Cosa serve in MTB di davvero utile e indispensabile

COSA SERVE IN MTB DI DAVVERO UTILE

E così hai comprato la tua nuova bici off road, la guardi e ti stai chiedendo che cosa serve in MTB di davvero utile. Fai bene, perché andare in mountain bike richiede un kit minimo di equipaggiamento senza il quale una gita bella, divertente e appassionante può trasformarsi in un piccolo incubo di fastidi, disagi e contrattempi. Andare per boschi, montagne e sterrati con una mountain bike è un viaggio sempre imprevedibile, anche se fai un semplice giretto intorno a casa, e per non ritrovarti seduto a terra in attesa di qualcuno che ti aiuti ci sono un po’ di cose fondamentali da compare subito.

1. Il casco
Non è obbligatorio per legge, non ci devi fare affidamento assoluto (per esempio in caso di cadute frontali non è certo come un casco integrale da moto o da downhill) ma rimane comunque un acquisto fondamentale. Sia per proteggerti nel caso di cadute, sia per riparare la testa dai rami quando sfrecci nel bosco. I caschi da bicicletta devono soddisfare determinati requisiti di sicurezza stabiliti da norme internazionali, quelli da MTB di solito hanno anche la visiera, e ovviamente sono compatibili con gli occhiali. Tutto quello che devi sapere sul tuo prossimo casco da MTB lo puoi leggere in questo articolo.

2. Occhiali
Fango, polvere, insetti, foglie, polline, ramoscelli, sassolini… Quando sfrecci in MTB ti può arrivare in faccia di tutto, e se c’è una cosa da proteggere sono gli occhi. Per evitare fastidiosi arrossamenti, momenti di distazione o anche danni più gravi. Di occhiali sportivi o proprio specifici da MTB ce ne sono tantissimi, ma le caratteristiche fondamentali sono 3: devono proteggere bene gli occhi, quindi essere abbastanza ampi, stare al loro posto senza scivolare via e possibilmente avere lenti fotocromatiche che si adattano ai continui passaggi dalla luce all’ombra. La nostra guida all’acquisto degli occhiali per la MTB la puoi leggere qui.

3. Pantaloncini con il fondello
Più che fondamentali. Per la t-shirt puoi anche metterne una banalmente tecnica e traspirante che usi per altri sport. Ma i pantaloncini con il fondello sono indispensabili se non vuoi tornare a casa con fastidiosissimi dolori al soprasella (o per meglio dire formicolio, intorpidimento e insensibilità nella zona del perineo). In MTB puoi indossare sia quelli aderenti (i cosiddetti “ciclisti” simili a quelli che si usano sulle bici da corsa) che quelli a forma più tradizionale a pantaloncino. Di fatto però quelli da MTB hanno un fondello diverso da quelli da strada, quelli da uomo son diversi da quelli da donna (e sotto non bisogna indossare l’intimo…). La nostra guida ai pantaloncini da MTB la puoi leggere qui.

4. Zaino
Be’ sì, in MTB non basta infilare nel taschino sulla schiena una mantellina e due gel e la borraccia sul tubo obliquo, uno zaino è francamente essenziale. Oltre a giacca antivento / antipioggia, qualcosa da mangiare e bere, documento di identità, due soldi e telefono (che se ti si rompe la bici nel bosco è sempre utile) è sempre consigliato portarsi dietro qualcosa in caso di foratura (c’è chi si porta camera d’aria e attrezzi e chi lo spray gonfia e ripara), un attrezzo multitool se devi stringere qualche dado o bullone e magari mappe e cartine (o un ciclocomputer). E per questo ci vuole uno zaino. Che in MTB non deve essere né troppo largo né troppo ingombrante, come spiegato in questo articolo.

5. Pompa
Dare una occhiata alla bici prima di ogni uscita è la regola aurea di ogni biker, ma se c’è una cosa che dovrai fare spesso è gonfiare gli pneumatici della tua MTB. E per questo ci vuole una vera pompa da bicicletta. Se poi è di quelle con manometro tanto meglio, perché la pressione di gonfiaggio è scritta sugli pneumatici e deve essere precisa. E magari saresti anche tentato di comprarne una mini portatile da mettere nello zaino, che non si sa mai.

6. Lubrificante per la catena
MTB significa fango, polvere e detriti. E c’è una cosa che farai dopo ogni giro: pulire la bicicletta. E tra fango, polvere e detriti, e lavaggi conseguenti, una cosa da fare subito dopo è ingrassare la catena. Che non è un’operazione banale e abbiamo spiegato nel dettaglio in questo articolo (con tanto di prodotti consigliati).

7. Da bere
Non c’è niente di più bello che trovare una fonte d’acqua naturale da cui bere, ma questo è uno degli incontri fortunati che capitano raramente. Di fatto in bici sarai portato a bere spesso, e se sei tra i boschi l’acqua te la devi portare dietro. Per questo ci sono due soluzioni: la classica borraccia da mettere sul tubo obliquo e quello verticale, oppure uno zaino con la sacca idrica, che è la soluzione preferita dai veri rider.

PS: sì, ci sarà sicuramente chi dice che ci sono tante altre cose utili. Per esempio i guanti, che sono utili ma non indispensabili (puoi guidare anche senza…). Per esempio le luci (fondamentali e obbligatorie in strada, anche durante il giorno, ma non così fondamentali se vai nel bosco). Per esempio un intero kit di riparazione (completo di leve smonta copertoni, tiraraggi, smagliacatena e tanti altri attrezzi) ma se non sai come fare non te ne fai nulla. Insomarema, per comprare tutto il resto c’è tempo. Ma per i primissimi giri le cose davvero fondamentali da avere sono le 7 elencate sopra.

©RIPRODUZIONE RISERVATA