Il Cammino di Loreto a piedi e in bici, le tappe tra spiritualità e natura

cammino-lauretano

 

Il Cammino di Loreto, o Via Lauretana è un percorso a tappe che si può fare a piedi e in bici su un’antica via di pellegrinaggio mariano, che va da Assisi a Loreto. Fa parte del cammino che nel Medioevo i fedeli effettuavano da Roma per andare a visitare il Santuario della Santa Casa di Loreto. Inizialmente si identificava con la Via Flaminia che partiva da Roma e giungeva fino a Foligno. Mentre la Via Flaminia proseguiva verso nord, a Foligno se ne staccava un tratto diventando la “Lauretana” propriamente detta che, attraverso gli Appennini umbro-marchigiani, arrivava a Loreto. Si tratta di una bella passeggiata di giornata, o di un trekking su 7 tappe per circa 140 km, o ancora un itinerario da fare in bicicletta, con un percorso che attraversa città e boschi, fra natura e spiritualità, luoghi sacri e profani. Con soste notevoli anche dal punto di vista enogastronomico (siamo in centro Italia, bellezza!).

 

 

La Via Lauretana a piedi e in bici

La Via Lauretana rappresenta un ottimo spunto per un’escursione a più tappe. L’itinerario offriva a pellegrini e viandanti in transito la possibilità di ricovero e assistenza in numerose strutture presenti lungo il percorso. Tali strutture erano spesso gestite da confraternite o ordini religiosi. Ancora oggi è possibile percorrere questo cammino e soggiornare in ostelli o conventi; per chi preferisse anche alberghi.

Per saperne di più sulla Via Lauretana ecco tutte le informazioni necessarie:
Via Lauretana: come si snoda il percorso
Via Lauretana: il percorso a tappe
Via Lauretana: che cosa sapere sul percorso
Via Lauretana: informazioni utili

 

Via Lauretana, itinerario a piedi da Perugia a Loreto

I due estremi della Via Lauretana sono Assisi e Loreto, due tra le più antiche mete di pellegrinaggio in Italia: da una parte la città di San Francesco, dall’altra il paese che ospita la Santa Casa di Nazareth. Le collega un itinerario che offre al viaggiatore scenari di rara bellezza, dalla natura ancora incontaminata dei boschi dell’Appennino, alle verdi vallate umbre e marchigiane, alle tante località ricche di storia e di cultura.

La Via Lauretana è un itinerario non solo per i credenti, ma per tutti coloro che vogliono sperimentare un tipo di relax diverso da quello offerto dai soliti pacchetti vacanzieri.

 

>> LEGGI ANCHE: Viaggio folgorante in Lituania e Lettonia in bici, da Vilnius a Riga, itinerario e tappe

Via Lauretana, il percorso

Anche oggi è possibile percorrere questa via a piedi o in bicicletta per vivere un’esperienza di viaggio culturale e anche spirituale capace di rinnovare interiormente il pellegrino non solo per la fatica che richiede il percorrerla, ma anche per la profonda emozione che nasce di fronte alla bellezza di tanti paesaggi avvolti da magici silenzi.

Via Lauretana, le tappe

Il cammino, che attraversa l’Umbria e le Marche, è suddiviso in sette tappe di diversa durata e difficoltà:

tappa 1 – da Assisi a Spello (Foligno)
tappa 2 da Spello (Foligno) a Colfiorito
tappa 3 – da Colfiorito a Muccia (Camerino)
tappa 4 – da Muccia (Camerino) a Belforte del Chienti
tappa 5 – da Belforte del Chienti a Tolentino
tappa 6 – da Tolentino a Macerata
tappa 7 – da Macerata a Loreto

Ecco il dettaglio delle varie  tappe

Via Lauretana: tappa 1 Assisi – Spello (Foligno)

Distanza: 13,5 km a Spello; 19,4 km a Foligno
Tempo: 3 h e 30 min. a Spello; 5 h a Foligno
Difficoltà: percorso facile su asfalto e strada sterrata, adatto anche a ciclisti in mountain bike o bici ibrida.

Via Lauretana: tappa 2 Spello (Foligno) – Colfiorito

Distanza: 27 km da Spello; 24,6 km da Foligno
Tempo: 8 h e 30 min. da Spello; 8 h da Foligno
Difficoltà: molto impegnativo da Spello; impegnativo da Foligno
Fondo: asfalto, strada sterrata e sentiero

È la tappa più impegnativa per lunghezza e difficoltà di percorso, ma è anche la più suggestiva dal punto di vista paesaggistico e la meno antropizzata.

I ciclisti incontreranno un paio di criticità.

 

Via Lauretana: tappa 3 Colfiorito – Muccia (Camerino)

Distanza: 18,1 km a Muccia; 23 km a Camerino
Tempo: 4 h e 30 min. a Muccia; 6 h a Camerino
Difficoltà: media
Fondo: asfalto e sterrato (Muccia); asfalto e poco sterrato (Camerino)

Si tratta di due percorsi entrambi storici. Camerino, in particolare, è uno dei più interessanti centri medioevali.

Per i ciclisti il percorso non presenta particolari difficoltà.

 

Via Lauretana: tappa 4 Muccia (Camerino) – Belforte del Chienti

Distanza: 24,7 km da Muccia; 18 km da Camerino
Tempo: 8 h da Muccia; 4h5 da Camerino
Difficoltà: impegnativo (Muccia); facile (Camerino)
Fondo: asfalto e sterrato (Muccia); asfalto (Camerino)

Il percorso da Camerino è il meno trafficato, con vegetazione abbondante e ricchezza di panorami.

Via Lauretana: tappa 5 Belforte del Chienti – Tolentino

Distanza: 8,4 km
Tempo: 2 h
Difficoltà: molto facile
Fondo: asfalto

Essendo un percorso corto e pianeggiante, vale la pena spendere un po’ più di tempo per la sosta a Tolentino.

Per i ciclisti nessun problema particolare con ostacoli facilmente superabili.

 

Via Lauretana: tappa 6 Tolentino – Macerata

Distanza: 22 km
Tempo: 5 h e 30 min.
Difficoltà: media
Fondo: asfalto

È piacevole attraversare la campagna ordinata e ben coltivata. Merita fare una deviazione per la visita della splendida abbazia di Fiastra.

I ciclisti dovranno prestare attenzione al traffico.

Via Lauretana: tappa 7 Macerata – Loreto

Distanza: 23,4 km
Tempo: 6 h
Difficoltà: media
Fondo: asfalto

L’ultima tappa è caratterizzata da un’altimetria variata con pochi tratti pianeggianti e può quindi risultare un po’ impegnativa. I tratti di ombra, le chiese e i palazzi storici  che questo percorso offre, ne mitigheranno comunque la difficoltà.

I ciclisti devono prestare particolare attenzione al traffico.

 

Via Lauretana: mappe e informazioni utili

Per maggiori informazioni sull’itinerario si possono acquistare guide che comprendono mappe dettagliate, la descrizione del percorso, le altimetrie, i luoghi da vedere e dove alloggiare.
Gli approfondimenti naturalistici, artistici e spirituali in esse contenuti forniranno ai pellegrini meno esperti utili chiavi di lettura di questo ricco tracciato.

 

 

Cosa portare in un trekking

Un mese o anche un weekend di trekking deve essere preparato con cura. dall’abbigliamento all’attrezzatura, alle scarpe, allo zaino. Puoi consultare le nostre guide, per capire come scegliere e prepararti all’avventura.

 

Se cerchi informazioni sui sui cammini più belli d’Italia puoi leggere questi articoli

 

 

Qui invece i trekking più interessanti da fare in Europa

 

 

(foto Unsplash)

 

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA