La Ciclovia Tirrenica tra Liguria, Toscana e Lazio: da Ventimiglia a Roma in bicicletta

La Ciclovia Tirrenica che collega Liguria, Toscana e Lazio è un progetto grandioso di un unico percorso ciclabile di 668 km dal confine con la Francia a Roma. Si lavora su ciclabili lungo la costa tirrenica e l'antica Via Aurelia 

La Ciclovia Tirrenica tra Liguria, Toscana e Lazio

La Ciclovia Tirrenica tra Liguria, Toscana e Lazio è al momento il progetto di un unico percorso ciclabile da Ventimiglia a Roma: 668 km percorribili in bicicletta (ma il totale delle infrastrutture dovrebbe raggiungere i 1200 km più o meno), in parte su ciclabili esclusive e in parte su percorsi misti e/o protetti, che consentano di andare dalla Liguria, al confine con la Francia, alla Capitale, seguendo sostanzialmente la costa tirrenica o, se vogliamo, l’antica Via Aurelia voluta nel III secolo a.C. dal console Gaio Aurelio Cotta.

Pubblicità

La Ciclovia Tirrenica a che punto è

Al momento esistono già (o solo) alcuni tronconi di piste ciclabili esclusive nelle 3 regioni interessate, e un Protocollo d’Intesa tra Toscana, Lazio e Liguria e MIT MInistero delle Infrastrutture e Trasporti in seguito al quale sono già stati stanziati una ventina di milioni di euro (1.2 per la progettazione complessiva, 6 per la Liguria, 5,3 per la Toscana e 4 per il Lazio) per la realizzazione dei primi lotti funzionali regionali, e l’impegno a stanziarne altri 40 all’anno dal 2020 al 2024 per la realizzazione di tutta la infrastruttura su percorsi sicuri.

Ciclovia Tirrenica in Liguria

Ma cosa c’è già al momento della Ciclovia Tirrenica tra Liguria, Toscana e Lazio? Come detto alcuni tronconi frammentati tra le diverse regioni. La Liguria, dove il progetto complessivo consterà di circa 460 km, è la regione più avanti nei lavori per attrezzare una vera, unica e sicura pista ciclabile costiera.
Ci sono i 24 km della Ciclabile del Parco Costiero che va da Ospedaletti a San Lorenzo al Mare in provincia di Imperia, realizzata sulla sede della ferrovia dismessa, e altri tratti in sede propria nei diversi comuni costieri, per un totale di un centinaio di km esclusivi a cui aggiungere altri 100 in sede promiscua (pedonale o automobilistica): un buon aggiornamento si trova sul geoportale della regione Liguria dove è possibile vedere sia il tracciato “ufficiale” che i tratti già realizzati.

Ciclovia Tirrenica in Toscana

In Toscana la situazione non è diversa, se non con meno km realizzati (e il totale ciclabile dovrebbe arrivare a 560 km, secondo il progetto finanziato): ci sono tratti ciclabili nei comuni della Versilia, altri interessati dai finanziamenti europei nei comuni della Lunigiana (Fosdinovo), della Versilia (da Massa a Viareggio), nell’attraversamento del Comune di Livorno e poi a San Vincenzo, Piombino, Castiglione della Pescaia, nella zona del Monte Argentario e anche del Parco Regionale della Maremma, oltre ad alcuni attraversamenti critici come quello sul fiume Ombrone. anche in questo caso la prima fonte per aggiornamenti è il sito della Regione Toscana.
Nel Lazio invece sono già stati mappati i 200 km di interesse regionale, che viaggeranno lungo la costa laziale toccando Civitavecchia, Tarquinia e Fiumicino per poi entrare fino a Roma.

La Ciclovia Tirrenica tra Liguria, Toscana e Lazio

Le aree di interesse della Ciclovia Tirrenica

Sono numero le aree di interesse della Ciclovia Tirrenica tra Liguria, Toscana e Lazio: aree naturali, storiche, ambientali e geografiche.
Per la sola Liguria basterebbe citare il Parco Nazionale delle 5 Terre e quello Regionale di Monte Marcello Magra; per la Toscana la costa degli Etruschi di Populonia, il Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, e quelli Regionali di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli e quello della Maremma; per il Lazio infine i siti archeologici come Tarquinia e alcune aree naturali protette come la Riserva Statale del Litorale Romano e il Monumento naturale Palude di Torre Flavia oltre all’intero tracciato naturalistico lungo il Tevere fino al centro di Roma.
[Foto di dexmac da Pixabay]

 

LEGGI ANCHE

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità