Sport in zona gialla a maggio: dubbi e risposte

sport in zona gialla

Il nuovo Dpcm del 21 aprile dispone nuove regole per lo sport in zona gialla a maggio (dal 26 aprile al 31 luglio); è importante dissipare dubbi e rispondere alla domanda: cosa cambia e cosa rimane uguale rispetto alle zone arancioni?
Dal 26 aprile torna la zona gialla in Italia e diverse Regioni potranno vedere cadere molte restrizioni, anche per quanto riguarda lo sport, inteso come attività fisica e attività motoria.
Lo sport in zona gialla ha chiaramente regole diverse rispetto alla zona arancione, a partire dalla possibilità di muoversi liberamente tra comuni della stessa regione. E ci sono delle novità introdotte dal Decreto Legge anti-covid del governo Draghi, come ad esempio la ripresa del calcetto e degli sport di contatto, oltre alla possibilità di assistere agli eventi sportivi (dal 1 giugno e con grossi limiti).
Qui sotto cercheremo di rispondere ai dubbi principali in merito all’attività sportiva e all’attività motoria nelle zone considerate a rischio moderato.

Pubblicità

Sport in zona gialla: dubbi e risposte

Posso andare al parco a giocare a calcio o a basket con gli amici?
Calcio e basket, così come la pallavolo, il beach volley, il rugby e tutti gli sport di contatto dal 26 aprile sono consentiti. L’unico limite è che non si possono usare gli spogliatoi: niente doccia né cambio (si deve fare a casa).

Posso giocare a calcio, basket, beach volley in un centro sportivo?
Sì, idem come sopra.

Posso andare in un centro sportivo a giocare a tennis o a padel?
Sì, idem come sopra: non è possibile utilizzare gli spogliatoi per cambiarsi.

I circoli dove giocare a golf sono aperti?
Sì, perché il golf non è considerato uno sport di contatto.

Posso andare in palestra
Sì, dal 1 giugno e solo in zona gialla.

Posso andare in piscina?
Sì, dal 15 maggio e all’aperto, solo in zona gialla.

Posso uscire dal mio comune mentre corro o vado in bici?
Sì. A differenza delle zone rosse (nessuna regione è attualmente in questa fascia di rischio) e delle zone arancioni, in zona gialla è possibile uscire dal proprio comune di residenza o domicilio per qualsiasi ragione e senza bisogno di avere l’autocertificazione.
L’attività sportiva, così come l’attività motoria (una banale passeggiata), è sempre consentita, e senza l’obbligo di dover rimanere nei dintorni di casa o nel comune.
Attenzione, però, a rispettare il coprifuoco dalle 22 alle 5.

Posso uscire dalla mia regione per fare sport?
Sì, ma solo se, partendo da una zona gialla, ti rechi in un’altra regione in area gialla.

Posso andare a correre con gli amici?
Sì, l’attività sportiva in zona gialla si può svolgere mantenendo una distanza minima di 2 metri dagli altri. Se siete con un amico, dunque, dovete fare attenzione a restare distanziati, e quando vi fermate dovete mettere la mascherina (che all’aperto è obbligatoria, a parte quando si fa sport).

Posso andare a fare una passeggiata con un amico?
L’attività motoria, che include le passeggiate, è consentita sempre e a qualsiasi condizione: è sufficiente indossare la mascherina e mantenere la distanza interpersonale di almeno 1 metro. In zona gialla è libera senza limitazioni di spostamento.

Posso andare a fare una vacanza in montagna?
Sì, si può, e chi vive in zona gialla può anche cambiare regione, andando in vacanza in un’altra zona gialla.

osso fare una ciaspolata in montagna?
Sì, andare con le ciaspole è consentito (in teoria anche se vivi in zona arancione e in un comune dove non è possibile passeggiare con le ciaspole, ma restando in regione). Chi vive in zona gialla può anche cambiare regione.

Posso andare a fare una passeggiata in montagna?
Sì, idem come sopra, anche cambiando regione.

Posso fare surf?
Sì, il surf non è nell’elenco degli sport di contatto vietati.

Abito in città e voglio andare al lago per fare canoa: posso?
Sì, il canottaggio rientra negli sport da contatto che si possono praticare dal 26 aprile.
[Photo by: Ketut Subiyanto / Pexels]

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità