Escursioni in Piemonte in autunno: itinerari a piedi e in bici

Tra Langhe, Roero e Alpi cuneesi tante belle escursioni da fare in autunno in Piemonte, a piedi o in MTB

piemonte-autunno

Se stai cercando idee per escursioni in Piemonte in autunno, sappi che non ci son solo le vendemmie: si possono fare belle passeggiate, itinerari a piedi e in bici per tutti e fuori dalle solite rotte, tra Langhe, Roero e Alpi Cuneesi. Sentieri da fare a piedi, escursioni in bici, a cavallo in kayak sono fra le nuove proposte che la regione Piemonte e queste aree in particolare stanno offrendo agli amanti delle attività nella natura. Strade e sentieri sono perfette per essere esplorate in bici (mountain bike, e-bike) o per trekking di diversa durata, anche con i bambini. Si attraversano parchi, boschi, fiumi, e i vigneti della zona che danno vita a vini pregiati. Ora grazie alle proposte turistiche, vale la pena andare in queste zone non solo in estate ma anche in autunno.

Pubblicità

Escursioni in Piemonte in autunno: itinerari a piedi e in bici per tutti

In autunno l’incredibile tavolozza di colori del foliage attira e incanta i turisti da tutto il mondo: nel grande territorio che si estende dai dolci pendii delle colline di Langhe e Roero fino allo straordinario anfiteatro disegnato dalle Alpi Cuneesi continuano, infatti, a crescere le presenze anche in tutte le stagioni. Merito anche di un’offerta turistica diversificata che punta sempre più anche sulle tantissime esperienze outdoor che permettono ai viaggiatori di scoprire la provincia più estesa d’Italia con una formula nuova che coniuga attività sportiva, enogastronomia e cultura.
Con la loro eredità fatta di castelli, borghi antichi, vigneti e parchi incontaminati, tradizioni popolari e culinarie, le terre cuneesi, che si estendono dalle Langhe fino al Monviso e al confine naturale montano con la Liguria, sono un concentrato di bellezza perfetto per le escursioni in Piemonte in autunno, da percorrere lentamente e ammirare a piedi o in bicicletta, a cavallo di una moto o dall’alto di una mongolfiera, in ogni stagione dell’anno.

Passeggiate tra vigneti e parchi naturali

Sono centinaia i suggestivi itinerari adatti alle escursioni in Piemonte in autunno, tra filari di viti, borghi arroccati e boschi, laghi incantati e rocce monumentali. La storia geologica e il clima influenzato dalla vicinanza del Mar Ligure sono alcuni dei fattori che hanno contribuito alla nascita di un’infinita varietà di ambienti che vanno da quelli di tipo “dolomitico” del massiccio del Marguareis alle rocce cristalline dell’Argentera e del Monviso, che svetta con i suoi 3841 metri.
Con i suoi quasi 5.500 km di lunghezza e oltre 1.200 percorsi nella natura, la rete sentieristica cuneese rappresenta circa un quarto di quella piemontese totale.
Dalle escursioni più impegnative in alta quota agli itinerari brevi e semplici lungo le dolci dorsali che separano le valli Belbo e Bormida o che conducono a piccoli gioielli come Dogliani, Cortemilia e La Morra, è facile individuare l’esperienza che più si addice alle proprie gambe, trovare suggerimenti sui percorsi più conosciuti o vie non ancora così frequentate, unirsi a gruppi di cammino e ad escursioni con guide e accompagnatori naturalistici.
Tra spiegazioni geologiche e osservazione di fossili, una tappa presso uno dei tanti produttori di miele e formaggi o per degustare i prestigiosi vini di Langhe e Roero accompagnati dai Narratori del Vino renderanno la camminata prelibata. Infine, non potrà mancare l’esperienza più emblematica ed emozionante delle colline cuneesi, la ricerca del Tartufo, guidati dal trifolau (cercatore di tartufi in piemontese) e dal suo fedele cane.

Escursioni in Piemonte in autunno in bici su colline e passi di montagna

Per gli amanti delle due ruote, scoprire la Granda in sella ad una bici è un’occasione unica per godere delle bellezze del paesaggio immersi nella natura. Per i cicloturisti di ogni livello la scelta è ampia: dallo slow bike di pianura alla MTB, passando per le esperienze di pedalata assistita (e-bike e-MTB) lungo le dorsali delle colline, tra ordinati noccioleti e campagne, o le salite di montagna dove per vent’anni ha fatto tappa il Giro d’Italia.
Le guide realizzate dalle ATL presentano nel dettaglio le tappe dei percorsi più emozionanti che attraversano il territorio, come il Roero Bike Tour che costeggia le rive del Tanaro, la Bar to Bar, ovvero la Barbaresco – Barolo (ne parliamo qui), e la Grande Traversata delle Langhe (GTL), fino agli itinerari più sfidanti che portano alla scoperta dell’antica Via del Sale, che collega Limone Piemonte a Monesi in Liguria, la Roa Marenca da Mondovì a Ormea, oppure fino alle cime ed ai colli alpini.

In mountain bike sulle vie panoramiche

Molte rotte percorribili in bicicletta si prestano ad essere esplorate anche a cavallo di una moto, su storiche strade sterrate o sinuose curve, che avvolgono colline argillose e rocce granitiche alpine e portano ad antiche dimore, cantine da visitare e osterie in cui assaporare i gusti di queste terre.

piamonte-autunno-bici
L’orizzonte si muove rapido e spazia dall’armonioso paesaggio langarolo con i suoi percorsi tra i vigneti e le case di pietra fino ai passi alpini più emozionanti, come il Colle dell’Agnello, il Colle della Maddalena, il Fauniera e Col di Tenda, solo per citarne alcuni, un vero e proprio divertimento per chi ama le andature piacevolmente lente mentre la via si inerpica tra le montagne oppure tra castelli e vigneti che colorano di verde le colline.

A cavallo, in mongolfiera, in kayak

Passeggiate a cavallo e a dorso d’asino tra i campi coltivati, giri in mongolfiera sulle colline del Barolo, tuffi in piscine nascoste tra i vigneti, partite a golf e a tennis circondati dalle Alpi Marittime. Ma anche canoa, rafting e kayak nelle acque cristalline dei ruscelli di montagna.
Dalla Valle Stura con i suoi percorsi acquatici alla Valle Po con attività studiate per famiglie e bambini passando per la Valle Tanaro con i suoi itinerari escursionistici, sono numerose le esperienze non convenzionali che la provincia di Cuneo offre a chi desidera trascorrere le vacanze all’aria aperta e vivere il territorio immergendosi nella natura.

Cosa portare in un trekking

Se decidi di fare un trekking, ecco i nostri consigli, a partire dalla nostra Guida al Trekking.
Uno zaino da almeno 50 litri (ecco cosa devi sapere per scegliere quello giusto ma anche  come devi riempirlo per non farlo pesare troppo e come proteggerlo dalla pioggia).
Scarpe da trekking a collo alto (qui la nostra guida alle scarpe da camminata).
Asciugamano sportivo in microfibra e 2-3 magliette leggere (qui il nostro vocabolario dell’abbigliamento sportivo per districarsi tra i tessuti tecnici).
2-3 pantaloni da trekking (qui spieghiamo quali caratteristiche devono avere).
3 paia di calzettoni da trekking (per scegliere quelle più adatte leggi qui).
Giacca di tipo guscio per ripararsi dal vento e dal freddo (leggi la nostra guida sulle giacche impermeabili da trekking).
Felpa o pile (ecco i nostri approfondimenti sull’abbigliamento outdoor).
Bastoncini telescopici da trekking (ecco perché sono necessari).
Cappello e occhiali per proteggersi dal sole.
Borraccia (ecco le migliori in acciaio inox).
Prodotti per igiene personale (e i detersivi per lavare l’abbigliamento).
Crema solare (qui i consigli per proteggerti in maniera efficace).
Kit primo soccorso: cerotti/Compeed per eventuali vesciche; bende; disinfettante; rotolo nastro adesivo.
Mini torcia per muoversi di notte senza svegliare gli altri

(foto credit WOW)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità