La presciistica di Werner Heel

I consigli per la preparazione fisica in vista della nuova stagione invernale sulla neve di Werner Heel, meranese classe 1982, atleta delle Fiamme Gialle specialista di supergigante e discesa libera.

Prepariamoci per tempo

Tra la fine dell’estate e i primi freddi dedichiamoci soprattutto a corsa e bicicletta che aiutano le doti di resistenza e il fiato, indispensabili per sciare un giorno intero oppure più giorni di seguito. E poi servono anche a rinforzare i muscoli delle gambe, prima di passare ad allenarci magari con qualche peso in palestra.

Rinforziamo le gambe

Gli esercizi che non devono mancare mai in un programma di presciistica per la parte inferiore del corpo sono leg curl e leg extension, lo squat (anche “mezzo” squat) e la calf machine per i polpacci. Se poi ci piacciono le curve lunghe anche 40 metri tipiche del Supergigante, alleniamo gli adduttori, alle macchine specifiche se possiamo andare in una palestra oppure con semplici esercizi a terra che possiamo effettuare anche a casa.

Rinforziamo il tronco

Le doti di equilibrio e stabilità sono fondamentali quando indossiamo un paio di sci ai piedi. Se l’abbiamo a disposizione possiamo allenarci alla cable machine, per lavorare sul core, oppure facciamo serie di addominali e dorsali, che sono i muscoli davvero importanti quando affrontiamo una discesa con gli sci. Se poi abbiamo una swiss-ball, come quelle che si possono comprare per pochi euro in qualsiasi negozio sportivo, è anche meglio, così miglioriamo pure l’equilibrio.

Rinforziamo braccia e spalle

Per la muscolatura della parte alta puntiamo a fare distensioni delle braccia con il bilanciere alla panca, sedute alla lat-machine ed esercizi con i manubri per i tricipiti, i muscoli fondamentali per condurre gli sci, mantenere l’equilibrio ed essere pronti in caso di cadute.

Facciamo sempre riscaldamento

Prima di una giornata sugli sci facciamo sempre un buon riscaldamento, per esempio facendo dello skip sul posto che è perfetto per sciogliere la muscolatura, e poi anche dello stretching dinamico, che è utile per i legamenti come il crociato del ginocchio, molto sollecitato quando stiamo su un paio di sci.

Non dimentichiamo l’energia per sciare

Prima di un allenamento io faccio sempre una colazione con frutta e fiocchi d’avena o muesli, bevo del tè con poco zucchero, mangio del pane bianco che si smaltisce più velocemente e mi fornisce subito energia, e poi bevo molto per idratarmi: anche con il freddo si suda molto, non dimentichiamolo.

©RIPRODUZIONE RISERVATA