Odore di muffa nella borsa sportiva: 3 rimedi che funzionano

Muffa nella borsa sportiva: rimedi

La muffa nella borsa sportiva è un problema non raro. Basta infatti che la borsa della piscina, o lo zaino, siano bagnati o umidi al loro interno, che magari rimangano chiusi per dimenticanza con all’interno l’accappatoio bagnato o gli indumenti sudati, o che magari li si lasci per qualche tempo in un luogo umido e poco areato, come spesso sono le cantine, i sottotetti o i solai, et voilà ecco la muffa con il suo caratteristico e cattivo odore.
La muffa altro non è che un particolare fungo che rilascia cattivo odore e si riconosce per le caratteristiche macchie e, ahimé, attecchisce anche su tessuti sintetici come quelli delle borse sportive. Ma come fare per togliere la muffa e il suo cattivo odore? Ci sono un po’ di metodi da provare.

Come togliere la muffa dalla borsa sportiva

Bicarbonato, aceto bianco o perborato di sodio sono di solito i modi migliori per togliere la muffa dalla borsa sportiva.

Bicarbonato di sodio per togliere muffa e odore dalla borsa sportiva

Se la borsa sportiva presenta macchie e odore di muffa la prima soluzione può essere quella di versarvi all’interno del bicarbonato di sodio che ha proprietà antibatteriche naturali e in più anche quella di assorbire i cattivi odori. Per la quantità si può andare a occhio, da un bicchiere a una confezione intera (che costa poco più di 1 euro per la confezione da 500 grammi), l’importante è che ricopra uniformemente le pareti interne della borsa. A questo punto si chiude la borsa con la cerniera, magari la si scuote per essere sicuri che il bicarbonato raggiunga ogni angolo, e si lascia agire almeno per una notte (ma per odori molto forti può servire anche qualche giorno). A questo punto può basta sciacquare con acqua fredda corrente, oppure lavare con sapone e quindi far asciugare in luogo arieggiato e preferibilmente soleggiato, meglio se riversando la borsa al conrtario.

Aceto bianco contro la muffa

Più o meno l’aceto bianco agisce allo stesso modo del bicarbonato, se non che è liquido e l’odore può risultare sgradevole. Lavare una borsa sportiva in lavatrice non è mai una buona idea, perché potrebbe rovinarsi il rivestimento impermeabilizzante o le cuciture, tuttavia a mali estremi e davanti alla prospettiva di buttare una borsa può andar bene anche la lavatrice, avendo cura di non programmarla oltre i 40°C e magari infilando la borsa dentro una vecchia federa di un cuscino; in alternativa si può fare un lavaggio a mano. Comunque, in lavatrice o a mano, occorre usare una buona quantità di aceto bianco misto ad acqua calda, e nel caso del lavaggio a mano lasciando anche agire in ammollo per una notte o 24 ore.

Perborato di sodio per eliminare la muffa

Il perborato di sodio è un sale sbiancante utilizzato anche per i detersivi. Oggi in realtà si usa il percarbonato di sodio, che è la reazione tra carbonato di sodio e acqua ossigenata ma è ecocompatibile oltre che fortemente igienizzante. Chiaramente in questo caso è necessario fare un lavaggio in lavatrice, idealmente a 60°C almeno, che è la temperatura alla quale la scomposizione di ossigeno e soda agiscono con più efficacia, e senza aggiungere detersivi o ammorbidenti. Ovviamente bisogna tener conto del fatto che a 60°C un ciclo in lavatrice potrebbe danneggiare la borsa sportiva, ma se è l’ultimo tentativo prima di gettarla per manifesta inferiorità rispetto alla muffa può aver senso farlo.

Credits photo: FlickrCC J Dimas

©RIPRODUZIONE RISERVATA