Regioni in zona rossa, arancione e gialla, le regole per lo sport in maggio

regioni-zona-rossa-arancione-gialla-regole-sport

Colori e regole cambiano spesso ed è sempre importante dare risposta alla domanda su cosa si può fare e cosa no quanto a attività sportiva e attività motoria nelle Regioni in zona rossa, arancione e gialla nel mese di maggio.
Il nuovo Dpcm firmato dal Presidente del Consiglio Mario Draghi il 21 aprile dispone il ritorno della zona gialla dal 26 aprile e nuove regole per le attività sportive, con la riapertura dei campi da calcetto e degli sport di contatto, e anche la possibilità di assistere agli eventi e gare sportive, dal 1 giugno e con alcune regole da rispettare.
La roadmap del governo Draghi prevede anche la riaperture delle piscine all’aperto dal 15 maggio e delle palestre dal 1 giugno.
Nel frattempo, ecco quali sono le regole per lo sport in zona rossa. 

Pubblicità

Regioni in zona rossa, le regole per lo sport

Ecco le regole per chi vive in zona rossa e svolge attività sportiva o motoria.
– Si può lasciare la propria abitazione per fare attività sportiva (una corsa) all’aperto, anche uscendo dal proprio comune di residenza (ma con l’obbligo di tornare al punto di partenza) e mantenendo le distanza di sicurezza. Non è obbligatoria la mascherina se si corre o ci si allena in bicicletta
L’attività motoria (una passeggiata, per esempio) è consentita, ma solo in forma individuale e in prossimità della propria abitazione. Quindi si può fare solo vicino a casa, ma non con gli amici. La mascherina è obbligatoria per l’attività motoria
– Vige sempre la solita deroga per i comuni con meno di 5mila abitanti, da cui si può uscire per qualsiasi ragione (anche per fare sport) con l’obbligo di rimanere in un raggio di 30 chilometri dai relativi confini e il divieto di entrare in un capoluogo di provincia.
– Rimangono chiusi i centri sportivi, le palestre e le piscine.
Qui spieghiamo nello specifico le regole per lo sport i zona rossa

Le regole per lo sport in zona arancione

In zona arancione non si può uscire dal proprio Comune per fare attività sportiva
– Si può svolgere attività sportiva o attività motoria all’aperto, anche presso aree attrezzate e parchi pubblici,  purché comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività, salvo che non sia necessaria la presenza di un accompagnatore per i minori o le persone non completamente autosufficienti
– Si può fare attività sportiva o motoria in compagnia di altre persone: si può andare a correre, passeggiare, pedalare in bici, fare fitness al parco con un amico o con il proprio partner (anche non convivente)
Qui spieghiamo nello specifico le regole per lo sport in zona arancione

Le regole per lo sport in zona gialla

Le regole per lo sport in zona gialla sono le stesse che vigono nella zona arancione, con alcune differenze:
– Si può uscire dal proprio comune per fare attività sportiva. E si può uscire anche dalla Regione.
– Tornano gli sport di contatto come basket, calcetto, rugby, beach volley
– Si può assistere ai match sportivi, r
ispettando il numero contingentato a altre regole
Qui spieghiamo nel dettaglio quali sono le regole per lo sport in zona gialla.
[Photo by Paul Sky from Pexels]

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità