiderano praticare escursioni ed arrampicate sia in inverno che in estate, affascinati dalle alte quote e dai paesaggi spettacolari. Per prendere un anno di riferimento: nel 2011 il Cnasas (Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico) ha effettuato 8.299 interventi, con 36.517 soccorritori impegnati e 113 unità cinofile da valanga utilizzate (e 156 unità cinofile da superficie). In tutto 2.834 persone soccorse erano illese, 3.232 feriti leggeri, 1.671 feriti gravi, 494 feriti in imminente pericolo di vita, 478 deceduti e 42 dispersi.

“Nella maggior parte dei casi gli incidenti sono da ricondurre a superficialità e scarsa preparazione: molte tragedie si potrebbero evitare se gli escursionisti e gli alpinisti facessero più attenzione alle indispensabili norme di sicurezza” ci ha scritto Paolo De Luca (in foto), maestro di sci e accompagnatore di media montagna sul Gran Sasso: “L’esperienza, invece, ha dimostrato che spesso la difficoltà deriva da una sopravvalutazione delle proprie capacità e da una scarsa valutazione del percorso che si vuole intraprendere e dei relativi rischi” (Qui la scala di difficoltà dei sentieri e la relativa segnaletica).

E se ora regioni come Veneto, Trentino e Valle d’Aosta hanno deciso di far pagare ticket salati alle richieste di intervento inopportune, “la possibilità di contare sul soccorso gratuito nel tempo ha finito per indurre un certo irresponsabile innalzamento dei margini della sfida: tanto, nel peggiore dei casi, li tirano comunque fuori!”

Un tema dalle molte sfaccettature, da cui questo contributo dello stesso Paolo De Luca.

Quali sono le precauzioni da adottare per evitare incidenti in montagna?
Preliminare a qualsiasi attività in montagna è la consultazione dei bollettini meteo, tenendo tra l’altro presente che in montagna le condizioni del tempo possono cambiare in pochi minuti. Fondamentale è scegliere l’itinerario in base alla propria preparazione fisica e tecnica. Abbigliamento ed equipaggiamento devono essere adeguati alla difficoltà ed alla durata dell’escursione. Nello zaino (con Air Bag) non deve mai mancare l’occorrente per le situazioni di emergenza: telo termico, lampada frontale, Kit di primo soccorso, telefonino cellulare – Gps nel quale si può scaricare l’App “GeoResQ” (il servizio di geolocalizzazione e d’inoltro delle richieste di soccorso che tiene traccia del percorso comunicandolo a chi volesse seguirci da casa e per inoltrare tempestivamente la richiesta di aiuto alla centrale operativa attiva 24 ore su 24). E ancora, nel caso di neve, casco, pala, sonda, Artva e anche il controllo periodico delle batterie degli apparecchi elettronici per verificarne la carica residua.

Consigli a parte, da più fronti si invoca una legge in grado di arginare l’impennata di incidenti in montagna.
“Attualmente non esiste una normativa con regole specifiche per la sicurezza dello sciatore-alpinista, dell’alpinista, dell’escursionista e più precisamente per gli sport di avventura. A mio avviso si potrebbe innanzitutto modificare la Legge 363/2003 sulle norme di sicurezza e di prevenzione infortuni per lo sci di discesa e fondo estendendola anche allo sci alpinismo, all’escursionismo, all’alpinismo. Così come nell’attuale legge si stabiliscono precise regole sulle piste da sci, anche nel caso di escursioni e arrampicate in montagna è necessario fissare regole più stringenti. Una soluzione potrebbe essere anche quella di stipulare una polizza assicurativa per le attività sportive: credo ci siano formule che coprono escursioni impegnative e probabilmente anche vie ferrate (sicuramente non arrampicate di alto livello). Nella maggior parte dei Paesi europei è prevista un’assicurazione per questo genere di attività: con circa 20-30 euro l’anno si è coperti in caso di infortunio”.

Non si dovrebbe partire dalla prevenzione?
“Certamente. Gli addetti non indicano però la soluzione preferendo continuare a finanziare i soccorsi e le loro costose strutture invece di fare adeguata prevenzione, molto più economica ed efficace. Sebbene molti conoscono le soluzioni, non si adoperano per sottoporre propedeuticamente a formazione i frequentatori dei monti, così da ottenere il necessario aumento di capacità, equipaggiamenti e consapevolezza con abbattimento dei casi di difficoltà, incidenti, smarrimenti e costi connessi. Secondo me, si ignora l’esempio delle associazioni speleologiche e subacquee che giustamente impongono la frequentazione di un corso introduttivo prima di svolgere tali specialità non meno rischiose dell’alpinismo, dello sci-alpinismo o dell’escursionismo. Finanziando tale attività formativa, in pochi anni quella di soccorso ridurrebbe enormemente i suoi costi, così come le spese sanitarie, con risparmi incalcolabili”.

Come disincentivare le imprudenze in montagna?
Penso che bisognerebbe far pagare per intero al cittadino le operazioni di salvataggio in montagna, perché la comunità non può e non deve più farsi carico delle leggerezze degli irresponsabili. Le operazioni di soccorso alpino, oltre ad impegnare mezzi e decine di uomini, mettendone a rischio la vita, in Italia sono un costo imputato per intero alla collettività perché gestito dal servizio sanitario nazionale. La persona soccorsa, quindi, non paga nulla. In Austria ed in Slovenia, nostri confinanti, il costo del soccorso è a totale carico del cittadino in emergenza. In questo modo si cerca di responsabilizzare coloro che decidono di avventurarsi in montagna senza una preliminare valutazione del percorso e delle proprie capacità.

Davvero la soluzione è far pagare integralmente il soccorso?
Certo. Andare in montagna è una scelta che comporta un margine di rischio; chi poi imprudentemente si mette in condizione di pericolo deve accettarne le conseguenze, anche economiche. Il paragone con altri tipi di soccorso, come gli incidenti stradali ad esempio, non regge e la mia non è una voce isolata: a perorare la proposta ci sono illustri esperti del settore di fama internazionale. Alpinisti quali Abele Blanc, Alessandro Gogna, Reinhold Messner, Giampiero Di Federico, Pasquale Iannetti concordano sul deterrente di tipo economico quale strumento per disincentivare i comportamenti negligenti e sull’importanza di diffondere la cultura della prevenzione del rischio.

A chi spetterebbe il compito di certificare la sussistenza dei requisiti necessari a giustificare gli interventi di soccorso alpino?
I reparti specializzati del Corpo Forestale dello Stato, i Carabinieri, la Polizia, la Guardia di Finanza, i Vigili del Fuoco, l’Esercito (Alpini) hanno la preparazione giuridico – operativa per permettere ai propri uomini di poter ricostruire esattamente qualsiasi evento legato ad infortuni ad alta quota, utilizzando come parametro di riferimento le linee guida del C.A.I. sulle regole di comportamento in montagna. Infatti ogni corpo ha una propria squadra di soccorso alpino pronta a collaborare con quella del C.N.S.A.S del Club Alpino Italiano la quale, ai sensi di una Legge di protezione civile, ha il compito di provvedere a vigilanza e prevenzione degli infortuni nelle attività alpinistiche escursionistiche e speleologiche nonché al soccorso degli infortunati, dei pericolanti e al recupero dei caduti ad opera di tecnici di soccorso alpino inquadrati come “volontari” e quindi senza alcuna retribuzione economica.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

2 responses to “Incidenti in montagna: è ora di far pagare integralmente i soccorsi?

  1. “Nella maggior parte dei casi gli incidenti sono da ricondurre a superficialità e scarsa preparazione" : credo che questo sia vero solo fino ad un certo punto, in uno sport dove scivolare può significare morire io vedo morire troppa gente e capita anche a bambini e giovani o genitori che lasciano figli piccoli. Più che pensare al pagamento dei soccorsi si dovrebbe pensare alla prevenzione ed accettare che forse per una società civile uno sport cosi pericoloso andrebbe fortemente sconsigliato mettendo in bella mostra i lutti giornalieri che avvengono e non continuare a mitizzarlo per far capire che si sta scalando solo un sasso..
    http://associazionevittimedellamontagna.blogspot.it/

  2. Vorrei tanto sapere da dove viene questo assiduo impegno del signor de Luca, unico esempio in tutta Italia, nel voler sensibilizzare l'opinione pubblica sulla necessità di introdurre il soccorso in montagna a pagamento in Abruzzo sulle più disparate testate giornalistiche online e cartacee regionali ormai da anni. E tutto ciò sbandierando numeri precisi sulle statistiche annuali, ribadendo che esiste una legge che affida il "compito" al CNSAS di vigilare e soccorrere gli infortunati attraverso "volontari" "non pagati". E per di più menzionando veri professionisti quali il Soccorso Alpino della Forestale, il Soccorso Alpino della Guardia di Finanza ed i Vigili del Fuoco come dei consulenti al servizio della collettività per accertare le dinamiche degli incidenti e degli interventi di soccorso. Il signor de Luca però ignora che le uniche forze dell'ordine altamente specializzate in montagna come i già citati SAF e SAGF vengono letteralmente tagliate fuori da qualunque tipo di richiesta di soccorso giunga al numero di emergenza 118, per motivi che gli onesti cittadini ignorano totalmente. E si sappia che le forze dell'ordine deputate ad effettuare soccorso in montagna con la più alta professionalità e unica competenza di polizia giudiziaria restano nelle caserme stipendiati, mentre i "volontari" volano tutti i giorni dietro cospicuo "rimborso". E mi rivolgo anche al signor Claudio, il quale posso solo immaginare quale dolore possa aver vissuto per avere una tale avversità nei confronti degli sport di montagna. Molte delle persone menzionate negli articoli riportati nel blog da lei indicato avrebbero potuto essere salvate o quanto meno soccorse in minor tempo e con maggiori forze, se fosse stato permesso a tutti gli Enti preposti al soccorso in montagna di intervenire tempestivamente. E invece esiste una consolidata volontà politica affinché ciò non avvenga e che tale servizio rimanga appannaggio di un solo ente (con la e minuscola) che usufruisce di risorse già esigue delle disastrate ASL regionali. Apriamo la mente e facciamoci le domande giuste.

Comments are closed.