Simone Moro e Tamara Lunger tornano a casa: stop al Gasherbrum

Simone Moro e Tamara Lunger tornano a casa: stop al Gasherbrum

Simone Moro e Tamara Lunger tornano a casa, interrompendo la spedizione invernale al Gasherbrum I e II. La conferma arriva dalla manager dei due alpinisti, Marianna Zanatta, dopo il terribile incidente occorso sul ghiacciaio del massiccio montuoso situato nella regione nord-orientale del Baltoro, al confine tra Pakistan e Cina, nella catena del Karakoram: “La spedizione invernale al Gasherbrum I e II di Simone e Tamara finisce qui. Per noi, al momento ancora sottosopra, la felicità di saperli sani e salvi!“.

Simone Moro e Tamara Lunger tornano a casa: cosa è successo

Lo stop alla spedizione di Simone Moro e Tamara Lunger, che aveva come obiettivo il concatenamento invernale di Gasherbrum I e Gasherbrum II, avviene dopo la caduta di Simone Moro in un crepaccio che ha causato non solo spavento e pausa ma anche delle conseguenze fisiche che hanno indotto l’evacuazione dei due alpinisti dal campo base della spedizione. La dinamica dell’incidente la racconta Simone Moro sulla sua pagina Facebook.

“Tutto è bene quel che finisce bene. Senza stare a girare troppo attorno al concetto, ieri siamo arrivati veramente a un soffio da un epilogo tragico e funesto sia per me che per Tamara.”

Anche Tamara Lunger ha spiegato, dalla sua pagina Facebook, cosa è accaduto sul ghiacciaio e come si sente ora.

“Stavo per fare il mezzo barcaiolo per far venire Simone, lui ha fatto il suo primo passo e all’improvviso è sparito nel buco. La mano mi si è strozzata nella corda e sono volata fino a mezzo metro dal buco. Ho fatto di tutto e di più, il tempo sembrava infinito e alla fine potevo scordarmi dei pensieri di morte, grazie a dio! Tutti e due abbiamo lavorato al meglio per far venire fuori Simone e i suoi 20 m. di volo!”

©RIPRODUZIONE RISERVATA