10 benefici dello yoga

a che serve fare yoga

Solo in Italia un milione e mezzo di persone pratica yoga, consapevoli che l’unione tra corpo, mente e spirito di questa antichissima disciplina sia proprio una “assicurazione gratuita per la salute”. Ma a che serve fare yoga? Quali benefici concreti si hanno dal praticare regolarmente yoga? La risposta è: oggettivamente molti. Dal punto di vista muscolare, della mobilità e flessibilità articolare, da quello del miglioramento delle funzioni cardiovascolari e tutti i benefici psichici e spirituali, compresa la sfera della sessualità, sono davvero molti i motivi per cui fa bene fare yoga. tanto che si dice che chi lo pratica dimentica il dottore e le medicine.

A cosa serve fare yoga

Se quindi ti stai chiedendo a cosa serve fare yoga, vediamo nel dettaglio tutti i benefici di questa disciplina che negli ultimi anni ha vissuto un autentico boom di praticanti.

1. Migliora mobilità e flessibilità articolare

Le asana, cioè le posizioni yoga, portano progressivamente a migliorare sia la mobilità che la flessibilità articolare. Questo è un beneficio per la vita di tutti i giorni, in cui ci si sente meno legati e si assumono naturalmente posture più corrette, ma è anche un beneficio per chi pratica sport anche a livello agonistico, perché permette di riequilibrare gli scompensi dovuti alle specifiche tecniche o movimenti sportivi e a ridurre di conseguenza gli infortuni muscolari, tendinei o da sovraccarico. Un esempio? Yoga e running, come abbiamo scritto qui, ma anche yoga e trekking, come spiegato qui.

2. Dona tono muscolare

Non lo puoi sapere finché non lo pratichi, ma fare yoga fa bene ai muscoli, e te ne rendi conto da quanto li senti far male le prime volte che partecipi a una classe di yoga. Le asana sono fondamentalmente delle posizioni che costringono i muscoli a lavorare in isometria (che abbiamo spiegato qui) e questo ne migliora il tono e la capacità di esprimere forza, con benefici effetti sia dal punto di vista estetico che posturale e delle prestazioni sportive.

3. Migliora la respirazione

Come detto, lo yoga è una disciplina che coinvolge corpo e mente e il punto di contatto tra queste due dimensioni è il respiro: tutti i movimenti sono guidati dal respiro e dall’alternanza di inspirazione ed espirazione. La respirazione completa, che coinvolge sia l’addome che il torace e che è parte centrale di ogni asana, insegna a respirare nel modo corretto, con benefiche conseguenze sull’umore, la concentrazione, la vita di tutti i giorni e anche lo sport.

4. Favorisce la concentrazione

Le asana, e in generale una classe di yoga, impone una profonda concentrazione e capacità di introspezione, per sentire il proprio corpo, per gestire la respirazione e per entrare anche spiritualmente nella pratica di questa disciplina. All’inizio è difficile rimanere focalizzati a lungo sulla singola asana e per tutto il tempo di una lezione, e tuttavia con il tempo la capacità di concentrazione migliora anche nella vita di tutti i giorni, dal lavoro ai momenti di relax.

5. Migliora la vita sessuale

Un po’ tutto ciò che rappresenta uno stile di vita sano e attivo migliora anche la vita sessuale, dalla corsa, come scritto qui, al ciclismo, come spiegato qui. E però la consapevolezza del proprio corpo, il tono muscolare, la flessibilità articolare e le capacità di concentrazione comportano un dimostrato miglioramento della vita sessuale: il 75% delle donne che pratica yoga dice di avere orgasmi migliori, più lunghi e più intensi, mentre tra gli uomini è stata riscontrata una miglior capacità di contrastare l’eiaculazione precoce.

6. Predispone al parto

Ormai sono numerosi i corsi destinati alle donne in attesa di partorire, e i benefici sono conclamati sia dal punto di vista della respirazione che della capacità di controllare i muscoli del proprio corpo che nell’agevolare la regolare discesa del nascituro durante il parto.

7. Aumenta la capacità cardiovascolare

Non lo si penserebbe, almeno di primo acchito, ma lo yoga è una disciplina che ha anche benefiche conseguenze dal punto di vista cardiovascolare, tanto che lo yoga fa bene al cuore quanto correre e andare in bici.

8. Permette di ridurre l’ansia

Consapevolezza di sé, respirazione, autocontrollo sono tutti fattori che possono aiutare a ridurre gli stati d’ansia e stress. Non eliminarli, perché un po’ di ansia fa bene anche alla vita, ma imparare a tenere sotto controllo l’ansia è il viatico per gestire meglio i momenti importanti della propria esistenza e dormire serenamente.

9. Rallenta l’invecchiamento cerebrale

Nonostante l’apparente stato di benessere e relax di chi pratica yoga, dedicarsi a questa disciplina non significa “staccare la mente” e anzi, alcune recenti ricerche condotte negli Stati Uniti hanno dimostrato come in chi pratica yoga ci sia un aumento della materia grigia e la formazione di nuovi neuroni che rallentano l’invecchiamento cerebrale.

10. Sconfigge i dolori articolari

Se non traumatici, buona parte dei dolori articolari, dal mal di schiena in giù, sono legati a cattivi comportamenti, posture scorrette, disequilibri e tensioni muscolari e in generale alla mancanza di equilibrio tra le diverse parti del corpo. Praticare yoga, imparare a eseguire correttamente le asana, con tutto ciò che comporta in termini di mobilità articolare e tonificazione muscolare, migliora appunto la postura ed elimina quegli squilibri che sono all’origine dei dolori articolari.

Credits photo: CC Pixabay

©RIPRODUZIONE RISERVATA