Vacanze in Toscana in bicicletta tra mare, arte e natura

Vacanze in Toscana in bicicletta tra mare, arte e natura

Le vacanze in Toscana in bicicletta sono il sogno di molti. L’idea di pedalare lungo la costa, dalla Versilia alla Maremma, oppure tra le città d’arte, o ancora nella natura delle colline e fino a quelle delle creste appenniniche, attira ogni anno migliaia di veri e propri cicloturisti nonché di semplici turisti che vogliono scoprire questa regione in sella a una bicicletta. Bisogna subito dire che sono due le possibilità per organizzare una vacanza in bici in Toscana: scegliere un vero e proprio itinerario cicloturistico da fare a tappe, in autonomia o appoggiandosi ai molti tour operatori locali, oppure fare base in una delle tante aree a vocazione turistica della Toscana ed esplorarla giorno per giorno in sella. Entrambe le soluzioni possono essere adatte a tutti, anche alle famiglie con bambini, purché ci si organizzi con attenzione, non sottovalutando distanze o dislivelli, che in estate possono tagliare le gambe, oppure dotandosi di una bicicletta a pedalata assistita per chi è alla prima esperienza e non è ben allenato.
Al binomio inscindibile tra Toscana e bicicletta abbiamo già dedicato alcuni articoli di approfondimenti: in questo sui percorsi più belli parliamo dei 190 km di percorsi della Val d’Orcia, del circuito permanente dell’Eroica interamente su strade bianche, degli itinerari in Valdarno tra Firenze e Arezzo, dei percorsi nella natura dentro al parco regionale della Maremma e della scoperta in bici della Costa degli Etruschi; qui invece parliamo dei percorsi più belli da fare in estate in bicicletta in Toscana tra cui il Tour in bici dei 4 vini DOCG e quello del Chianti, la zona del Padule di Fucecchio e la scoperta dell’altra Toscana nell’Appenino Tosco-Romagnolo e nelle foreste Casentinesi.
Ma questa è solo una parte delle possibilità per passare le vacanze in bicicletta in Toscana.

Vacanze in Toscana in bicicletta: gli itinerari cicloturistici da fare a tappe

Sono due i principali itinerari cicloturistici da fare a tappe durante delle vacanze in Toscana in bicicletta.
Il primo è la Ciclovia Tirrenica, il progetto di un lungo percorso ciclabile da Ventimiglia a Roma che è già stato finanziato, ha già alcuni tratti realizzati (in Versilia da Massa a Viareggio, nella Lunigiana, nel Comune di Livorno e poi tra San Vincenzo, Piombino, Castiglione della Pescaia, nel Monte Argentario e anche del Parco Regionale della Maremma) e ora avrà nuovi fondi dal Recovery Plan. Per il resto al momento si tratta di pedalare su strade secondarie e, talvolta, affrontare qualche tratto delle principali arterie turistiche del litorale.
Il secondo è ovviamente la Francigena, che ormai da qualche anno ha anche un percorso specifico per i cicloturisti. Detto che il percorso ciclistico evita alcuni tratti più impegnativi di quello a piedi, la via Francigena in bicicletta in Toscana son comunque 480 km da fare in 17 tappe, dal Passo della Cisa ad Acquapendente.
Per quelli più bravi la cosa interessante potrebbe essere fare la Via degli Dei in MTB: la Via degli Dei è il percorso che da sempre collega Bologna e Firenze valicando l’Appennino al passo della Futa, ha cominciato a godere di buona fama da quando Wu Ming 2 ha pubblicato la guida con Ediciclo e appunto da qualche anno c’è anche la traccia per le MTB (idealmente 1 giorno da Firenze alla Futa, e 1 dalla Futa a Bologna).

Vacanze in Toscana in bicicletta: dove andare

Oltre ai grandi itinerari cicloturistici a tappe ci sono tante altre opportunità da cogliere in bicicletta durante una vacanza in Toscana. Per esempio il Sentiero della Bonifica, 70 km da Chiusi ad Arezzo, sempre sul tracciato di una vecchia ferrovia dismessa, quindi separato dal traffico, pianeggiante e adatto alle famiglie con bambini, tutto su strade bianche nel cuore della civiltà etrusca e molto bello dal punto di vista paesaggistico.
Un’alternativa modulabile è il cosiddetto Anello del Rinascimento, un itinerario ciclabile di 250 chilometri che si possono fare in 8 tappe oppure gestire diversamente con 10 varianti (con distanze da 5 a massimo 25 chilometri) per scoprire i dintorni di Firenze.
A tema wine & bike c’è l’anello del Montalbano, tra Ville Medicee, reperti etruschi, pievi di altri tempi e ovviamente degustazioni di buon vino.

Per gli amanti del backpacking in MTB o gravel e dell’avventura c’è il Lunigiana Trail, un percorso ad anello di 230 km e 6700 metri di Dislivello positivo, tutto in quota, con partenza e arrivo ideali ad Aulla o Pontremoli (più che altro perché raggiungibili in treno) con diverse strutture di appoggio per dormire e rifocillarsi.
Chi ama l’avventura e la natura selvaggia può spingersi fin nelle Foreste Casentinesi, una delle più vaste e belle aree wild d’Italia, sul crinale tra Toscana e Romagna, dove non mancano gli itinerari in MTB nonché rifugi, B&B e altre strutture in cui fare base.
Ma soprattutto, per chi vuole fare una vacanza a tutta MTB, in Toscana c’è davvero poco di meglio dell’Isola d’Elba con tantissimi percorsi off-road da fare sui pedali tra la natura selvaggia e il mare (noi per esempio abbiamo fatto quello del Monte Calamita).

Un bell’intermezzo per chi sta passando una vacanza al mare della Versilia è l’Itinerario Pucciniano per andare in bicicletta da Viareggio a Torre del Lago, addentrandosi nella Macchia Lucchese fino a godere della vista sulle Alpi Apuane.

Infine per gli amanti delle salite vere, della fatica e dei GPM, la zona del Mugello ha istituito una serie di percorsi chiamati Mugelloinbike, con tanto di totem di rilevazione, card e servizi dedicati.

Foto di Klaus Stebani da Pixabay

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun Tag per questo post