I grandi sentieri escursionistici che potrebbero presto scomparire

Il Kilimanjaro, Tanzania

Il tetto d’Africa, e tutto sommato una montagna non difficile da conquistare, tanto che si stima siano ben 25mila le persone che ogni anno raggiungono la sua vetta: il mix di affollamento da turismo quasi di massa e cause ambientali (il riscaldamento globale ne sta erodendo il ghiacciaio) potrebbero trasformarlo per sempre in qualcosa di diverso da quanto descritto da Ernest Hemingway nel 1936.

Per approfondire: Africa Extreme 2015, l'avventura di Danilo Callegari si è conclusa sul Kilimanjaro

È difficile da concepire, prima ancora che da accettare, ma alcuni tra i percorsi escursionistici più affascinanti al mondo rischiano di scomparire per sempre.

> Leggi anche: 8 trail lunghi migliaia di km

Qualcuno a causa del corso della natura, qualcuno per l’ingordigia o l’insipienza umana, qualcun altro a causa di guerre e situazioni di instabilità politica che rischiano di renderli inaccessibili a lungo, di fatto è che Doug Schnitzspahn ha lanciato l’allarme sul National Geographic circa il pericolo che questi 8 grandi sentieri di trekking diventino semplicemente un ricordo.

Per approfondire: 10 trekking da fare almeno una volta nella vita

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA