Il tuffo più gelido dell’anno, sul lago di Ledro

tuffo-della-Merla-lago-ledro-foto-daniele-mosna

Il tuffo più gelido dell’anno si tiene sul lago di Ledro, in Trentino, il 26 gennaio. Nei giorni della Merla una delle sfide più ardue è buttarsi in acqua sfidando il freddo e temperature del lago a 3-4 gradi. Nella spiaggia vicina all’hotel Lido andrà in scena la dodicesima edizione di un appuntamento sportivo sempre più partecipato e seguito, con la presenza di tuffatori da tutto il mondo, che in genere fanno due tuffi e una nuotata di una ventina di metri. Ecco le informazioni utili e come partecipare.

 

Il tuffo invernale sul lago di Ledro, in Trentino

Nonostante le bizze del lago di Ledro – il cui livello dell’acqua è sceso nelle ultime settimane di parecchi metri rispetto ai livelli estivi – il Tuffo della Merla in programma per la dodicesima volta domenica 26 gennaio si svolgerà regolarmente. Lo confermano gli organizzatori dopo aver ricevuto rassicurazioni circa il supporto da parte dell’Amministrazione comunale, che interverrà per addolcire le sponde del lago – oggi molto più ripide rispetto alle precedenti edizioni proprio per il calo del livello dell’acqua – nella zona dell’Hotel Lido ormai tradizionale base logistica dell’evento.
Al Tuffo sono attesi un centinaio di nuotatori provenienti da tutt’Italia, dall’Europa, ma anche dagli Stati Uniti e dal Canada, capaci di dare vita alla sfida con sé stessi che coinvolge bambini, giovani e meni giovani. Certamente un cimento da arditi considerando i tre-quattro gradi dell’acqua e il fatto che ci si tuffa e nuota senza protezioni (muta o grasso animale) tranne il normale costume.
>> LEGGI ANCHE: Come fare nuoto in acque libere

 

Come partecipare al tuffo più freddo dell’anno

Anche quest’anno sarà insomma un Mezzogiorno da…. brividi. Il Tuffo della Merla 2020 sarà ancora una volta il più gelido tuffo d’Italia complice la quota del lago di Ledro, gioiellino naturale della splendida località di vacanza del Trentino posta tra il Garda e la Valle del Chiese a 650 metri di quota.
Lo scorso anno gli arditi partecipanti al Tuffo della Merla di Ledro furono 86, tutti protagonisti di un doppio tuffo e di una doppia nuotata di venti metri nelle cristalline acque del lago caratterizzate da una temperatura di quattro gradi. E quest’anno l’esperienza si preannuncia ancora…. più gelida, complici le temperature rigide di questo periodo.
Per il gioco delle date l’evento anticiperà di tre giorni la data 29 gennaio ovvero il giorno della Merla, che la tradizione popolare abbina proprio al giorno più freddo dell’anno.
L’iscrizione libera con info al numero telefonico +39 0464 591037 o mail info@hotellidoledro.it.
A rendere quasi unico questo bagnetto a Pieve è anche lo splendido comprensorio turistico della valle di Ledro, ideale per le attività outdoor tra il Garda e la Valle del Chiese entrato con il Progetto Biosfera nel novero del Patrimonio Unesco dove già figura il sito delle Palafitte preistoriche. Qui le indicazioni per fare un bel trekking nella valle di Ledro.
>> LEGGI ANCHE: Nuoto stile libero: ogni quante bracciate respirare

 

Il primo tuffo

La prima edizione del Tuffo della Merla si svolse il 31 gennaio 2009 allo scoccare del mezzogiorno a Mezzolago quando 14 tuffatori decisero di provare il tuffo ed un breve tragitto a nuoto fino al pontile ormeggiato a poca distanza. Tempo da lupi con una temperatura esterna sotto lo zero con nevischio e la temperatura dell’acqua a 2° C.
Dal 2010 il tuffo si è spostato a Pieve di Ledro nella spiaggetta attigua all’Hotel Lido che mette a disposizione dei partecipanti docce calde e spogliatoi. Identica la formula con nuotata sino al pontile e rientro a riva.
Con il Winter Ledroman di Triathlon di inizio gennaio Il tuffo della Merla segna l’apertura della stagione outdoor in Valle di Ledro che nei prossimi mesi ospiterà, tra l’altro, la Ledro Trail (16 maggio), la Ledro Sky Race (7 giugno), la Ledroman di Triathlon (12 luglio) e la Ledro Running (23 agosto) e poi regate veliche, competizioni di canoa e manifestazioni di running.
(© foto Daniele Mosna)

 

LEGGI ANCHE

Il segreto per ringiovanire? Correre una maratona

Nuoto in piscina: i 5 consigli per iniziare

Triathlon, come iniziare

Vacanze sulla neve in famiglia in Trentino

Cancro alla prostata: la diagnosi la fa l’intelligenza artificiale

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA