Sport in zona gialla: dubbi e risposte

sport in zona gialla

Sport in zona gialla: cosa cambia e cosa rimane uguale rispetto alle zone arancioni?
Non solo la Lombardia: da domenica 13 dicembre, grazie all’ordinanza del venerdì firmata dal Ministro della Salute, anche il Piemonte, la Basilicata e la Calabria entreranno in area gialla, mentre in area arancione rimarranno Abruzzo, Bolzano, Valle d’Aosta, Campania e Toscana. Lo sport in zona gialla ha chiaramente regole diverse rispetto alla zona arancione, a partire dalla possibilità di muoversi liberamente tra comuni della stessa regione (eccezion fatta per il 25, il 26 e il 31 dicembre). Qui sotto cercheremo di rispondere ai vostri dubbi principali in merito all’attività sportiva e all’attività motoria nelle zone considerate a rischio moderato.
>>LEGGI ANCHE: Sci di fondo in Lombardia: tutte le piste accessibili senza impianti

Sport in zona gialla: dubbi e risposte

-Posso uscire dal mio comune mentre corro o vado in bici? Sì. A differenza delle zone rosse (nessuna regione è attualmente in questa fascia di rischio) e delle zone arancioni, in zona gialla è possibile uscire dal proprio comune di residenza o domicilio per qualsiasi ragione e senza bisogno di avere l’autocertificazione. L’attività sportiva, così come l’attività motoria (una banale passeggiata), è sempre consentita, e senza la limitazione di dover rimanere nei dintorni di casa o nel comune. Attenzione, però, a rispettare il coprifuoco dalle 22 alle 5.
-Posso uscire dalla mia regione per fare sport? Sì, ma solo se ti rechi in un’altra regione in area gialla. Dal 21 dicembre al 6 gennaio, però, nessun cittadino italiano potrà abbandonare la propria regione.
-Posso andare a correre con gli amici? L’attività sportiva in zona gialla si può svolgere mantenendo una distanza minima di 2 metri dagli altri. Se siete con un amico, dunque, dovete fare attenzione a restare distanziati, e quando vi fermate dovete mettere la mascherina (che all’aperto è obbligatoria, a parte quando si fa sport).
-Posso andare a fare una passeggiata con un amico? L’attività motoria, che include le passeggiate, è consentita sempre e a qualsiasi condizione: è sufficiente indossare la mascherina e mantenere la distanza interpersonale di almeno 1 metro.
-Posso andare a fare una vacanza in montagna? In teoria sì, restando all’interno della propria regione. In montagna, però, gli impianti sciistici sono chiusi almeno fino al 7 gennaio. È possibile fare sci di fondo, anche se molte piste sono ancora chiuse.
-Posso fare una ciaspolata in montagna? Sì, andare con le ciaspole è una delle poche attività che si possono fare in montagna durante questa fase dell’emergenza Coronavirus. Se abitate in città, dunque, potete prendere la macchina o il treno, raggiungere una località di montagna e godervi una domenica lungo i sentieri innevati che si snodano tra i boschi. Dovrete però rimanere nella vostra regione. È possibile recarsi in una “regione gialla” solo entro il 20 dicembre.
-Posso andare a fare una passeggiata in montagna? Sì, sempre rimanendo nella propria regione. Se vivete in Veneto, qui vi diamo qualche consiglio interessante.
-Posso fare surf? Sì, il surf non è nell’elenco degli sport di contatto vietati.
-Posso andare in un centro sportivo a giocare a tennis o a padel? Sì, ma non è possibile utilizzare gli spogliatoi per cambiarsi. Tuttavia, per molti centri sportivi è complesso, rischioso e dispendioso rimanere aperti in questo periodo, perciò non è raro trovarne alcuni chiusi da ormai più di un mese.
-I circoli dove giocare a golf sono aperti? Sì, perché il golf non è considerato uno sport di contatto.
-Abito in città e voglio andare al lago per fare canoa: posso? In teoria no, perché il canottaggio rientra negli sport da contatto vietati. Rimane però un dubbio in merito alla possibilità di pagaiare in solitaria.
-Posso andare in palestra o in piscina? No, le palestre e le piscine, così come i centri termali, sono chiusi anche in zona gialla.
-Posso andare al parco a giocare a calcio o a basket con gli amici? No, calcio e basket, così come la pallavolo e il rugby, sono sport di contatto vietati anche all’aperto.
[Photo by: Ketut Subiyanto / Pexels]

©RIPRODUZIONE RISERVATA