È vero che ingrassiamo con l’età?

uno studio scientifico finalmente spiega perché il nostro corpo tende a accumulare chili con il passare degli anni perché non riesce più a regolare l’equilibrio dei grassi

Corsa testosterone Sovrappeso

Ci chiediamo spesso perché ingrassiamo con l’età, perché invecchiando facciamo fatica a dimagrire (il che è l’altro lato della medaglia) pensando che la risposta sia dovuta al fatto che, pur magari mangiando come sempre, facciamo una vita sedentaria e pratichiamo meno sport. Dopo una certa età facciamo fatica a mantenere il nostro peso forma per un motivo preciso: lo ha scoperto per la prima volta uno studio del Karolinska Institutet (Svezia) pubblicato sulla rivista scientifica Nature Medicine che ha indagato il tema e ha scoperto che il segreto del processo di appesantimento è dovuto alla velocità con cui nel nostro corpo si ricambiano i lipidi nelle cellule adipose. È il cosiddetto “turnover lipidico”, che provoca l’ineluttabile aumento di peso. Questo fenomeno è davvero inevitabile. La scoperta può aprire nuove frontiere nella cura dell’obesità e delle sue malattie al cuore correlate, che sono diventate un problema globale.

Pubblicità

Ecco come e perché ingrassiamo con l’età

Da uno studio americano sappiamo cosa succede al nostro corpo quando mangiamo cibi grassi e come funziona la reazione infiammatoria, che è una risposta assolutamente personale dei globuli bianchi che si attivano per autodifesa. I ricercatori svedesi hanno indagato invece il modo in cui il grasso e le nostre abitudini alimentari ci fanno ingrassare nel tempo. Per farlo hanno monitorato 54 persone tenendo sotto controllo in particolare il loro tessuto adiposo per 13 anni. Quello che è emerso dall’analisi cellulare è che lo scorrere del tempo incide sulla velocità di ricambio dei composti, che si fa più lenta. Quel che accade al nostro organismo è che il rapporto tra i grassi immagazzinati e quelli rimossi cambia, e lo fa a favore di quelli che rimangono nel corpo. l’unica alternativa, come abbiamo più volte constatato dagli studi scientifici, è mangiare di meno e fare attività fisica con regolarità. Lo confermano anche gli scienziati svedesi, che hanno visto come il peso di 41 donne obese sottoposte a chirurgia bariatrica sia diminuito dopo aver fatto esercizio fisico. Se non lo facciamo siamo destinati a ingrassare mediamente del 20%.

Quanto dobbiamo muoverci ogni giorno?

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità dovremmo camminare per 10mila passi al giorno per avere una vita sana. Si tratta di circa 2 ore di camminata al giorno, anche spezzata nell’arco delle 24 ore. In realtà non è così davvero necessario farne proprio 10mila (come spieghiamo in questo articolo); ci sono anche altri studi che parlano di 7.500 passi.
In sostanza, i processi del tessuto adiposo regolano le variazioni del peso corporeo in modo indipendente da altri fattori, si legge nel paper dello studio. Cioè, col passare del tempo siamo destinati a accumulare peso in ogni caso (a meno che, appunto, non ci sforziamo di mantenere il corpo attivo). E capire come funziona la dinamica dei lipidi e come viene regolata la massa grassa nel nostro corpo è fondamentale per cercare rimedi efficaci contro i problemi del sovrappeso, l’obesità, e combattere le malattie cardiovascolari a essi collegate come infarto e ictus. In ogni caso, le raccomandazioni della scienza sono quelle di condurre una vita 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità