Le idee migliori nascono quando corriamo, gli studi sulla Runfulness

le-idee-migliori-nascono-quando-corriamo-gli-studi-sulla-runfulness

Le idee migliori nascono quando corriamo, lo spiegano due studi commissionati da Brooks Running. Il brand di scarpe e abbigliamento per la corsa parla di Runfulness, una derivazione corsistica della Mindfulness. Le due ricerche, una in un riconosciuto laboratorio di neuroscienze e una sul campo con un sondaggio tra centinaia di runner, sono state lanciate per studiare gli effetti della corsa sul cervello. Entrambi gli studi hanno dimostrato che la corsa ha effetti immediati anche sulla mente riducendo lo stress e determinando uno stato di consapevolezza e benessere che, rilassando il cervello, lo pone in una condizione di particolare predisposizione alla creatività e alle nuove idee.

Le idee migliori nascono quando corriamo, gli studi sulla Runfulness

Lo studio pilota basato sulle scienze del comportamento e le neuroscienze è stato condotto da Brooks in collaborazione con il Professor Olivier Oullier, specialista di fama mondiale con oltre 20 anni di esperienza in neuroscienze comportamentali. Lo studio ha avuto lo scopo di osservare l’evoluzione dello stress e della concentrazione prima, durante e dopo la corsa e di esaminare in che modo contesti visivi e sonori diversi influenzano lo stato mentale durante l’attività fisica. Ai runner sono stati applicati i sensori cerebrali wireless EMOTIV Brainwear con tecnologia EEG (ElectroEncephaloGraphy) per monitorare l’attività cerebrale nella corteccia cerebrale prima, durante e dopo la corsa.
“La maggior parte dei runner, quando intervistati, non si è resa conto che il livello di stress è diminuito a mano a mano che correvano, come è stato dimostrato dal confronto dei risultati pre e post-corsa. Spiega il Professor Olivier Oullier. La corsa non è solo uno dei modi più popolari e facili per mantenere una buona salute fisica, ma è anche e soprattutto un toccasana per la mente. Introducendo il neologismo Runfulness, Brooks spiega esattamente quello che percepisce il cervello dei runner, perfino i cambiamenti di cui essi possono non essere consapevoli.”

Running porta a calo di stress e concentrazione eccessiva

L’80% dei runner ha mostrato una chiara diminuzione del livello di stress e il 40% del livello di concentrazione eccessiva. Questo porta a uno stato di benessere, permette di staccare la spina dalle preoccupazioni quotidiane e porta a nuove idee.
Come ha indicato uno dei runner che ha partecipato allo studio: “Quando corro nella natura, ho dei momenti in cui mi sento completamente distaccato dalle preoccupazioni della vita quotidiana e connesso con tutto ciò che mi circonda in quel momento. È un “qui” e “ora”. Può durare pochi secondi o un paio di minuti”.
Un altro runner ha commentato: “A volte entro in uno stato d’animo diverso, è come una specie di meditazione. Appare e poi scompare quando qualcosa nell’ambiente mi distrae.”

Prendere decisioni importanti durante la corsa

Oltre al progetto pilota di impronta neuroscientifica, Brooks ha condotto un altro studio* coinvolgendo diversi runner da tutta Europa con l’obiettivo di determinare quale effetto ha la corsa sullo stato mentale di chi corre con regolarità. Ai runner è stato chiesto se la corsa li ha mai portati ad avere nuove idee che hanno cambiato la loro vita personale o professionale. L’80% delle persone afferma di aver concretizzato nuovi progetti, aver avuto nuove idee e alcuni hanno affermato perfino di aver preso correndo le decisioni più importanti della sua vita. 9 runner su 10 hanno dichiarato di pensare, mentre corrono, a cose a cui normalmente non penserebbero.
Sembrerebbe, insomma, che la corsa permetta alla mente di andare in luoghi in cui non si è soliti andare nella vita di tutti i giorni.

©RIPRODUZIONE RISERVATA