I migliori trekking da fare in Italia nel 2023, le foto

Sentiero dell'Inglese, Calabria

Primavera, tempo dei primi trekking: ci sono sentieri da fare fra la primavera e l’autunno in Italia particolarmente belli e entusiasmanti. Cammini brevi di un weekend, cammini di 5 giorni, cammini di una settimana, ma anche trekking lunghi di due o più settimane, se non mesi.
Guarda la gallery per scoprire i migliori cammini da fare nel 2023 in Italia.
E se vuoi approfondirli uno per uno, con informazioni pratiche, lunghezza, tempo e dislivello, puoi continuare su questo articolo sui cammini italiani da fare in primavera.

I migliori trekking da fare in Italia nel 2023, le foto

La primavera e l’autunno sono i periodi migliori per mettersi a camminare: il clima è clemente (ma attenti alla pioggia), la natura esplode di colori e c’è poca gente sulla strada.
Quello che va dalla fine di marzo a metà giugno, è forse il momento migliore per mettersi a fare trekking su sentieri famosi o meno. IN estate le mete vanno scelte con cura, per evitare caldo, afa e folla, ma ci sono tanti sentieri che hanno queste caratteristiche.
In primavera si possono sfruttare i weekend lunghi, le vacanze di Pasqua,  ponti di aprile, maggio e giugno. Luglio va bene per alcune zone, agosto per altre.
Da settembre a ottobre si possono scegliere cammini vicini al mare o in bassa montagna.
Forse la cosa migliore è fare un pezzo di un cammino di quelli classici (la Francigena), oppure camminare su un sentiero lungo in itinerari di 3 giorni (come il Cammino di Oropa, o la Via dei Gessi e dei Calanchi in Emilia), magari con un trekking organizzato.
Se hai più tempo allora puoi metterti alla prova con la Via degli Dei, o il Sentiero dell’Inglese in Calabria. se nei ahi ancora di più, ma tanto, c’è il Cammino delle 100 Torri in Sardegna, ilm periplo dell’isola in 30 giorni.
Dopo i migliori cammini da fare in autunno in Italia, ecco la nostra scelta sui cammini migliori in Italia organizzare in Italia nel 2023.
Buon cammino!

  • Sentiero del Viandante (Lombardia)
  • Via dei Monaci (Lombardia)
  • Cammino di Oropa (Piemonte)
  • Via di Matilde (Lombardia, Emilia, Toscana)
  • Via dei Gessi e dei Calanchi (Emilia Romagna)
  • Via degli Dei (Emilia Romagna e Toscana)
  • Via dell’Essenza (isola d’Elba)
  • Sentiero degli Dei (Campania)
  • Cammino delle 100 Torri (Sardegna)
  • Cammino del Salento (Puglia)
  • Cammino delle Terre Mutate (Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo)
  • Via Lauretana (Umbria e Marche)
  • Sentiero dell’Inglese (Calabria)
  • Magna Via Francigena (Sicilia)
  • Cammino di Benedetto (Umbria, Lazio, Campania)
  • Cammino Materano (Puglia, Basilicata)

Leggi anche

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche...