Coronavirus, vacanze in Spagna nell’estate 2020: dal 21 giugno ammessi i turisti UE

vacanze in spagna

Sarà possibile trascorrere le vacanze in Spagna durante l’estate 2020? Tantissimi italiani, prima dell’arrivo della pandemia, hanno prenotato un volo per una località iberica, trovandosi ora a brancolare nel buio senza sapere cosa ne sarà del proprio viaggio (e del proprio denaro). Man mano che si va avanti con i giorni, però, le novità aumentano: la Spagna (con più prudenza rispetto alla Grecia) sta già pianificando un potenziale ritorno dei flussi turistici, cercando di coinvolgere anche il nostro paese. Il 19 maggio, infatti, è stato revocato il blocco dei voli da e per l’Italia, ma è ancora obbligatoria la quarantena per qualsiasi cittadino straniero. Il 23 maggio il primo ministro spagnolo ha annunciato che tutti i turisti stranieri potranno entrare nel paese a partire dalla prima settimana di luglio, ma il 15 giugno c’è stata un’importante precisazione: gli italiani, e tutti i cittadini dell’Unione Europea, potranno viaggiare in Spagna partire dal 21 giugno (senza obbligo di quarantena).
Andiamo ora a capire quali saranno le prospettive per l’estate 2020 in Spagna: continua a leggere qui sotto.

Vacanze in Spagna nell’estate 2020: dal 21 giugno saranno ammessi gli italiani senza quarantena obbligatoria

Il Ministro dei Trasporti spagnolo, dopo più di due mesi, ha abrogato il blocco dei voli diretti e dei collegamenti marittimi (eccezion fatta per le navi da crociera) da e per l’Italia. La norma, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell’ordinamento spagnolo, prevede per chiunque arrivi dall’Italia (e da qualsiasi altro paese) una quarantena obbligatoria di 14 giorni. Tutto ciò almeno fino al 7 giugno, ossia la data fissata ieri dal Congresso dei deputati per il termine dello stato di emergenza per il nuovo Coronavirus. Se lo stato di emergenza non dovesse subire ulteriori proroghe, l’obbligo dei 14 giorni di isolamento potrebbe essere revocato a partire dalla seconda settimana di giugno (come in Italia dal 3 giugno).
>> LEGGI ANCHE: Voli annullati di Ryanair, Easy Jet e gli altri: che cosa posso fare? 

Alitalia tornerà a volare in Spagna dal 2 giugno

Nel frattempo alcune compagnie aeree low cost stanno iniziando ad annullare i voli di giugno e luglio, indipendentemente dalle decisioni dell’UE e dei governi nazionali. Ryanair, ad esempio, ha cancellato dei voli italiani (con partenza in Lombardia) per la Grecia e per la Spagna (con possibilità di rimborso). Ma chi ha prenotato per il mese di agosto, ad esempio, non ha ancora ricevuto aggiornamenti. Molti turisti italiani stanno pensando di rinunciare al proprio viaggio, ma per ottenere un rimborso è meglio attendere che sia la compagnia aerea ad annullare il volo. Tuttavia, alcune compagnie stanno già ripristinando i propri collegamenti con la Spagna. È il caso di Alitalia, che dal 2 giugno metterà nuovamente a disposizione i voli diretti con la Spagna: Roma-Madrid e Roma-Barcellona. Ricordiamo che la Spagna, al momento, è il terzo paese europeo (dopo Russia e Regno Unito) per numero di casi accertati di Coronavirus. Seguono aggiornamenti.

Aggiornamenti (23 maggio 2020)

Nel corso di una conferenza stampa dedicata alle nuove riaperture, il primo ministro Pedro Sánchez ha annunciato che il turismo spagnolo si aprirà agli stranieri a partire dai primi giorni di luglio. Stando alle prime indiscrezioni, chi arriverà dall’estero non dovrà sottoporsi alla quarantena obbligatoria. Di seguito le dichiarazioni di Sànchez:

“Il momento più difficile è alle spalle. Non dovremmo agire con paura, dobbiamo agire con prudenza. Incoraggio gli spagnoli a pianificare le loro vacanze adesso. Inoltre a partire da luglio, riprenderà l’ingresso dei turisti stranieri in Spagna in condizioni di sicurezza. Garantiremo che i turisti non corrano alcun rischio e che non ci portino alcun rischio”.

Aggiornamenti (16 giugno 2020)

Il premier Sànchez ha deciso di anticipare la riapertura dei confini per ragioni di turismo. La Spagna, dal 21 giugno (il giorno in cui terminerà lo stato di emergenza), ammetterà i turisti provenienti dai paesi dell’Unione Europea, senza obbligo di quarantena. I confini, invece, rimarranno chiusi fino a inizio luglio al Portogallo e ai paesi fuori dallo Spazio Schengen.
(Foto di copertina: Aleksandar Pasaric / Pexels) 

> se hai trovato interessante questo articolo, iscriviti alla nostra newsletter compilando il form qui sotto!

 

LEGGI ANCHE:

©RIPRODUZIONE RISERVATA